Goalias ha un concorrente: Robokeeper!

Solo due giorni fa ha fatto clamore sul web, la notizia di Goalias, il primo portiere automatizzato. Interessato all'argomento, ho girato il web e youtube alla ricerca di altri progetti dello stesso tipo e alla fine mi sono imbattuto in Robokeeper un altro portiere automatizzato, ancora una volta progettato da un gruppo di ricercatori tedeschi (non hanno altro da fare questi?). Rispetto a Goalias, Robokeeper è studiato per coprire una porta più piccola, all'incirca da calcio a 7, ma la differenza più importante è nella meccanica del movimento, perché Robokeeper non si muove orizzontalmente sulla linea, ma si inclina dal centro per arrivare a coprire tutta la porta. Questa dinamica spiega la dimensione ridotta della porta, adattata in modo tale da consentire alla struttura automatizzata di raggiungere quasi tutta l'area tra i pali.

Robokeeper è già "in funzione" dallo scorso anno. Il portiere è abitualmente a disposizione degli spettatori del Signal Iduna Park, lo stadio del Borussia Dortmund, dove è possibile sfidarlo e ricevere un attestato di partecipazione, nonché in giro per tutta la Germania, in un vero e proprio tour.

Chissà chi sarà il primo a raggiungere l'unione tra i due progetti. Goalias si muove su una porta da calcio regolamentare, mentre Robokeeper si inclina, risultando più "reale" agli occhi. Magari fra poco tempo, chiunque potrà disporre del proprio portiere virtuale in giardino (ad avercelo) e sfidare gli amici. No dai, meglio una sana partita con un portiere vero, altrimenti noi che ci siamo a fare? ^_^

Lascia un Commento
Presenti su Google+