Olimpiadi

  • Olimpiadi: finisce male l'avventura del calcio italiano.

    Si conclude con una sconfitta per 3 a 2 contro un sorprendente Belgio l'avventura italiana della nazionale di calcio under 23 alle Olimpiadi di Pechino.

    Brutta davvero la prova di Emiliano Viviano, sorpreso sul terzo gol e espulso subito dopo per aver letteralmente perso la testa, protestando contro alcuni giocatori avversari.

    Non era questa l'Italia che ci aspettavamo nei quarti di finale, e nonostante l'assenza di fuoriquota di qualità, avevamo cominciato a sperare nell'arrivo di una medaglia olimpica, vista la qualità tecnica dei nostri titolari.

    Invece è avvenuto quello che non ci si aspettava, anche se il Belgio aveva già messo in seria difficoltà niente poco di meno che il Brasile di Ronaldinho e Pato nel girone di qualificazione, uscendo sconfitta nemmeno meritatamente con uno stringato punteggio di un gol a zero.

    Come già scritto su, assurda la reazione di Viviano dopo il terzo gol subito. L'Italia era in superiorità numerica, e nonostante fosse di nuovo in svantaggio, giocando in undici contro dieci, avremmo potuto provare a riprendere ancora una volta il pari per arrivare ai supplementari, ma con il suo comportamento l'estremo difensore bresciano ha rovinato tutto. Non importa che sia stato provocato, purtroppo in questi momenti bisogna contare fino a dieci, ed evitare reazioni che finiscono per danneggiare tutta la squadra, e abbiamo visto come è andata a finire....

  • Italia olimpica: pareggio scontato con il Camerun

    Olimpiadi Pechino 2008Sarebbe stato meglio oscurare questa partita e non quella con la Corea del Sud di domenica scorsa, visto che italiani e camerunensi, ormai qualificati matematicamente, hanno preferito evitare di giocare nel secondo tempo dando luogo a una melina che nemmeno ai mondiali del Messico del 1986 l'Italia seppe inscenare contro l'Argentina durante la fase eliminatoria. Il boss della FIFA Sepp Blatter (che già non ci ha in simpatia...) ha lasciato furioso la tribuna dello stadio al termine del match, preferendo non commentare lo "spettacolo" visto.

    C'è anche da dire che in questa maniera si sono risparmiate forze preziose per i quarti di finale, ed evitato pericolosi infortuni, che hanno costretto a tornare a casa il fuoriquota Tommaso Rocchi e Marchisio, sostituiti da Candreva e Russotto, già in panchina nella partita odierna.

    Ottima, per quel poco che si è effettivamente giocato, la prova di Emiliano Viviano, oggi in completo grigio (li ha indossati tutti e tre dall'inizio del torneo), autore di una bella parata su un rigore calciato da Chedjou.

    Ora ci tocca il Belgio ai quarti di finale. Le forze, nonostante il caldo umido, dovrebbero esserci e salvo amare sorprese, l'obiettivo semifinale è fattibile.

  • Tre gol contro la Corea: L'Italia olimpica approda ai quarti di finale.

    Giuseppe Rossi festoso dopo il gol contro i coreani.Un altro secco 3 a 0 quello rifilato dall'undici olimpico alla Corea del Sud, quello della nazionale di calcio nella seconda giornata del torneo di calcio.

    Protagonisti della partita, gestita in maniera scandalosa dalla Rai, che avrebbe quantomeno potuta proporla in diretta su Rai Sport Più e non in sintesi nel pomeriggio, un monumentale Montolivo, migliore in campo e autore della terza marcatura, un sempre più convincente Giuseppe Rossi (nella foto) autore della prima rete e il fuoriquota Rocchi, che ha bagnato con un gol il suo esordio nella manifestazione.

    Poco e nulla quello fatto vedere dalla compagine asiatica, che non ha nei fatti impensierito seriamente Viviano (stavolta in completo verde) permettendo a Casiraghi di operare nel secondo tempo sostituzioni importanti (Dessena per Rossi, Abate per Giovinco e Acquafresca per Rocchi), utili a fare rifiatare l'eccellente reparto offensivo azzurro.

    Ora resta l'ultimo appuntamento mercoledì contro il Camerun, prima dei quarti di finale. E' probabile che ci sia un ampio turnover per fare riposare chi ha giocato fino a ora.

    Alcune dichiarazioni del commissario tecnico italiano: Solo il Camerun. Casiraghi parla solo della prossima partita: "Naturalmente l'obiettivo è vincere - dice Casiraghi - non dobbiamo accontentarci di quanto abbiamo realizzato sinora e giocare l'incontro a viso aperto. Il Camerun è una compagine più organizzata rispetto a Corea e Honduras, dotata di maggiore tecnica e forza fisica, e dispone di individualità di spicco ".

    Turnover? "Dispongo di diciotto giocatori di uguale livello, in questa squadra non esistono titolari e riserve, sono certo che chi giocherà sarà all'altezza della situazione sia sul piano tecnico che qualitativo".

  • L'Italia olimpica scalda i muscoli prima della partenza per Pechino

    Olimpiadi Pechino 2008 Italia Olimpica - Borgo a Buggiano      10 - 0


    Italia Olimpica
    (primo tempo) (4-3-2-1): Viviano; De Silvestri, De Ceglie, Coda, Criscito; Cigarini, Montolivo, Nocerino; Giovinco, G.Rossi, Rocchi. All. Casiraghi

    Italia Olimpica (secondo tempo) (4-3-2-1). Consigli; Motta, De Ceglie, Ranocchia, Bocchetti; Dessena, Marchisio, Candreva; Abate, Russotto, Acquafresca. All. Casiraghi
    Borgo a Baggiano (4-4-2): Leoni (22’Beconi, 41’Sirigu), Trinci (41’Pin), Fagotti, Iannotta, Cerri (41’Toccafondi), Pestelli, Cantelli (51’Segnalini, 70’ Lo Monte), Flor (51’Olivieri), Grazioli 841’Di Tommaso), Cirenea (41’Dodero, 70’Bardini), Degl’Innocenti (41’Puzzo). All. Massi
    Reti: 9’Rocchi, 14’ e 19’Giuseppe Rossi, 24’ e 38’ Montolivo, 32’Giovinco, 56’,65’ e 73’Acquafresca, 75’Dessena
    Arbitro: Irrati di Pistoia  [Assistenti: Biancalami e D’Amore di Prato]

    Giusto una sgambata per i 22 uomini a disposizione di Pierluigi Casiraghi, che ha alternato tra i pali Viviano e Consigli.  La partenza degli azzurri è prevista il 25 luglio da Milano, ma il 21 luglio sarà giocata un'amichevole con la Romania con diretta su Rai Tre.

    Per chi volesse tifare i colori azzurri con le maglie ufficiali della nazionale, si ricordi di noi... ;)

  • Buffon dice no al boicottaggio olimpico

    Nel primo giorno di raduno della nazionale in vista dell'incontro amichevole tra Italia e Spagna, Buffon ha dichiarato di non essere favorevole all'ipotesi di boicottare i giochi olimpici di Pechino. Alla notizia della protesta inscenata durante la cerimonia di accensione della fiamma olimpica, il portiere della nazionale italiana ha commentato che, pur comprendendo che qualcuno possa usare queste occasioni per esprimere il proprio dissenso, il messaggio trasmesso dalle Olimpiadi dovrebbe essere quello di vivere in maniera serena lo sport.

    Per un atleta, magari meno per un calciatore, le Olimpiadi sono la realizzazione di un percorso lungo quattro anni e per alcuni, l'unico momento di notorietà da cui possono dipendere sponsor e finanziamenti per la propria attività. Dal loro punto di vista, boicottare i giochi sarebbe sarebbe davvero un peccato. Ma sappiamo che è un'ipotesi che non verrà mai presa in considerazione.

5 oggetto(i)

Presenti su Google+