Premier League

  • Pepe Reina sempre più deciso a lasciare il Liverpool

    reina pronto a lasciare il liverpoolSebbene fresco di rinnovo sessennale, l'aria (e non solo) nel Liverpool è cambiata e scelte prese solo qualche mese fa, sembrano ora rimesse in discussione. Pepe Reina, secondo di Iker Casillas agli ultimi Mondiali, sembra non aver digerito bene le ultime novità in casa Reds, a partire dall'abbandono di Benitez, sino alla parziale revisione degli obiettivi nel breve termine.

    Lo stentato inizio di stagione, nonostante i segnali di ripresa delle ultime settimane, non smuovono il portiere spagnolo dalle sue posizioni: “Ho firmato per sei anni sette mesi fa e sono felice al club, ma ogni calciatore vuole lottare per titoli e vincere. So che ci sono voci su un mio addio, ma io voglio precisare che non tornerò in Spagna. Quando sono venuto a Liverpool, uno dei motivi era la presenza di Benitez”.

    Quali scenari? Senza tralasciare l'ipotesi di permanenza, Reina vuole approfittare dei posti potenzialmente vacanti a Manchester, sponda United, e Arsenal. In entrambi i casi, la prossima stagione vedrà nuovi portieri a difenderne i pali e quindi l'occasione che possa approdare in una di queste due formazioni è tale da non perdere tempo. Il nazionale delle furie rosse sa di avere ottime referenze in Inghilterra e che entrambe le società potrebbero muoversi per chiederne il cartellino.

    Reina si è messo sul mercato, ora tocca ad altri fare le altre mosse.

  • Incidente stradale per Cudicini. Fratture a bacino e polsi

    incidente stradale per cudicini Grave incidente stradale questa mattina per il portiere Carlo Cudicini. Il trentaseienne giocatore del Tottenham ha riportato la frattura del bacino e di entrambi i poli a seguito dello scontro tra la sua moto Bmw e una Ford Fiesta in un quartiere di Londra. Un poliziotto che ha effettuato i primi rilievi avrebbe anche parlato di 'life changing injuries', l'equivalente di danni permanenti, ma al momento non ci sono notizie ufficiali in tal senso.

    Solo pochi giorni fa Cudicini aveva espresso l'intenzione di non rinnovare il suo rapporto con la squadra londinese, il cui contratto sarebbe finito il prossimo giugno. Dopo l'arrivo nel gennaio scorso per sopperire ai problemi di ambientamento di Gomes, le prestazioni insufficienti l'hanno relegato in panchina. Ora non resta che attendere. Per il recupero agonistico ci sarà tempo, ora conta solo che non ci siano danni più gravi.

  • Cudicini lascia il Chelsea dopo 10 anni e passa al Tottenham

    Dopo le notizie della scorsa settimana e le apparenti rimostranze di Scolari, il Tottenham ha annunciato di aver acquistato a titolo gratuito il portiere italiano Carlo Cudicini. Sul sito del Chelsea è apparsa la notizia con le dichiarazioni dello stesso tecnico brasiliano: "Sono contento che Cudicini con questo trasferimento avrà modo di giocare, perché è un portiere fantastico. Gli auguro di fare del suo meglio nel nuovo club". Non mancano neppure le parole di Peter Kenyon: "Carlo è stato un fantastico giocatore del Chelsea per oltre dieci anni e le sue prestazioni durante questo tempo, sono state eccellenti. Apprezziamo che questo trasferimento gli possa dare la possibilità di giocare ancora da titolare. Carlo sarà sempre ben accolto quando tornerà a Stamford Bridge". Il portiere italiano lascia i Blues dopo dieci anni e 210 partite. Nel 2002 è stato nominato miglior giocatore del club.

    Per Cudicini ora c'è la possibilità di tornare a giocare con continuità. Il Tottenham di Redknapp vuole rilanciarsi con lui in porta. L'apporto di Gomes è stato poco convincente e per il portiere brasiliano ora si aprono prospettive di cessione, dopo essere stato al centro del mercato, solo qualche mese fa.

  • Taibi peggior portiere della storia inglese secondo un sondaggio: "Ma Ferguson voleva tenermi"

    Si dice che gli inglesi abbiano stile, ma spesso le dimostrazioni che ci arrivano da oltremanica dimostrano il contrario. Non da ultima, la classifica stilata dal Times, risultato di un sondaggio riservato ai loro lettori. Al vertice della "speciale" classifica riservata al peggior portiere nella storia del campionato, c'è l'italianissimo Massimo Taibi, "colpevole" di aver giocato con il Manchester United quattro partite nella stagione 1999/2000. Perché questo riconoscimento poco ambito? Taibi, trasferitosi nell'autunno del 1999 in Inghilterra esordì brillantemente contro il Liverpool, disputantdo una buonissima partita. Il peggio accadde contro il Southampton, quando Taibi si fece superare goffamente da un tiro di Le Tissier. Dopo altre due incerte prestazioni era diventato per gli appassionati inglesi "Il cieco di Venezia", dal nome della squadra in cui Taibi militava prima del trasferimento ai Reds. Nella speciale classifica stilata dal "Times", il podio è quindi completato da un altro ex portiere dei Red Devils, Ricardo, e da Gary Sprake, ex Leeds.

    Taibi è poi tornato in italia, diventando l'idolo dei tifosi della Reggina, realizzando anche una bellissima rete e lasciando a malincuore la squadra dopo la retrocessione. Poi Atalanta, Torino e ora Ascoli, dove alla soglia dei 40 anni, non sta vivendo un periodo felicissimo. Certo, conterà poco, ma io lo ritengo uno dei portieri più forti tra quelli che hanno calcato i campi di A tra la fine degli anni 90 e i primi dell'attuale decade.

    Taibi oggi ha commentato la notizia (apparsa sul portale di Tiscali): "Ogni tanto viene fuori questa storia. Un po’ mi dispiace, ma poi tiro avanti. Evidentemente i giornalisti inglesi sono un po’ pigri e preferiscono menar il can per l’aia anziché lavorare. Spero che di questa storia, almeno per ora, se ne parli poco. Ma non mi dispiacerebbe se tornasse - una volta appesi i guantoni al chiodo - qualche volta in auge: così fra 20 anni qualcuno si ricorderà di me". Poi spiega perché lasciò subito l'Inghilterra, a quanto pare non per motivi tecnici: "Roy King, ex compagno di squadra, in un suo libro mi elogiato per la preparazione tecnica e per la professionalità. Del resto, la verità vera la conosce solo Alex Ferguson, lui voleva tenermi, ma alcuni problemi familiari mi hanno costretto a rifare le valigie".

  • Cech rinnova con il Chelsea sino al 2013

    Quasi inaspettatamente, arriva oggi la notizia del rinnovo sino al 2013 di Petr Cech con il Chelsea. Il portiere ceco, reduce dalla negativa esperienza agli scorsi europei, inizia la stagione con un'ottima notizia e mette a tacere, se mai ce ne fosse stato bisogno, le voci circolate nei mesi scorsi che volevano il giocatore, addirittura tra quelli visionati dal Milan. Cech è arrivato al Chelsea nel 2004, quindi rispettando il nuovo contratto sino al termine, rimarrebbe nel club londinese per nove stagioni, un piccolo record per il club gestito dal volubile Abramovich.

    A margine anche il commento del nuovo allenatore Scolari "Per me è il migliore portiere del mondo e sono molto contento. Ha deciso di restare con me al Chelsea" e la soddisfazione del portiere "E' un onore per me continuare a vestire la maglia del Chelsea e sono felice per questo rinnovo. Il Chelsea ormai è nel mio cuore per la gente che lavora nel club e per i suoi splendidi tifosi. Nella prima intervista che ho rilasciato qui al mio arrivo nel 2004 dissi che era un sogno giocare in uno dei club più forti del mondo ed in uno dei campionati migliori del mondo. Questo e' successo e sono contento che il mio sogno vada avanti".

  • Varie dall'estero: Dudek fuori dalla nazionale e Schemichel jr reclama spazio

    In questa giornata avara di notizie interessanti, vediamo un pò di soffermarci su quello che offre l'estero. Due nomi: Jerzy Dudek e Kasper Schmeichel, rispettivamente eroe di Instanbul e figlio del portierone danese.

    Partiamo da Dudek quindi. L'ex portiere del Liverpool, ora riserva di Casillas al Real Madrid, è stato ufficialmente escluso dalla lista dei 31 giocatori preselezionati dal ct olandese della Polonia Leo Beenhakker. I portieri scelti sono Boruc (Celtic Glasgow), Kuszczak (Manchester United), Fabianski (Arsenal) e Kowalewski (Korona Kielce). E' molto probabile che la scelta di andare a fare la riserva, seppure in un grande club, abbia contato molto nelle scelte del tecnico. Per Dudek si chiudono definitivamente le porte della nazionale dopo la mancata convocazione per i Mondiali di Germania del 2006. Difficile, se non impossibile per lui a questo punto, tornare nel giro della nazionale polacca.

    L'altro portiere di cui voglio parlare è il figlio di Peter Schmeichel, indimenticato numero 1 del Manchester United e portiere della nazionale danese, vincitrice degli Europei del 1992. Come alcuni di voi ricorderanno, all'inizio della stagione Kasper Schmeichel ha esordito in Premier League nel Manchester City, approfittando dell'infortunio del titolare svedese Isaksson. Alcune buone prestazioni sotto la guida di Eriksson e anche un rigore parato nel derby con il Man U, e poi il trasferimento per fare esperienza al Coventry (dove gioca attualmente). Il giovane Kasper ha espresso l'intenzione di continuare a giocare, piuttosto che tornare al City per fare panchina. Tre anni di contratto, lasciano la società con la possibilità di rimandarlo in prestito in una società più importante del Coventry, oppure pensare alla cessione, cosa altamente improbabile, date le capacità fatte intravedere dal portiere.

    Un'altra nota in chiusura che riguarda ancora l'Inghilterra: Cudicini sembra essere seguito dall'Aston Villa. Dopo tanti anni passati al Chelsea, per il portiere milanese potrebbe esserci un'altra occasione per giocare da titolare. Se in Italia non lo cerca nessuno e lui vuole divertirsi ancora un pò, quella di Birmingham mi sembra un'ottima soluzione.

  • Cech ancora infortunato. Questa volta trauma alla bocca

    Nuovo infortunio per Petr Cech, il portiere del Chelsea. Quando sembrava pronto a riprendersi il posto di titolare, avendo ormai smaltito l'infortunio alla caviglia che l'ha tenuto lontano dai campi di gioco per nove partite, il portiere ceco ha subito un nuovo infortunio nel corso di un allenamento. Nessun trauma muscolare o distorsivo questa volta, ma uno scontro che ha causato diversi tagli alla bocca e alla lingua, tali da richiedere un immediato intervento chirurgico.

    Ora Cech dovrà restare fermo per altre due settimane, lasciando ancora il posto tra i pali della squadra londinese nelle mani di Carlo Cudicini, il portiere milanese che bene si sta comportando in queste settimane. Per Cech invece, continua la sfortuna che lo attanaglia dalla scorsa stagione, sin dal gravissimo infortunio alla testa che rischiò di compromettere il proseguo della sua carriera. Ci auguriamo che gli infortuni siano terminati è che il numero uno del Chelsea possa tornare a competere con Buffon per il premio iffhs di miglior portiere del mondo, alloro già conquistato nel 2005.

7 oggetto(i)

Presenti su Google+