Portierecalcio.it intervista l'indimenticato portiere del Napoli Pino Taglialatela

Pino TaglialatelaPino Taglialatela è stato uno dei Grandi del Napoli Calcio, un nome da accostare con pari dignità a numeri 1 come Zoff, Castellini, Garella e il compianto Giuliani tra quelli che hanno fatto grande la storia degli azzurri e oggi Portierecalcio.it ha il piacere vero di fare quattro chiacchere con lui, scoprendo dove vive e cosa fa attualmente e cosa pensa del calcio e del suo ruolo.

D. Chi è e cosa fa oggi Pino Taglialatela?

R. Oggi sono un papà felice.. seguo mio figlio, che ha 13 anni e mi occupo di immagine e pubblicità con un mio carissimo amico,  in più ho una scuola calcio a Ischia con un attenzione particolare sui portieri.. magari tra qualche anno vedrete in serie A un mio portierino!!!!

D. Qual è stato il momento più bello della tua carriera?

R. Il momento più bello sicuramente l'esordio in serie A con il Napoli.. 6 gennaio 1991 Juve -Napoli. In squadra avevo Maradona, Careca, Ferrara, De Napoli, Crippa. Non credevo a quello che vedevo... mentre nella Juve c'era Baggio, Tacconi,  Schillaci... praticamente tutti i giocatori che hanno partecipato al mondiale 90...vi lascio immaginare le mie sensazioni!!!

D. Quale invece è stato il momento più nero?

R. Indubbiamente la retrocessione con il Napoli nel 98 nella partita Parma Napoli... una ferita che non si chiuderà mai..un dramma sportivo!!!!!

D. Ti piacerebbe lavorare con l'attuale Napoli calcio?

R. Sarei ipocrita se dicessi di no... mi piacerebbe perché adoro il Napoli, è stata la mia casa e la mia famiglia per 15 anni... mi sarebbe piaciuto chiudere la carriera a Napoli, ma l'attuale dirigenza non vede di buon occhio i ritorni!!!! (e ce ne siamo resi conto con il mancato ingaggio di Fabio Cannavaro, poi finito alla Juventus ndAzzurro)

D. Portieri si nasce o si diventa?

R. Portieri si nasce, anche se oggi in campo ne vedo tantissimi costruiti e non parlo di portieri italiani. Tutto il rispetto per gli stranieri, ma io lavorerei più sul nostro prodotto, secondo me ancora il migliore al mondo!!!

D. La preparazione del portiere è oggi migliorata rispetto al passato?

R. Sicuramente è cambiata, ma non certo migliorata. Io sono dell'avviso che il portiere deve evitare gol e lavorare durante la settimana per quello, studiare gli avversari e non lasciare niente al caso. Vorrei vedere portieri con meno alti e bassi, vedi Buffon Julio Cesar, Frey, i top e poi quest'anno mi sono piaciuti Curci, Marchetti e Sorrentino...davvero bravi!!!! Non dimenticando Amelia che secondo me ha ancora molti margini di miglioramento!

D. Quanto conta veramente l'altezza in un portiere?

R. Certo che se non arrivi almeno a 1.86, oggi non ti prendono in considerazione, almeno cosi succede per i ragazzi. Ecco i portieri sono cambiati nell'altezza. Io come portiere però non ero altissimo (1.84).

D. Quanti portieri deve avere una società professionistica in rosa per non alterare gli equilibri di spogliatoio? E' giusto avere più di un "dodicesimo" in rosa, come accade sempre più spesso in serie A?

R. Secondo me una squadra deve avere tre portieri all'altezza, anche se con i ruoli definiti, il titolare ,la riserva,e il terzo per l'emergenza momentanea.

D. Parlando dell'abbigliamento, sapendo che tu sei arrivato anche a disegnarti degli splendidi completi da portiere, sei d'accordo con la moda attuale che prevede assenza di imbottiture e braccia quanto più scoperte, o pensi che l'estremo difensore debba giocare con un abbigliamento più protettivo, come accadeva in passato?

R. L'abbigliamento è soggettivo, anche se oggi ormai è una moda giocare senza maniche. Io non ci riuscirei. Preferisco le classiche maglie da portiere. Ai miei portierini consiglio la maglia lunga. Ci sarebbe da parlare per ore, ma mi fermo qui.

D. Come dovrebbe essere per te il guanto da portiere perfetto? Cosa ne pensi dei modelli dotati di stecche sempre più utilizzati anche da alcuni professionisti?

R. I guanti di oggi sono migliorati tantissimo rispetto al passato. C'è da fare solo i complimenti alle aziende per questo e anche quelli steccati si stanno rivelando ottimi prodotti!

Ringraziamo il grande Pino per la disponibilità dimostrata e gli auguriamo tutti i migliori successi professionali e nella vita.

11 pensieri su “Portierecalcio.it intervista l'indimenticato portiere del Napoli Pino Taglialatela”

11 oggetto(i)

Lascia un Commento
Presenti su Google+