Sarà Romero il prossimo portiere della Roma? No

romero futuro portiere roma
Il 27 luglio Romero è ufficialmente un nuovo portiere del Manchester United. Non sappiamo ancora quali valutazioni ha fatto il giocatore argentino e se abbia ricevuto un'offerta della Roma, cosa comunque probabile. Il suo futuro ora dipenderà da De Gea e dell'impatto che riuscirà ad avere su Van Gaal, che lo ha già allenato ai tempi dell'AZ Alkmaar. Il resto dell'articolo, pubblicato precedentemente, fa delle valutazioni sui possibili portieri che avrebbero potuto essere nel mirino dell'AS Roma. Tra questi anche Sczescny, scelto come nuovo titolare da Sabatini e Garcia. Avremmo preferito un portiere italiano, ma evidentemente hanno fatto le loro considerazioni e ritenuto giusto puntare sul portiere polacco ex Arsenal, pronto per la Champions, ma dagli atteggiamenti certamente discutibili.


 

Come sempre molto movimentato, il calciomercato dei portieri si appresta ad entrare nel vivo nel mese di luglio. E' tornato, come previsto da mesi, Pepe Reina al Napoli. Marchetti è vicino al rinnovo, così come Handanovic. Neto si è accasato alla Juve (scelta poco condivisibile) e Storari cerca una nuova sistemazione. Ma resterebbe ancora scoperto, pur in presenza di De Sanctis, il posto da titolare nella Roma.

Con l'accesso alla fase a gironi della Champions League già garantito, diventa necessario trovare un profilo di livello internazionale e con adeguata esperienza nelle competizioni internazionali. Svaniti gli obiettivi sbandierati (dalla stampa) di Handanovic e Cech, restano ancora diversi profili avvicinabili alla squadra giallorossa.

Partiamo da quello più probabile, grazie allo svincolo e all'ingaggio facilmente sostenibile. E' Sergio Romero, in uscita dalla Sampdoria e titolare dell'Argentina. Rientra perfettamente nel profilo cercato dai dirigenti romanisti e non sorprenderebbe se l'annuncio arrivasse subito dopo il termine della Coppa America, attualmente in svolgimento in Cile.

Dietro il portiere argentino, diversi nomi, molti stranieri, alcuni suggestivi, ma che per un motivo o per un altro, non superano Romero in cima alla lista dei preferiti.

Iniziamo da Casillas, in potenziale uscita dal Real. Irrealistico che rimanga a Madrid se arrivasse De Gea. A quanto pare il suo entourage avrebbe sondato la disponibilità della Roma, ricevendo un netto rifiuto in considerazione del suo ingaggio fuori parametro (7 milioni di euro netti). Segue Ryan, portiere australiano del Bruges, in grande ascesa, ma deciso a restare ancora in Belgio per continuare il suo percorso di crescita e puntare solo successivamente a campionati più importanti (sicuramente la Premier League). Ci sarebbero altri nomi, mai davvero accostati alla Roma, come Sczescny e Ospina, chiusi dall'arrivo di Cech all'Arsenal. Poi Begovic, portiere bosniaco in forza allo Stoke, dato molto vicino al Chelsea.

Ma gli italiani? I nomi sono due. Il primo è Perin, che in caso di offerta molto alta, partirebbe sicuramente dal Genoa, bisognoso di denaro per sanare la propria posizione economica. Un investimento di sicuro rendimento, ma che Sabatini preferirebbe fare in altri ruoli maggiormente scoperti. Il secondo nome è quello di Sirigu, fresco di rinnovo al PSG, ma che potrebbe tornare in gioco in caso di 'assurdi' movimenti della società parigina, più interessata al nome (Casillas?) che al rendimento tecnico.

Sicuramente starò dimenticando qualche nome, ma resta l'idea di fondo che possa essere Romero il portiere scelto. Difficile che la Roma si attardi a scegliere il nuovo numero uno, quindi ci vorranno ancora pochi giorni per sapere se le cose andranno così come immaginate.

Lascia un Commento
Presenti su Google+