Inter

  • La strana esultanza del portiere del Mazembe

    Il prossimo sabato la sorpresa Mazembe, campione d'Africa per club, affronterà l'Inter nella finale del mondiale ad Abu Dhabi. Non è questo il posto per parlarne, abituati come siamo a soffermarci su argomenti che riguardano i portieri.

    E infatti, come non osservare stupiti l'esultanza di Muteba Kidiaba, il portiere della formazione congolese, seduto per terra che saltella sul sedere? Questo particolare modo di festeggiare, chiamato da lui stesso Kikibo­uaky, è nato qualche anno fa, come allenamento per allenare gli addominali e poi usata in partita, spinto dalla voglia di esprimere la sua gioia lontano dai compagni. Nel video lo potrete 'ammirare' sia dopo il gol, che a fine partita. Mi raccomando, dal prossimo allenamento tutti a fare il Kikibouaky!

  • Toldo appende i guanti al chiodo. Il futuro è Inter Campus

    toldo ambasciatore di inter campus"Smetto di giocare a calcio. È la prima volta che lo dico ufficialmente e sono abbastanza emozionato, perché per venti anni è stato il mio lavoro. Nonostante questo, continuerò all'interno dell'Inter con delle mansioni di collaborazione che mi legheranno a Inter Campus, cercando di aumentare l'immagine già altissima di questo evento sociale, portando in giro il nome dell'Inter. Non mi aspettavo di restare a lungo perché programmi in proposito non ne avevo fatti né a livello sportivo né a livello di come avrei vissuto in questa società, però una volta dentro ho capito subito l'armonia che c'era, e i risultati credo che non siano stati un caso, perché aver vinto tutto negli ultimi cinque anni denota una organizzazione generale di alto livello. Io credo che in questi ultimi anni il gruppo è stato corretto nei confronti di tutti e onesto nei confronti del prossimo all'interno del gruppo, e di conseguenza c'è stato l'arrivo delle vittorie, che hanno fatto bene a tutto l'ambiente dell'Inter. Quindi, le situazioni personali erano da mettere da parte e sono state messe da parte, a favore della squadra".

    Grazie.

  • Video celebrativo della stagione 2009/2010 di Julio Cesar

    Non sarà stato l'anno migliore di Julio Cesar, ma i tre titoli conquistati e l'imminente Mondiale, sono un'ottima panacea per prestazioni non sempre convincenti. Eppure le parate decisive sono state tantissime (le più importanti quella di Barcellona su Messi e su Muller in finale contro il Bayern) e il suo apporto certamente importante al fine di ottenere il 'triplete'.

    E per celebrare il portiere brasiliano, anche quest'anno ci affidiamo al sito Julio Cesar Fans, sempre aggiornato e con interessanti notizie. Sotto un filmato, lungo oltre 10 minuti, ricco di tantissimi interventi lunghi un'intera stagione. A voi la visione.

  • Julio Cesar rinnova con l'Inter sino al 2014

    julio cesar rinnova sino al 2014Il rapporto lavorativo tra l'Inter e Julio Cesar si rinnova sino alla fine della stagione 2013/2014. E' infatti di questa sera la notizia del rinnovo del fortissimo portiere brasiliano con il club milanese. La notizia è stata ufficializzata sul sito nerazzurro poco dopo le 19.30. Qualche parola di circostanza da parte del portiere in partenza per il ritiro brasiliano: "Sono molto contento e ringrazio il presidente Moratti e tutta la Società. Con l'Inter ho già vinto tanto, ma la nostra forza è continuare a lavorare per raggiungere tanti nuovi traguardi".

    I numeri del rinnovo ancora non si conoscono, ma è facile immaginare che il nuovo ingaggio sia superiore ai quattro milioni di euro a stagione. Julio Cesar merita un compenso da top player e, pur in regime di risanamento finanziario, bloccare i giocatori migliori è il punto di partenza per continuare a primeggiare in Italia e possibilmente in Europa. Ci auguriamo per lui che questa firma non sortisca gli estessi effetti avuti sul suo redivivo connazionale Nelson Dida, caduto in una spirale nera dopo il sontuoso rinnovo da 4,5 milioni di euro a stagione che terminerà il prossimo giugno.

  • I media scoprono l'acqua calda: il Man Utd vuole Julio Cesar

    Julio Cesar riflette sul Manchester UnitedTutti riconoscono il valore di Julio Cesar e quanto possa interessare ai più grandi club europei, soprattutto se alla ricerca di un nuovo portiere. Il primo che viene alla mente è proprio il Manchester United, prossimo alla separazione da van der Sar, deciso ad appendere i guanti al chiodo a fine stagione. Non bisogna perciò, essere dei genii per collegare il nome del portiere interista al club campione del mondo. Eppure il post pubblicato dalla moglie di Julio Cesar (Susana Werner, sì proprio la Ronaldinha del Ronaldo interista) ha scatenato i giornalisti, creando il solito caso sul quale scrivere montagne di articoli.

    Ecco cosa a scritto la Werner: "Sto passando una settimana di grandi emozioni: mio figlio ha compiuto sette anni e mio marito è stato "assediato" dalle richieste di un grande club, e questo ci ha fatto molto piacere. Lui a Milano si trova bene ma nel calcio, si sa, può succedere di tutto. Io mi auguro che l'Inter si renda conto del valore di mio marito e di quello che merita e spero che lui non si senta tentato di andare altrove...Quando siamo arrivati a Milano Julio era uno come un altro, ora è un paratutto". E poi arrivata la smentita, spiegando che quanto scritto era la conseguenza delle notizie circolate in rete e che lei aveva semplicemente commentato.

    Apriti cielo! Parafrasando le frasi si capisce chiaramente che il Man Utd ha fatto un'offerta non ufficiale, pare di 6 milioni al giocatore e 25 milioni all'Inter e che se il contratto attuale non fosse adeguatamente rinnovato, l'ipotesi di lasciare l'Italia verrebbe presa seriamente in considerazione. Peccato che la Werner si dimentichi che è stata l'Inter a scommettere su suo marito e farlo diventare quello che è oggi...

    Fatto sta, che da queste parole è partito un inevitabile susseguirsi di notizie, indiscrezioni e ipotesi più o meno realistiche. La risposta della società e dello stesso giocatore, però non ha tardato ad arrivare. L'Inter ha parlato per tramite di Branca che si è limitato a dire che il contratto verrà presto rinnovato senza alcun problema. La smentita, o sarebbe meglio dire la difesa del portiere si limita a "Ho un contratto con l'Inter e sono felice così", caspita chi l'avrebbe mai pensato :D

    In tutto questo si aggiungono le parole del procuratore a confermare tutto e bramare l'idea di fare altri soldi: "Il Manchester United è interessa­to a Julio. A quanto mi risulta non ha fatto una proposta ufficiale all’Inter perché il mercato è chiuso. Può darsi che succeda qualcosa a gennaio, ma in ogni caso prima devono parlare le società. Con l’Inter abbiamo ottimi rapporti".

    Credo proprio di aver riportato tutto. Ora faccio la mia piccola e personale riflessione. Julio Cesar è sicuramente tra quei cinque portieri al mondo che fanno la differenza. L'Inter dà tantissimi soldi a gente che vede raramente il campo, quindi non vedo alcun motivo per non adeguare cospicuamente l'ingaggio del giocatore brasiliano. D'altra parte, una sua cessione con la giusta contropartita economica, darebbe ulteriore liquidità alla società milanese che potrebbe reinvestirli in un altro portiere di valore (nuovamente Frey? Marchetti?) oppure lanciando in porta Viviano, ora in prestito a Bologna. Voi che fareste? Se non fosse per i soldi, Julio Cesar lo terrei legato alla porta per ancora molte stagioni. Ma se è partito Ibra, nessuno può considerarsi incedibile.

  • Ecco Toldo in campo con il caschetto

    toldo indossa il caschetto

    Direttamente dal sito dell'Inter. Come aveva promesso, Toldo d'ora in avanti giocherà e si allenerà indossando un caschetto protettivo. Dopo Cech, un altro portiere di livello internazionale, preferisce la sicurezza, contro il rischio di farsi male in campo. In futuro ci capiterà più spesso di vedere nei campi di gioco, portieri indossare il caschetto? Chissà, intanto auguriamo ottima salute a Toldone!

  • Julio Cesar vuole finire la carriera all'Inter

    jcreuschJulio Cesar dichiara, dalle pagine di Tuttosport, la propria fedeltà all'Inter: "Il mio contratto scade nel 2012 e spero di prolungarlo. Qui sto bene, sono felice e penso di finire la carriera all'Inter, poi, a 34-35 anni, tornerò a casa mia, in Brasile".  Fa ancora più effetto la sicurezza con cui il portiere brasiliano ha rassicurato i tifosi sul proprio futuro, se pensiamo alle parole molto diverse spese da Ibrahimovic in più di una occasione. Due modi diversi di approcciare la professione.

    Julio Cesar non ha parlato solo di questo al giornalista di TS. Tanti i temi affrontati, il finale di campionato:"Lo champagne in fresco? No, non l'ha fatto nessuno dei miei compagni perché abbiamo il massimo rispetto per il campionato e sappiamo che non è ancora finita" , nonché l'immancabile commento sui suoi colleghi che si affronteranno domenica: "Dida lo conosco benissimo, ultimamente ha giocato poco ma ha qualità ed è uno che fa la differenza. Che dire di Buffon... da dieci anni è uno dei migliori portieri al mondo". Anche una curiosità che ci tengo a riportare, come l'opinione che aveva di lui Marcon al Chievo: "Ho esordito in Brasile a 17 anni, poi sono diventato il titolare del Flamengo. Marcon dice che mi tuffavo di pancia? Non è vero... ma rispetto la sua opinione perchè da lui e da Marchegiani ho imparato tutto".

  • L'Inter ha un nuovo portiere... Mourinho!

    Partitella tra membri dello staff tecnico interista. Ha partecipato anche Mourinho, che non ha voluto farsi mancare nulla, neanche l'ebrezza di giocare in porta! Vi rimando al sito dell'Inter per tutte le altre immagini

  • L'importanza di avere in squadra Julio 'Muro' Cesar

    FBL-EUR-C1-INTER-MANUTDIeri sera abbiamo avuto l'ennesima dimostrazione di quanto un grande portiere possa fare la differenza. Si dice sempre che un buon portiere è in grado di dare almeno 10 punti alla propria squadra. Ieri non ce n'erano in palio, ma la prestazione di Julio Cesar mantiene intatte le possibilità di qualificazione dell'Inter ai quarti di Champions League. E se vi par poco...

    Queste le sue dichiarazioni al termine dell'incontro di ieri: "Sono contento della mia prestazione e sono molto soddisfatto. Mi sono sempre fatto trovare pronto quando la squadra ha avuto bisogno di me, adesso vado a casa felice". Sulle punizioni di Ronaldo: "Il giorno prima della partita ci siamo allenati con Mario Balotelli che è tra i migliori a battere le punizioni, ci siamo preparati con attenzione, soprattutto perchè questi palloni sono diversi da quelli usati nelle competizioni della Serie A, prendono degli effetti differenti e rendono ogni punizione ancora più insidiosa. Per questo ho dovuto concentrarmi al massimo per non farmi sorprendere. In ogni caso, per noi, lo 0-0 è un buon risultato, sicuramente migliore di un 1-1. All'Old Trafford possiamo sfruttare il contropiede con Ibrahimovic e tutti i nostri giocatori più veloci."

    Ne approfitto anche per provare un nuovo plugin video, con questa sintesi delle parate compiute da Julio Cesar, sabato scorso contro il Bologna.

    [http://www.youtube.com/watch?v=OUYNn7UwnB0]

  • Julio Cesar in versione Brasile batte il vecchio record d'imbattibilità di Taffarel

    Il Brasile non se la sta passando benissimo. Dunga è sempre criticatissimo dalla stampa brasiliana e la sua squadra non decolla. L'unico che può festeggiare dopo l'incolore pareggio per 0-0 contro la Colombia è Julio Cesar, capace di battere il record di imbattibilità nella nazionale verdeoro, sino a ieri detenuto da Claudio Taffarel. Il record è stato stabilito a partire dal match disputato contro l'Argentina e poi a seguire Cile, Bolivia, Venezuela e Colombia, per un totale (al momento) di 492 minuti senza subire alcuna rete. A riguardo le parole dello stesso portiere: Sono orgoglioso di aver superato Taffarel, era uno degli idoli della mia infanzia.  L'importante, però, è vincere subendo o non subendo reti. Non mi preoccupo di stabilire record"

    Domenica ci sarà il posticipo contro la Roma. Tanti compagni di nazionale giocano con i giallorossi: "Ho già giocato tante volte questo match. Lo considero il confronto più spettacolare della serie A. Ultimamente a Roma abbiamo vinto spesso, spero che accada di nuovo anche se rimane una gara da tripla. Ho parlato con loro (Doni, Juan e Baptista) e abbiamo scherzato su questa gara, del resto loro sono già sei punti sotto di noi..." Poi una parola su Totti, probabilmente disponibile contro l'Inter: "Francesco è uno che mi ha sempre fatto goal. Se dovesse giocare, sarebbe sicuramente un'arma in più per loro, ma io mi accontenterei di subire goal da lui e vincere la partita. Del resto è già successo..."

Oggetti 1 a 10 di 16 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
Presenti su Google+