Guanti portiere One Grip 17. Un passo avanti per Puma

Guanti portiere Puma One GripSe pensiamo ai guanti da portiere Puma, inevitabilmente la prima immagine che ci viene in mente è quella di Buffon che alza qualche trofeo.

Il connubio tra il capitano della Juventus e della nazionale e i suoi guanti va avanti da oltre dieci anni e l'evoluzione dei guanti Puma è andata di pari passo con i successi del portiere bianconero.

All'alba della sua ultima stagione da calciatore, Puma lancia la nuova collezione One, modelli che finalmente portano novità strutturali rispetto ai precedenti modelli che abbiamo visto e indossato negli ultimi anni.

I guanti ONE Grip

La nostra scelta è ricaduta su tre modelli. Come sempre diversi per caratteristiche e prezzi. Importante segnalare subito che nessun modello è dotato di stecche protettive. Se cercate questi modelli, dovete continuare ancora a dirigervi verso gli evoPOWER.

Grafica e colori sono nuovi e la prima scelta è stata di puntare sui toni contrastanti del bianco e del rosso, abbinati al nero.

Vediamo ora nel dettaglio i tre modelli e le loro differenze.

ONE Grip 17.1

E' il guanto che introduce le più importanti novità. Un deciso cambio rispetto a quanto accadeva tra Grip 1.3 e Grip 2.3, dove le differenze erano decisamente minori.

Iniziamo dal palmo, con il lattice che non cambia e resta ancora l'Ultimate Grip. Piccola rivoluzione, invece, nella costruzione della mano. Viene abbandonato il taglio classico piatto con cuciture esterne e si passa a un moderno taglio, con indice e mignolo rollfinger e medio e anulare ibridi.

Anche il pollice viene rivisto, con il nuovo Thumb Wrap x2. Il risultato è minor spazio per il dito, che acquisisce maggior sensibilità e controllo sul pallone,

Giriamo lo sguardo sul dorso e notiamo subito ampie zone con strisce in gel siliconico sulla zona delle dita. Il vantaggio, ormai comune a diversi altri guanti, è nel respingere con maggior efficacia il pallone con i pugni.

La struttura del guanto è in neoprene e altro tessuto a maglia fitta. Neoprene che va a formare il polsino, non particolarmente stretto come accade in altre occasioni. Il lattice riveste con una piastra centrale, la zona dove è stampato il logo.

Finiamo con il cinturino, più largo e rivisto nella lavorazione. Leggermente più corto, ma altrettanto efficace nel consentire una chiusura ottimale.

Vai alla scheda prodotto dei guanti da portiere Puma One Grip 17.1

ONE Grip 17.2

Siamo arrivati al modello usato abitualmente da Buffon. Nessuna rivoluzione, ma anche in questo caso, qualche novità che lo rende a pieno titolo un paio di guanti nuovo, rispetto al Grip 2.3.

Il lattice resta l'Ultimate Grip. Il taglio sempre piatto con cuciture esterne, ma c'è un miglior lavoro nelle finiture.

Cambiamenti nel pollice, che abbandona la struttura classica con palmo e dorso separati e viene realizzato con il Thumb Wrap. Quindi lattice che dal palmo, va a finire sul dorso.

Parte anteriore del guanto tradizionale, senza imbottiture di alcun tipo. Migliorati i tessuti, anche nelle parti laterali delle dita.

Polsino classico e cinturino, rivisto anche in questo caso, che richiama le scelte fatte per il modello 17.1

Vai alla scheda prodotto dei guanti da portiere Puma One Grip 17.2

Per i portieri più piccoli è stata realizzata anche una versione junior del 17.2 con le stesse caratteristiche tecniche.

ONE Grip 17.3

Ci fa piacere poter notare miglioramenti anche in questa versione. Migliorati i materiali e la costruzione complessiva. Il lattice e la struttura del palmo restano i soliti, con mescola Multigrip e taglio piatto.

Resta sempre un guanto indicato esclusivamente per uso amatoriale o per allenamenti senza particolari pretese.

Vai alla scheda prodotto dei guanti da portiere Puma One Grip 17.3

Anche in questo caso è disponibile una versione junior del 17.3 per i portieri più piccoli.

Le differenze tra Grip 17.1 e 17.2

confronto guanti portiere Puma One Grip 17.1 e Grip 17.2

Arriviamo a un approfondimento particolarmente atteso. Sono tanti che, non avendo modo di verificare personalmente le differenze tra i due modelli, ci chiedono cosa cambi tra loro.

Con gli evoPOWER abbiamo pubblicato un articolo apposito per cercare di fare chiarezza, ma questa volta sarà molto più facile, perché le diversità sono subito evidenti.

La calzata

taglio diverso delle dita

Entrambi i modelli sono leggeri, ma il 17.2 è una vera e propria piuma. E' ancora più leggero del vecchio modello e i tessuti usati per i rivestimenti sono morbidi e flessibili.

Dalla prima foto si nota una lunghezza maggiore per il 17.1 che si traduce fondamentalmente in un polsino più lungo.

Ma le misure? Calzano uguali? Ovviamente no, perché il taglio è diverso e le sensazioni non possono che rispecchiare questa scelta.

E' importante indicare che il 17.1 veste leggermente più grande rispetto al 17.2. Niente che ci costringa a prendere mezza misura in meno. Il 17.2, invece, calza perfetto e dà ottime sensazioni che saranno sicuramente apprezzate da chi ama giocare con guanti molto leggeri e senza fronzoli.

Le differenze sul dorso

Come già anticipato, il 17.1 possiede rinforzi in gel su tutta la parte anteriore delle dita. Questo rende indubbiamente il guanto un po' più rigido, restando comunque nella norma dei guanti normali. Nessun rischio di ritrovarsi dei guanti massicci. Non è questo il caso del Grip 17.1

Viceversa, il Grip 17.2, come già scritto, si avvantaggia della leggerezza e ne fa un importante punto di forza.

Teniamo a precisare che se stai cercando un paio di guanti da portiere con una discreta zona protettiva sul dorso, il Grip 17.1 è un'opzione più che valida e tra i migliori attualmente in vendita sul nostro ecommerce.

Il pollice

differenze tra i pollici dei due guanti

Cambiamenti e diversità per entrambi i guanti. Costruzione quasi triangolare per il 17.1 e più tradizionale per il 17.2.

In questo caso, apprezziamo la scelta fatta sul modello top, per alcuni versi andato verso quanto si faceva con l'evoSPEED, anch'esso caratterizzato da un pollice con taglio negativo e calzata fit.

Pur con la novità del Thumb Wrap, rimane più convenzionale la struttura del 17.2.

Quale conviene tra i due Grip 17?

Differenza di prezzo di prezzo e materiali. Scelta innovativa o conservativa. Difficile stabilire cosa sia meglio.

Chi vuole un paio di guanti con novità nei materiali e nelle forme, farà bene ad andare sul Grip 17.1, mentre se sei tradizionalista e ti piace giocare con guanti morbidi e leggeri, il Grip 17.2 è il modello giusto.

Ma gli evoPOWER ci sono ancora!

I guanti evoPOWER solo con stecche alle dita

Esatto, come scritto sopra, i guanti evoPOWER non sono spariti, ma in questa fase diventano esclusivamente modelli con stecche protettive, mantenendo i tre modelli Protect.

Nessun cambiamento nella struttura e nelle tecnologie. L'unico ed evidente è nei colori, con netta predominanza del nero sul dorso e sul palmo, spezzato da un acceso rosso corallo sulle dita.

Sistema di stecche Fingerprotection, anche se ormai leggiamo sempre FlexTEC. Andate tranquilli, perché non c'è nessun rischio di rottura.

Taglio delle dita piatto a cuciture esterne, che resta ancora quello preferibile per i guanti con le protezioni.

L'evoPOWER Protect 1 è l'unico con le stecche estraibili e sul pollice. E' imbottito e nel complesso quello più massiccio.

L'evoPOWER Protect 2 monta il lattice Graphit Plus. Nessun cambiamento anche in questo caso, se non estetico.

L'evoPOWER Protect 3 è la scelta amatoriale e anche in questo caso mantiene le stesse caratteristiche tecniche.

I tanti modelli in sconto

Non possiamo chiudere senza ricordare che precedenti modelli e colorazioni dei guanti da portiere Puma sono ancora disponibili e li potete acquistare in sconto.

Tante occasioni per risparmiare e indossare guanti diversi per esigenze anche molto diverse.

Ricordo, modelli Grip sono normali e Protect con le stecche.

Lascia un Commento
Presenti su Google+