Toldo

  • Toldo appende i guanti al chiodo. Il futuro è Inter Campus

    toldo ambasciatore di inter campus"Smetto di giocare a calcio. È la prima volta che lo dico ufficialmente e sono abbastanza emozionato, perché per venti anni è stato il mio lavoro. Nonostante questo, continuerò all'interno dell'Inter con delle mansioni di collaborazione che mi legheranno a Inter Campus, cercando di aumentare l'immagine già altissima di questo evento sociale, portando in giro il nome dell'Inter. Non mi aspettavo di restare a lungo perché programmi in proposito non ne avevo fatti né a livello sportivo né a livello di come avrei vissuto in questa società, però una volta dentro ho capito subito l'armonia che c'era, e i risultati credo che non siano stati un caso, perché aver vinto tutto negli ultimi cinque anni denota una organizzazione generale di alto livello. Io credo che in questi ultimi anni il gruppo è stato corretto nei confronti di tutti e onesto nei confronti del prossimo all'interno del gruppo, e di conseguenza c'è stato l'arrivo delle vittorie, che hanno fatto bene a tutto l'ambiente dell'Inter. Quindi, le situazioni personali erano da mettere da parte e sono state messe da parte, a favore della squadra".

    Grazie.

  • Ecco Toldo in campo con il caschetto

    toldo indossa il caschetto

    Direttamente dal sito dell'Inter. Come aveva promesso, Toldo d'ora in avanti giocherà e si allenerà indossando un caschetto protettivo. Dopo Cech, un altro portiere di livello internazionale, preferisce la sicurezza, contro il rischio di farsi male in campo. In futuro ci capiterà più spesso di vedere nei campi di gioco, portieri indossare il caschetto? Chissà, intanto auguriamo ottima salute a Toldone!

  • Nuovo look per Francesco Toldo in Coppa Italia. Che acconciatura!

    Ieri l'abbiamo visto, non solo per la buonissima partita contro la Roma in Coppa Italia, ma anche per la nuova acconciatura che ha sfoggiato disinvoltamente. Abituati ai suoi capelli corti e ricci, c'è stato un pò di stupore a vederlo con la riga al centro e i ciuffi. Per noi, promosso a pieni voti, come sul campo!

  • Toldo rifiuta il Chievo e sfida Julio Cesar

    Sfuma il trasferimento di Toldo al Chievo Verona. E' questo quanto possiamo dire, dopo le dichiarazioni del portiere italiano, che rinvigorito dal cambio di direzione tecnica, non vede l'ora di rimettersi al lavoro e mettere in difficoltà lo stesso Mourinho. Toldo ha affermato: "E' che mi sento ancora un portiere con la P maiuscola. Voglio giocarmi la possibilità di tornare titolare con l'Inter: c'è stato il cambio di allenatore. Insomma, è una possibilità importante per il sottoscritto. Proverò a riconquistarmi il posto da titolare con la maglia nerazzurra".

    Che dire? Le dichiarazioni di Toldo in un certo senso stupiscono, essendo le gerarchie in porta all'Inter, più che consolidate dalle ottime stagioni di Julio Cesar, avvantaggiato anche dall'età. Toldo comunque torna utile, in quanto italiano, nella lista Champions, oltre che per l'indiscussa qualità e grande esperienza che è in grado di fornire ogni qualvolta viene chiamato in causa. Non vedo l'ora di leggere l'eventuale risposta di Julio Cesar, che nel caso in cui dovesse arrivare, sarà sicuramente improntata al fair play e al rispetto per il compagno. Poi toccherà al sudore e al campo.

  • Toldo rinnova con l'Inter e guarda alla nazionale

    Qual è il miglior secondo portiere della Serie A? Chi se non Francesco Toldo, riserva di lusso di Julio Cesar. Il 36enne giocatore dell'Inter è tornato in campo lo scorso mercoledì per disputare la semifinale di andata della Coppa Italia contro la Lazio. Una buona prestazione che ha accelerato le procedure per un ulteriore rinnovo del contratto con la società di via Durini sino al 2010, legando in tal modo il suo finale di carriera alla squadra nerazzurra.

    L'esperto portiere potrebbe fare comodo ancora a tante società e se consideriamo l'età di alcuni colleghi, non sarebbe affatto strano vederlo in campo ogni domenica. E' anche per questo che Donadoni, ct della nazionale italiana starebbe pensando di convocarlo tra i 23 giocatori che andranno al prossimo Europeo di Svizzera e Austria. L'eventualità che Buffon possa patire ancora dei problemi alla schiena sarebbe la chiave per la chiamata. Contro la Spagna c'erano solo Buffon e Amelia, senza nessun terzo. E' il chiaro segnale che l'allenatore dell'Italia non ha ancora sciolto i propri dubbi.

    Intanto Toldo si gode la sua scelta di vita, in panchina sì, ma senza sentirsi inferiore a Julio Cesar, sempre pronto a servire la propria squadra quando necessario. Un raro esempio di professionalità.

5 oggetto(i)

Presenti su Google+