Bolat: quando i portieri osano (e segnano)

Sinan Bolat è pagato dallo Standard Liegi per evitare i gol e proteggere la propria porta. Capita però che al 95° minuto della partita di Champions contro l'AZ Alkmaar (utile per strappare un posto da ripescata in Europa League), il n.1 della squadra belga si proietti nell'area avversaria nel disperato tentativo di acciuffare il pareggio per la sua squadra.

Nella mischia, nonostante la trattenuta di un avversario, Bolat stacca e colpisce con forza e precisione il pallone che si insacca all'angolino alla destra del suo collega, proteso in tuffo. Subito dopo c'è gioia e incredulità, caratterizzati da una pazza corsa verso la sua porta, con manifestazioni di gioia che nemmeno Tardelli ci aveva fatto vedere ai mondiali del 1982.

Complimenti quindi a Bolat, che ci ha ricordato che qualche volta anche ai portieri è permesso sognare (e segnare).

Per chi volesse vedere l'azione, il video è disponibile qui.

Lascia un Commento
Presenti su Google+