De sanctis

  • Buffon e il record di imbattibilità in Serie A

    Il portiere ha una carriera mediamente più lunga degli altri giocatori, ma superati i 35 anni, gli acciacchi si fanno sempre più insistenti e solo una perfetta vita di atleta con i giusti compromessi, può garantire una piena attività agonistica. E questo pare essere proprio il caso di Gigi Buffon, classe 1978, ormai vicino alla soglia dei 37 anni, ma ancora assoluto protagonista sui campi da gioco.

    C'è chi lo dava per finito qualche anno fa, vuoi per problemi fisici alla schiena (con cui convive serenamente), vuoi per mancanza di stimoli dopo aver vinto tutto. Ancora oggi subisce critiche da chi pensa sia comunque vecchio e debba lasciare spazio ad altri. Eppure, la sua esperienza, il suo carisma e la sua attitudine al lavoro, non solo gli consentono di essere capitano della Juventus e della Nazionale con pieno diritto, ma di farlo da protagonista, dando ragione a chi crede che la dedizione e la consapevolezza nei propri mezzi siano il volano per raggiungere qualsiasi traguardo.

    Dopo cinque giornate di campionato, sono ancora zero i gol subiti. Ogni partita è sempre una nuova tappa e il rigore parato a Denis, con tanto di indicazione istintiva sul dove sarebbe andato a tuffarsi, è solo la firma in calce, l'attestato di partecipazione ad una nuova sfida. Sì, perché molti dimenticano che Buffon non prende gol dalla scorsa stagione, precisamente dal 28 aprile per opera di Simone Zaza. Sono 801 minuti, distanti solo una partita e mezzo dal record di Sebastiano Rossi, fermatosi a 929. L'ostacolo che si metterà di traverso il prossimo fine settimana è la Roma, sicuramente il più temibile tra gli avversari e con un reparto offensivo di caratura internazionale e ben felice di poter far fallire questo tentativo.

    Nessuno può sapere se il vecchio primato verrà battuto o meno, ma resterà sicuramente questo impressionante avvio di stagione, affiancato da un altro vecchietto terribile che incrocerà proprio contro la Roma. Sì, perché anche Morgan De Sanctis, reduce da un intervento al gomito, continua a stupire, con un solo gol subito al passivo. Perché è giusto dare risalto ai tanti giovani che si stanno facendo valere in questo avvio di stagione, ma davanti ad un monumento nazionale come Buffon ed un altro grande interprete come De Sanctis, non si può che applaudire per ciò che ci hanno fatto vedere in questi anni e che probabilmente ancora vedremo nel prossimo futuro.

     

  • De Sanctis operato a un gomito: 2 mesi di stop

    Apprendiamo dal sito di Gianluca di Marzio dell'operazione al gomito a cui si è dovuto sottoporre Morgan De Sanctis.

    Il noto giornalista di Sky cita una nota apparsa sul sito ufficiale della Roma: “In data odierna Morgan De Sanctis è stato sottoposto ad intervento chirurgico artroscopico per una pulizia articolare e asportazione di un corpo mobile del gomito destro, presso il Nuovo Ospedale di Sassuolo. L’intervento, perfettamente riuscito, è stato eseguito dal prof. Luigi Adriano Pederzini, alla presenza del medico sociale Alessandro Fioretti. Il calciatore, dopo un periodo di 7 giorni in completo riposo, inizierà il trattamento riabilitativo. I tempi di recupero previsti sono di circa 60 giorni”.

    Un intervento, come leggiamo tecnicamente riuscito, ma che comunque costringerà l'estremo giallorosso, ex portiere della nazionale e del Napoli a uno stop che gli farà saltare anche parte della preparazione precampionato.

    Se un professionista può affrontare la cosa, riabilitazione compresa, senza particolari pensieri, ribadiamo per chi gioca per divertimento (ma anche per chi, giocando nelle serie inferiori ha a che fare con campi duri) la nostra raccomandazione a utilizzare sempre abbigliamento protettivo, partendo dalle maglie da portiere (che abbiamo analizzato anche in un recente articolo su questo blog), arrivando alle gomitiere per chi non vuole rinunciare alla mezza manica.

    In questa maniera eviterete di dover ricorrere anche voi all'ortopedico, rischiando oltre il giro sotto i ferri, le spese non sempre mutuabili di una lunga e fastidiosa riabilitazione, che potrebbe anche crearvi problemi nello studio o nel lavoro di tutti i giorni. Meglio una protezione oggi di una cicatrice domani.

  • Viviano escluso da Prandelli. Su Facebook volevate Abbiati

    Il momento del taglio è arrivato, tralasciando qualsiasi tipo di commento sulla vicenda del calcioscommesse (c'è stato, c'è e ci sarà, purtroppo) e limitandoci, come sempre, a parlare di portieri.

    E' quindi Viviano l'escluso da Prandelli. Il CT della Nazionale gli ha preferito Buffon, De Sanctis e Sirigu. Dando per certo il posto tra i pali del numero 1 juventino, la scelta è ricaduta sull'esperto portiere del Napoli e sullo 'straniero' del Paris Saint Germain. Se quest'ultimo ha disputato un'ottima stagione in Francia, lo stesso non si può dire per il suo collega abruzzese, tornato decisivo, però, nella finale di Coppa Italia. Possibile che per Viviano abbia influito anche il lungo infortunio e la discreta, ma non esaltante, seconda parte di stagione a Palermo. Pochi dubbi che questa non sarà l'ultima occasione per partecipare a un grande evento con l'Italia.

    Nel frattempo, sulla nostra pagina Facebook, ci siamo lanciati in un sondaggio che ha raggruppato quasi tutti i portieri italiani dell'ultima stagione di A, includendo quindi, anche quelli non scelti da Prandelli. Questi i risultati (il voto è sempre aperto, ma i trend sono abbastanza chiari):

    1. Abbiati (79)
    2. Marchetti (39)
    3. Sirigu (29)
    4. Benassi (22)
    5. Viviano (16)
    6. De Sanctis (15)
    7. Consigli e Sorrentino (8)
    8. Agazzi e Mirante (2)
    Come appare subito evidente dai risultati, ai primi due posti ci sono i grandi esclusi Abbiati e Marchetti. Per il primo le motivazioni possono essere l'età e tecniche, sebbene anche De Sanctis non sia giovanissimo; difficile pensare che il ct si sia appigliato alle vecchie dichiarazioni del portiere milanista, contrario a fare la riserva, oltremodo superate dalla rinnovata disponibilità dopo il suo arrivo alla guida della squadra. Diverso, invece, il discorso su Marchetti, tornato in auge dopo la strana stagione passata lo scorso anno a Cagliari. Non sapremo (mai?) se il brutto episodio di Udine lo ha escluso dalla lista dei possibili convocati, ma il rendimento costante durante il campionato, avrebbe potuto concretamente farlo rientrare quantomeno nella lista preliminare. Spicca anche il quarto posto di Benassi, protagonista di una bella stagione a Lecce, ma culminata con la retrocessione dei salentini. Ultimo dei convocati De Sanctis, poco supportato dai nostri iscritti, perplessi dall'altalenante rendimento fornito nel 2012.
    L'ultimo tassello che manca è quello sull'eventuale sostituto di Buffon. Toccherà all'esperienza di De Sanctis o alla freschezza atletica di Sirigu?
  • Classifica finale "Vota il miglior portiere Serie A 2010/2011"

    Tempo di chiudere anche per questa stagione il nostro concorso 'senza alcun fine di obiettività' che sancisce quale è stato il portiere che più si è distinto tra gli altri nel corso di questa stagione. A vincere è Abbiati, al primo posto per gran parte del campionato e degno vincitore del nostro 'gioco'. Poco dietro di lui De Sanctis, anche lui protagonista di una grande stagione. Molto più indietro, ma solitario al terzo posto, Julio Cesar, importantissimo per i nerazzurri, soprattutto nel corso dei mesi invernali (gli errori di Champions esulano da questo giudizio). Per un commento più completo, vi rimando a un prossimo post dove daremo i voti finali a tutti i portieri della Serie A.

    Prima delle classifiche, ricordo che Abbiati succede a Frey e Julio Cesar.

    Classifica
    46 pt. Abbiati
    41 pt. De Sanctis
    29 pt. Julio Cesar
    28 pt. Arcari e Viviano
    26 pt. Storari
    24 pt. Handanovic
    22 pt. Gillet
    20 pt. Rosati
    19 pt. Buffon e Sorrentino
    18 pt. Sirigu
    16 pt. Boruc
    13 pt. Agazzi
    12 pt. Sereni
    11 pt. Eduardo
    10 pt. Andujar
    9 pt. Antonioli e Muslera
    8 pt. Castellazzi
    6 pt. Mirante
    5 pt. Frey, Leali e Padelli
    4 pt. Curci e Julio Sergio
    3 pt. Amelia
    2 pt. Lobont
    1 pt. Belardi, Doni e Perin

    Classifica presenze:
    16 presenze: Viviano
    15 presenze Sorrentino
    14 presenze: Abbiati e De Sanctis
    13 presenze: Gillet
    12 presenze: Antonioli, Handanovic e Sirigu
    11 presenze: Agazzi, Arcari e Storari
    10 presenze: Boruc, Eduardo, Julio Cesar, Mirante e Rosati
    8 presenze: Muslera
    7 presenze: Andujar, Curci e Sereni
    5 presenze: Buffon e Julio Sergio
    4 presenze: Castellazzi
    2 presenze: Doni, Frey e Lobont
    1 presenza: Amelia, Belardi, Calderoni, Leali, Padelli e Perin

  • Problemi di sponsor tra De Sanctis e il Napoli

    problemi per de sanctis al napoliIl Napoli e la questione dell'impossibilità dei propri tessarati di poter gestire liberamente i propri diritti di immagine, è cosa nota per chi è ben informato sulla squadra partenopea. Il caso più eclatante riguarda certamente quello di Lavezzi, impossibilitato a firmare un accordo con l'Adidas, proprio per questo motivo e alla base delle frizioni del talento argentino con la sua attuale squadra.

    E se il trasferimento di Obinna pare essere definitivamente saltato, grossi problemi sembrano esserci anche per l'arrivo in ritiro di Morgan De Sanctis, bloccato nella sua abitazione di Pescara, dal contratto che lo lega alla Lotto sino alla fine della prossima stagione. Il Napoli ne chiede l'immediata rescissione, mentre il portiere non sembra essere d'accordo. Il suo procuratore, distoglie l'attenzione da questo problema, limitandosi a dichiarare la sola mancanza del nulla osta in arrivo dal Siviglia.

    Oggi è previsto un incontro con il dg Marino, nella speranza di giungere a un accordo (nei termini richiesti dalla società...), pena il decadere del trasferimento. Un'eventualità che costringerebbe il Napoli a tornare sul mercato alla ricerca di un nuovo portiere. E intanto Iezzo, Navarro e Gianello sono ancora al loro posto.

    AGGIORNAMENTO: si apprende da Tuttonapoli.net, che riprende un'intervista di De Laurentiis rilasciata a Sky, che De Sanctis (sicuramente per la notizia qui sopra riportata) non arriverà più al Napoli. Resta da capire ora se gli azzurri proseguiranno con Iezzo e Navarro o si riaffacceranno sul mercato per trovare un nuovo portiere.

  • Il Napoli acquista De Sanctis e Andujar firma per il Catania

    de sanctis al napoliDue notizie ufficiali in arrivo da questo calciomercato. Ieri sera è trapelata la scelta di De Sanctis in favore del Napoli. La società partenopea dovrebbe aver acquisito il cartellino dell'esperto portiere a titolo definitivo dal Siviglia, pagando circa un milione e settecentomila euro e dandone al giocatore uno per quattro anni. Solo ieri pomeriggio si diceva che De Sanctis stesse valutando anche l'ipotesi di andare al Genoa, ma la squadra ligure sembra intenzionata ad acquistare, o quantomeno provarci, Sorrentino dal Chievo. A Napoli, ora diventa importante stabilire chi sarà il secondo del nuovo arrivato, perché è difficile che Iezzo e Navarro accettino tale ruolo. Per il primo si profila un trasferimento in qualche squadra blasonata, mentre per l'argentino non è da escludere il prestito al River Plate.

    E chiudiamo con l'altra notizia del giorno, attesa da più di una settimana, ma su cui non c'era che da aspettare. E infatti Andujar ha firmato con il Catania sino al 2013. Di lui abbiamo già scritto ampiamente, ora resta solo da vedere come si evolverà il probabile dualismo con Campagnolo. Ne vedremo delle belle.

  • De Sanctis vuole giocare. Addio Siviglia?

    Morgan De Sanctis, attuale portiere del Siviglia, è stato intervistato dal quotidiano fiorentino 055news, in vista dell'incontro di campionato tra la Fiorentina e la sua ex squadra, l'Udinese. Traendo spunto da una riflessione sulle possibilità di partenza di Frey "In Europa solo sei-sette squadre sono superiori ai viola e questo Frey lo sa", gli è stato chiesto qualcosa anche su un suo eventuale ritorno in Italia. De sanctis ha risposto:

    “Mai dire mai. Qui a Siviglia sto benissimo e, nonostante sia arrivato in una situazione con i ruoli già ben definiti, ho avuto l’occasione di giocare con continuità per due mesi, in cui le cose sono andate benissimo. Devo valutare più aspetti anche se una cosa è certa: io, il prossimo anno, voglio giocare. Se qui non c’è la possibilità, valuterò tutte le altre ipotesi”.

    A Siviglia il posto da titolare gli è precluso da Palop, quindi è molto difficile che il 31enne portiere di Guardiagrele possa restare un'altra stagione in questa squadra. Cosa gli preserva il futuro? Ancora estero o ritorno in Italia? Questa estate il mercato per i portieri si annuncia davvero bollente.

    fonte: 055news.it

7 oggetto(i)

Presenti su Google+