Video

  • Portiere austriaco costretto al ritiro dal lancio di un petardo

    Su questo blog è molto raro parlare di episodi di violenza o simili, ma questo caso è davvero assurdo. Lo scorso 24 agosto, durante il derby tra Austria e Rapid Vienna, il portiere di questi ultimi, Georg Koch, è stato stordito violentemente da un petardo lanciato dalla curva avversaria. I danni riportati dallo sfortunato giocatore sono stati tali da costringerlo addirittura al ritiro. La parziale perdita dell'udito e persistenti problemi di equilibrio non gli consentono di riprendere l'attività professionistica, costringendo così a chiudere la sua carriera all'età di 37 anni, molti dei quali spesi in Germania  con il Fortuna Düsseldorf, Bielefeld, Kaiserslautern e Duisburg.

    Nelle parole di Koch c'è tutta l'amarezza per questo triste episodio: "Ho sperato a lungo di poter proseguire la mia carriera, ma purtroppo ho capito che questo tentativo non ha più senso. Due idioti sono la causa del mio ritiro. Non voglio ricavare dei soldi da questa vicenda, ma queste cose non doverebbero mai accadere. Il lancio di un petardo può avere pesanti conseguenze.''

    [CANuldVaOtA]

    Vorrei far notare i picchi di 'intelligenza' raggiunti dagli ultra dell'Austria Vienna. Ci lamentiamo giustamente della stupidità di tanti cretini che popolano le curve, però bisogna ammettere che il giardino del vicino non sempre è più verde di quanto ci vogliano far credere. In questo caso, purtroppo, tutto il mondo è paese.

  • L'importanza di avere in squadra Julio 'Muro' Cesar

    FBL-EUR-C1-INTER-MANUTDIeri sera abbiamo avuto l'ennesima dimostrazione di quanto un grande portiere possa fare la differenza. Si dice sempre che un buon portiere è in grado di dare almeno 10 punti alla propria squadra. Ieri non ce n'erano in palio, ma la prestazione di Julio Cesar mantiene intatte le possibilità di qualificazione dell'Inter ai quarti di Champions League. E se vi par poco...

    Queste le sue dichiarazioni al termine dell'incontro di ieri: "Sono contento della mia prestazione e sono molto soddisfatto. Mi sono sempre fatto trovare pronto quando la squadra ha avuto bisogno di me, adesso vado a casa felice". Sulle punizioni di Ronaldo: "Il giorno prima della partita ci siamo allenati con Mario Balotelli che è tra i migliori a battere le punizioni, ci siamo preparati con attenzione, soprattutto perchè questi palloni sono diversi da quelli usati nelle competizioni della Serie A, prendono degli effetti differenti e rendono ogni punizione ancora più insidiosa. Per questo ho dovuto concentrarmi al massimo per non farmi sorprendere. In ogni caso, per noi, lo 0-0 è un buon risultato, sicuramente migliore di un 1-1. All'Old Trafford possiamo sfruttare il contropiede con Ibrahimovic e tutti i nostri giocatori più veloci."

    Ne approfitto anche per provare un nuovo plugin video, con questa sintesi delle parate compiute da Julio Cesar, sabato scorso contro il Bologna.

    [http://www.youtube.com/watch?v=OUYNn7UwnB0]

  • Il Milan su Lloris. E' lui il nuovo portiere?

    Solo pochi giorni fa, Braida aveva incontrato il padre di Hugo Lloris a Milano, in presenza del figlio, ma nulla lasciava presagire ad un esito così rapido. Secondo sportmediaset.it, il 21enne portiere del Nizza sarebbe stato praticamente acquistato dal Milan, sborsando una cifra intorno ai 7 milioni di euro.

    In assenza di conferme ufficiali la notizia va presa con le pinze. Lloris è un ragazzo molto giovane (è il portiere dell'under 21 francese) e pur se tra i portieri più promettenti del vecchio continente, arrivare a Milano e giocare in una delle più blasonate squadre europee, potrebbe rappresentare una sfida decisamente ardua. Kalac potrebbe fargli sicuramente da chioccia, meno Abbiati, immagino poco disposto a "formare" il collega a suo discapito.

    Allora tutto concluso e via le voci su Frey, su Boruc, su Gomes e su tutti gli altri che quotidianamente riempiono le pagine dei giornali e dei siti internet? Ci metto la mano sul fuoco che non finisce così. Ci sarà sicuramente qualcuno che si lamenterà della poca esperienza del ragazzo e della necessità di avere invece, un estremo difensore immediatamente pronto a competere ai massimi livelli. Se Lloris diventerà davvero il prossimo portiere del Milan, io gli auguro di avere le spalle molto molto larghe.

    -

  • Video: ecco Carrizo!

    In questo video recentissimo, lungo quasi 10 minuti possiamo vedere all'opera Carrizo, il nuovo portiere della Lazio. Dai filmati sembra avere tantissima personalità, forza esplosiva e la giusta dose di incoscienza che caratterizza i grandi portieri. Se supererà l'impatto con il calcio italiano, Carrizo potrebbe diventare uno dei portieri più forti in circolazione, oltre che uno dei miei preferiti ^_^

  • Video: portiere prende gol ridicolo su punizione

    Rowen Fernandez portiere dell'Arminia Bielefeld, squadra tedesca della Bundesliga si è reso suo malgrado, protagonista di questo ridicolo gol subito su punizione di Frei del Borussia Dortmund. Vedere per credere!

    La pallonata deve averlo stonato non poco....

  • Wiese quasi spacca la faccia a Olic con una uscita da kung fu

    Spericolata uscita di Tim Wiese nell'incontro di campionato tedesco tra Werder Brema e Amburgo, vinto dal Werder per 1-0. Al 42° del primo tempo il portiere tedesco è si lancia in un'uscita spericolata per impedire la rete, ma lo slancio lo porta a colpire in pieno volto l'attaccante croato.

    Questo episodio ha ricordato quello del 1982 che vide protagonisti Harald Schumacher e il francese Patrick Battiston, con quest'ultimo che rimase per due giorni in coma.

    A fine partita il portiere dirà "È stato sicuramente un intervento pericoloso, ma ho toccato io per primo la palla. Ivica Olic non doveva entrare". Va giù duro anche Franz Beckenbauer, ora presidente del Bayern Monaco che ha definito l'uscita spericolata "Un quasi omicidio. Fortunatamente la testa è ancora al suo posto".

    Per il giocatore dell'Amburgo solo una leggera lussazione e tanta paura. Incredibilmente Wiese non è stato espulso... e noi che ci lamentiamo degli arbitri italiani.

  • Goalias ha un concorrente: Robokeeper!

    Solo due giorni fa ha fatto clamore sul web, la notizia di Goalias, il primo portiere automatizzato. Interessato all'argomento, ho girato il web e youtube alla ricerca di altri progetti dello stesso tipo e alla fine mi sono imbattuto in Robokeeper un altro portiere automatizzato, ancora una volta progettato da un gruppo di ricercatori tedeschi (non hanno altro da fare questi?). Rispetto a Goalias, Robokeeper è studiato per coprire una porta più piccola, all'incirca da calcio a 7, ma la differenza più importante è nella meccanica del movimento, perché Robokeeper non si muove orizzontalmente sulla linea, ma si inclina dal centro per arrivare a coprire tutta la porta. Questa dinamica spiega la dimensione ridotta della porta, adattata in modo tale da consentire alla struttura automatizzata di raggiungere quasi tutta l'area tra i pali.

    Robokeeper è già "in funzione" dallo scorso anno. Il portiere è abitualmente a disposizione degli spettatori del Signal Iduna Park, lo stadio del Borussia Dortmund, dove è possibile sfidarlo e ricevere un attestato di partecipazione, nonché in giro per tutta la Germania, in un vero e proprio tour.

    Chissà chi sarà il primo a raggiungere l'unione tra i due progetti. Goalias si muove su una porta da calcio regolamentare, mentre Robokeeper si inclina, risultando più "reale" agli occhi. Magari fra poco tempo, chiunque potrà disporre del proprio portiere virtuale in giardino (ad avercelo) e sfidare gli amici. No dai, meglio una sana partita con un portiere vero, altrimenti noi che ci siamo a fare? ^_^

  • Goalias, il portiere robot

    Sino ad oggi non avevo mai pensato che qualche studio di ricerca potesse passare il proprio tempo per sviluppare un portiere artificiale, e invece è proprio quello che hanno fatto all'Ias, Istituto di automazione dell'Università di Stoccarda. Leggiamo un pò quanto riporta l'Ansa...

    Goalias e' il primo portiere-robot al mondo capace di difendere una porta di dimensioni standard, come appunto quelle usate nei campionati di serie A. Il robot ha fatto il suo debutto ieri ed e' stato 'testato' dal centravanti dello Stoccarda, Mario Gomez, il quale e' riuscito a infilare qualche rete, ma certo non abbastanza vista la sua fama conquistata sul campo, che la scorsa stagione gli e' valsa anche il titolo di giocatore dell'anno.
    ''Adesso possiamo dire che Goalias e' in grado di parare circa il 50% dei calci di Mario Gomez'', ha commentato Peter Goehner, direttore dell'Ias, il quale ha spiegato che l'istituto e' gia' alla seconda versione, piu' sofisticata, del portiere-robot.
    Ma il vero test e' previsto per il prossimo 22 maggio, quando Goalias 'scendera'' in campo contro la nazionale di calcio femminile tedesca, che ha vinto i mondiali nel 2007 e che l'Ias ha sfidato proprio per dimostrare al vasto pubblico le grandi capacita' tecniche del suo robot.
    Nel frattempo, Goalias continuera' ad allenarsi nel laboratorio dell'universita' di Stoccarda, dove e' stato pazientemente costruito. Il robot, realizzato con materiali sintetici, ha la sagoma di un portiere con le braccia tese verso l'alto e scorre lungo una sorta di binario piazzato davanti alla porta. Tre videocamere calcolano la traiettoria del pallone istante per istante, stabilendo di volta in volta qual e' la migliore posizione per parare il tiro: il tutto, in circa 400 millisecondi.

    Mah... a me sembra il portiere del subbuteo...

Oggetti 31 a 38 di 38 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
Presenti su Google+