consigli per giocare in porta

  • 15 consigli per giocare in porta e divertirsi

    pallone campo calcettoQuesto articolo è rivolto a chi si ritrova a giocare in porta saltuariamente. Sappiamo bene quanto sia raro trovare il mitologico portiere fisso, spesso invocato e citato in video e articoli ironici.

    Capita spesso che si arrivi al campo e si scopra che i propositi di fare dieci gol, fornire assist di tacco o lacerare le caviglie degli avversari, svaniscano d'incanto per fare spazio a quello che non non avresti mai pensato: evitare di prendere gol.

    Perché il portiere non c'è

    Quali sono i motivi che portano più spesso a questa situazione?

    Il portiere è un essere umano come tutti e può avere qualche impedimento che non gli consenta di giocare.

    Può essere il classico bidone senza motivo (che al portiere si perdona più facilmente, perché guai a perderlo...)

    Può capitare un infortunio che si protrae e costringe a saltare l'appuntamento.

    Ci sono altre ragioni più che valide e che cambiano a seconda dell'età. Lo studio, un lavoro non concluso o un cambio di turno, servizi per i figli, o una compagna di relazione che ha deciso che tu non debba giocare per oscuri motivi.

    C'è un'altra condizione che può portare qualcuno in porta, anche in presenza di un portiere fisso: la partita che va a 'buone donne'. In tali situazioni, se il portiere si sta annoiando, può chiedere o pretendere di cambiare ruolo con qualcuno. Solitamente, qualche compagno altrettanto scazzato, gli dà il cambio, ma potrebbe capitare che non ci sia nessuno ben disposto a cedere il posto.

    L'ultima che prende ancora in considerazione il portiere, è che si faccia male e non riesca a stare in porta, neanche giocando da fermo.

    Tocca a te stare in porta

    Sei il prescelto. Gli altri pensano debba essere tu il portiere, magari con scuse del tipo: "Dai, te la cavi in porta, hai le movenze, io ho il gomito che fa contatto con il piede, sono cieco, non posso sporcarmi le mani" etc.

    Credo sia il caso di leggere questi consigli che potrebbero esserti molto utili. Non diventerai un campione, ma eviterai di fare brutte figure. O addirittura innamorarti di questo ruolo e decidere di farlo un po' più seriamente. 

    1. Non prenderti sul serio. Che tu vada in porta per caso o ci giochi abitualmente, non sei un professionista. Gli errori fanno parte del gioco, anche se possono costare il gol.

    Ci sono i difensori che sbagliano il tempo di un contrasto, i centrocampisti che passano male e non coprono e attaccanti che si divorano facili occasioni. Siamo pari tra pari (o pali...).

    2. Non subire passivamente le critiche. Non farti sopraffare dagli sfottò o dai rimbrotti degli altri. Non sei pagato per parare. Divertiti. Usali come stimolo per migliorarti. E se proprio non resisti, cambia gruppo. Non ti meritano. Continua a leggere

1 oggetto(i)

Presenti su Google+