Bucci sogna tifosi che caccino i violenti

Riprendo le dichiarazioni rilasciate dal portiere del Parma Luca Bucci a tuttomercatoweb.com, nella speranza (mai vana) che un giorno possano diventare realtà.

"Sarebbe troppo bello se fossero gli stessi tifosi – come successo a Siviglia, quando un supporter del Betis aveva lanciato una bottiglietta in faccia al portiere avversario – a cacciare il protagonista del gesto. Tutti noi dobbiamo cercare di fare qualcosa per migliorare la situazione, al fine che due tifoserie si possano incontrare in un autogrill e bere una birra assieme. I giornalisti, ad esempio, non dovrebbero amplificare, come successo in questi giorni, messaggi violenti, che potrebbero trasmettere sete di vendetta. Scogliere tutte le associazioni di tifosi significherebbe eliminare anche club pacifici, tipo quelli sui due pullman di nostri tifosi già presenti in quell’area di servizio. Credo che si debba lavorare insieme: lo Stato, con le forze dell’ordine, con le Società, per cercare di far stare fuori dagli stadi i violenti e i delinquenti. La Digos dovrebbe individuare gli autori dei reati e lasciarli fuori dagli stadi, come succede in altri posti. E’ questa l’educazione che dobbiamo impartire a chi va allo stadio, non andare là come fosse un momento di guerriglia. Associazioni e gruppi violenti vanno subito isolati, condotti allo stadio e se sbagliano devono pagare caro, cioè va impedito loro di andare alla partita, non credo sia così difficile…".

Non c'è bisogno di aggiungere altro.

Lascia un Commento
Presenti su Google+