Consigli

  • I guanti da portiere per l'estate - il portiere amatoriale

    consigli guanti portiere per l'estate

    Aggiornato l'1 luglio 2017!

    Dopo il nostro post sulle maglie da portiere per l'estate, abbiamo pensato fosse utile scrivere un altro articolo focalizzato sui guanti da indossare nello stesso periodo. Tra un bagno al mare, un'escursione in montagna o un ozioso e afoso pomeriggio in città, c'è sempre la voglia e il tempo per giocare una partita.

    Le giornate più lunghe e calde, aumentano le possibilità di organizzare incontri e partecipare ai tantissimi tornei amatoriali che si disputano in giro per l'Italia. Sappiamo bene che, sia che tu sia uno studente o un lavoratore, in queste occasioni ogni partita è giocata con spirito e impegno, degni della finale dei campionati europei.  E i consigli che stiamo per darti, sono indicati proprio per te, portiere amatoriale che ci tiene sempre a fare bella figura e venire apostrofato dagli avversari con il classico "E che sei Buffon?!?" (che va letta con il dialetto locale di chi la pronuncia).

    Devo fare una premessa importante: lascia perdere i guanti da pochi euro che trovi appesi sugli espositori di molti negozi di articoli sportivi. NON proteggeranno le mani, NON vi aiuteranno nella presa e soprattutto, dureranno tanto quanto costano. Poco! Considerateli come giocattoli, adatti per essere usati da chi si approccia al ruolo per la prima volta e non è ancora sicuro di voler fare il portiere. E non credo che questo sia il tuo caso. Continua a leggere

  • I guanti da portiere per la preparazione precampionato

    ritiro portieri

    Aggiornato il 1° luglio 2017

    Continua la nostra serie di articoli sull'abbigliamento da portiere. Abbiamo già scritto delle maglie da portiere per l'estate e dei guanti da portiere economici, ma non per questo scadenti (come ne sono pieni tanti negozi di articoli sportivi...).

    Questa volta ci dedicheremo ai portieri che prenderanno parte ai tanti ritiri per affrontare la nuova stagione. Non importa che tu sia un professionista senza sponsor tecnico (non pochi...), un giovane di belle speranze o un dilettante più o meno organizzato.

    Esercizi ripetitivi e usuranti saranno il tuo pane quotidiano e stresseranno non solo te, ma anche per quello che indosserai. Per questo motivo, è indispensabile indossare guanti robusti e resistenti anche agli allenamenti più estenuanti. Esistono modelli con lattici specifici per resistere maggiormente all'abrasione e durare di più rispetto ad altre mescole, migliori in fase di presa, ma certamente meno resistenti all'usura. Continua a leggere

  • Alcuni consigli per le maglie da portiere estive

    Maglie portiere estate

    Siamo in piena primavera e le temperature salgono inesorabilmente. Si tolgono le maglie termiche invernali e si ripone l'abbigliamento più pesante negli armadi. Per i portieri, parlare di indumenti più leggeri è sempre relativo, a meno che non si opti per cose che poco hanno a che fare con la protezione. Scelte accettabili, che però sono lontane dalla nostra idea di sicurezza e prevenzione dai soliti e fastidiosi traumi di gioco.

    Non dobbiamo comunque preoccuparci. I progressi fatti dai tessuti per uso sportivo hanno notevolmente migliorato le condizioni di gioco con il caldo. Sono lontani gli allenamenti e le partite estive con maglie pesanti e sudorazione ai limiti della disidratazione anche da fermo.

    Oggi ci sono tante soluzioni che permettono di giocare con protezioni adeguate, ma senza rischiare un collasso. Nell'elenco che seguirà, indicheremo alcune proposte interessanti e che ti consentiranno di scendere in campo protetto e senza soffrire troppo le alte temperature.

    Le maglie da portiere Storelli

    La ExoShield Gladiator è disponibile in due versioni. La prima in colorazione nera e gialla e la seconda con i colori invertiti, gialla e nera. Il tessuto è davvero molto leggero e i numerosi inserti in mesh aiutano una veloce traspirazione dell'umidità corporea. Le protezioni sui gomiti sono le migliori che possa trovare su una maglia da portiere. Progettate per posizionarsi correttamente e proteggere anche la zona interna ed esterna del gomito. Non correrai il rischio di avere una imbottitura troppo rigida, perché le qualità del Poron assicurano tantissimo assorbimento all'impatto con il suolo e totale mobilità dell'articolazione. Continua a leggere

  • 15 consigli per giocare in porta e divertirsi

    pallone campo calcettoQuesto articolo è rivolto a chi gioca a calcio e finisce per fare il portiere, senza preavviso. Capita spesso che si arrivi al campo e si scopra che i propri propositi di fare dieci gol, fornire assist di tacco o lacerare le caviglie degli avversari, vengano buttati nella spazzatura per fare spazio a quello che non ti aspetti: prendere gol.

    Non sai quali sono le ragioni? Un portiere che ci bidona a poche ore dalla partita, che si infortuna, che si annoia tra i pali (sacrilegio) e decide di scambiarsi con te, oppure il più classico a cui si è già un po' preparati: non c'è MAI nessun portiere nel vostro gruppo e dovete fare a rotazione.

    Se ti capita di essere il prescelto, per volontà o decisioni altrui, magari con scuse del tipo: "Dai, te la cavi in porta, hai le movenze, io ho il gomito che fa contatto con il piede, sono cieco, non posso sporcarmi le mani" etc, questi consigli potrebbero esserti molto utili. Non diventerai un campione, ma eviterai di fare brutte figure. O addirittura innamorarti di questo ruolo e decidere di farlo un po' più seriamente. 

    1. Non prenderti sul serio. Che tu vada in porta per caso o giochi abitualmente, non sei un professionista. Gli errori fanno parte del gioco, anche se possono costare il gol. E poi, niente da dire su difensori che sbagliano il tempo di un contrasto, centrocampisti che sbagliano i passaggi e non coprono e attaccanti che si divorano facili occasioni?

    2. Non subire passivamente le critiche. Non farti sopraffare dagli sfottò o i rimbrotti degli altri. Non sei pagato per parare. Divertiti. Usali come stimolo per migliorarti. E se proprio non resisti, cambia gruppo. Continua a leggere

  • Tutti i guanti da portiere Reusch Re:ceptor 2015

    Guanti portiere Reusch 2
    La presentazione e commercializzazione dei guanti da portiere Reusch, avviene abitualmente negli ultimi due mesi dell'anno. Ma è a febbraio che l'intera collezione viene distribuita ai rivenditori come noi e quindi, disponibile alla vendita. E dunque, è questa l'occasione per presentarvi l'intera gamma di modelli (nel momento in cui scriviamo questo pezzo) disponibili per l'acquisto sul nostro sito ecommerce.

    I modelli con stecche protettive alle dita sono quattro. Due con sistema Ortho Tec (solo il Deluxe con stecche estraibili) e due con sistema Finger Protection. Cosa cambia? Il secondo è una versione più leggera, o sarebbe meglio dire, più semplice, ed adatta a guanti con una costruzione meno elaborata. Ma proteggono meno? No, la protezione resta praticamente la stessa.

    I modelli che chiamiamo abitualmente professionali, sono quattro. Uno steccato, il Re:ceptor Deluxe G2 Ortho Tec, e tre classici e più precisamente il Re:ceptor Deluxe G2, il Re:ceptor Pro Duo G2 ed il Re:ceptor Pro G2. Tralasciando il primo, consigliato a chi voglia un guanto di altissima qualità, con un'ottima calzata e con protezioni affidabili, guardiamo nel dettaglio gli altri tre. Il Deluxe G2 è il più elaborato tra tutti i modelli. Calzata ottimale con una lavorazione davvero eccellente sotto tutti gli aspetti. Il lattice G2, costante di tutti e tre i guanti, è una sicurezza sull'asciutto ed affidabile sul bagnato. L'usura è nella norma dei lattici professionali (vuol dire che se ne avete cura, ma soprattutto applicate correttamente le tecniche di caduta, la mescola resiste tranquillamente per mesi, pur deteriorandosi). I Re:ceptor Pro Duo G2 e Pro G2 sono decisamente più tradizionali. Il palmo è piatto (non sagomato come il Deluxe) e le uniche differenze tra i due modelli, escludendo i colori, sono nella presenza del lattice interno (sistema DUO), nella prima versione. Cosa comporta? Il guanto diventa più massiccio, ma guadagna moltissimo in capacità di assorbire il pallone in fase di presa, ammortizzando con maggiore efficacia una volta arrivato a contatto con la sfera. Ed i professionisti cosa usano? Non c'è una preferenza assoluta. C'è chi usa il DUO e chi no (pur usando la colorazione della versione G2). Continua a leggere

  • Chi sale e chi scende tra i portieri della Serie A. Punto alla settima giornata

    Siamo alla seconda sosta del campionato, con sette giornate già andate in archivio. La classifica inizia a prendere forma e diventa possibile iniziare a dare i primi parzialissimi giudizi sulle prestazioni dei portieri. Per le pagelle rimando al termine del girone di andata, ma ora possiamo fare già alcune riflessioni. Vediamo chi sale e chi scende sulla base delle aspettative di inizio stagione. Sotto il mio commento.

    Chi sale

    Handanovic si conferma su ottimi livelli, certamente con una difesa più quadrata rispetto alla precedente gestione. Deve intervenire di meno, ma quando lo deve fare, risponde sempre con il suo stile.

    Bardi era atteso all'approdo da titolare in massima serie. Escludendo l'evidente errore di Napoli, ha confermato l'enorme potenziale già fatto vedere in B e con l'under 21. Se dovesse continuare su questi livelli, non solo contribuirà alla salvezza del Livorno, ma farà pensare la dirigenza interista sui tempi di rientro alla società che ne detiene il cartellino.

    Reina è arrivato a Napoli dopo lo sfumato accordo (?) con Julio Cesar. Fedelissimo di Benitez, si è immediatamente integrato e si è distinto soprattutto per il rigore parato a Balotelli. Piccole incertezze, che rientrano nel bagaglio del portiere spagnolo, ma che non diminuiscono l'ottimo approccio avuto con il nuovo club.

    De Sanctis ha subito un solo gol in sette partite e questo basterebbe a giudicarlo positivamente. Aggiungiamo l'immediata integrazione nel gruppo giallorosso e le poche ma efficaci parate effettuate. Dopo anni di portieri poco affidabili o che hanno deluso le aspettative, non si poteva chiedere di meglio. Continua a leggere

  • Voglio fare il portiere. Breve introduzione per principianti

    Siamo in estate, tempo di mezzo e di relax e per tanti, ragazzi e adulti, occasione per cimentarsi in un’attività sportiva, amatoriale o più o meno organizzata. Spesso provenienti da mesi e mesi di studio e lavori sedentari, un poco di sano divertimento e di movimento, diventano attività necessarie per scaricare un poco di tossine e rigenerarsi per la ripresa della vita quotidiana. Poi, nulla esclude che una pratica iniziata in un caldo pomeriggio estivo, possa diventare un hobby da coltivare in tutto il resto dell'anno.

    Per quello che ci interessa, ci rivolgiamo a chi vuole provare per la prima volta il brivido di difendere i pali di una porta, che sia quella da “calcetto” o quella più grande del campo da calcio. Chiunque stia leggendo questo pezzo, sogna di emulare o di raggiungere, portieri come Buffon, Julio Cesar, Handanovic, Abbiati e tanti altri, pur avendo la coscienza di non avere gli stessi mezzi, la volontà, l'età o il tempo per diventare come loro. Beh, questo non è certo un impedimento per potersi comunque divertire!

    Con questo pezzo, quindi, diamo per scontato che non ci stiamo rivolgendo a chi già ci conosce e sa scegliere l’attrezzatura adatta per giocare, ma a tutti quelli che sono a totale digiuno dell’argomento. Vogliamo cercare di farvi evitare spese inutili o eccessive, ma soprattutto brutti o fastidiosi infortuni di gioco.

     

    La scelta del materiale

    Nessuno vieta di scendere in campo con un pantaloncino, una maglietta a caso e un paio di guanti comprati a pochi euro nel negozio di articoli sportivi più vicino. Eppure sappiate che questo è il primo passo verso il vostro fallimento! Il calcio è uno sport di contatto relativamente leggero, ma per il portiere il discorso cambia completamente. Dovete infatti considerare che avrete a che fare (nell’ordine di importanza) con il pallone, il terreno (mai morbido, pulito e piatto come quelli che vediamo in televisione) e gli altri giocatori, che siano avversari o compagni. E' quindi necessario scegliere l’abbigliamento e i guanti giusti, con un budget non troppo limitato, perché rovinare un’ora di divertimento con lividi, graffi e traumi vari, oltre a non essere consigliabile, vi potrebbe spaventare e allontanare dall'attività.

    Ma cosa va protetto? Certamente i gomiti (con gli avambracci) e i fianchi, che sono i punti più spesso a contatto con il suolo. Come dite? I professionisti non usano (più) protezioni in partita? E’ vero, ma oltre ad essere allenati, giocano, come già detto in precedenza, sempre su manti erbosi morbidi che consentono lo scivolamento dell'arto e un ridotto impatto con la terra. No, non è il vostro caso, ve lo garantiamo.

    E i guanti? Girando diversi centri sportivi per giocare e per lavoro, potrei citare uno storico film di Ridley Scott con la frase "Ho visto cose che voi umani non potete immaginare". Modelli non adatti ai campi di gioco, misure oltremisura sbagliate e lattici ridotti in pessimo stato, molto volte con responsabilità dirette del legittimo proprietario. Ma chi ha l'altra parte delle colpe? Chi compra nei negozi, si trova spesso davanti personale assolutamente ignorante in materia e desideroso di smaltire giacenze vecchie di anni (con lattici distrutti dalle luci del neon a cui sono stati quotidianamente esposti). Il loro obiettivo non è fornire il servizio corretto (salvo dovute eccezioni), ma portare soldi in cassa.

    Anche noi siamo venditori e quindi la vendita è un aspetto fondamentale della nostra attività, ma in quanto specialisti, riteniamo fondamentale dare un servizio completo e davvero affidabile. Quando siamo contattati, oltre al budget di spesa, diamo la stessa importanza alla superficie di gioco, il tipo di pratica (tra amici, amatoriale o professionale) e ulteriori dettagli utili a consigliare il prodotto adeguato.
    Ricevere apprezzamenti non solo dopo l’acquisto, ma a distanza di settimane dalla ricezione degli articoli acquistati, è la cosa che ci dà più di soddisfazione.

    La morale di questo breve pezzo? Giocate e se siete genitori, fate giocare i vostri figli. Divertitevi a parare. Non prendetevela se subirete spesso gol, perché quello che conta è rendersi utili per la squadra, ridere e scherzare. Ma se dovete farlo, fatelo con le adeguate protezioni. Oggi penserete che non servano, ma domani potreste pensarla in modo completamente diverso.

  • Il prossimo portiere del Milan tra il rinnovo di Abbiati, il lancio di Gabriel e l'arrivo di Mister X

    Siamo ancora nel vivo della stagione 2012/2013 (questa sera si affrontano Milan e Barcellona per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League), ma già da qualche settimana iniziano a circolare voci sul prossimo mercato estivo.

    Come nostra abitudine, ci concentriamo su quello dei portieri e in questo caso specifico, sul futuro portiere del Milan. L'attuale situazione vede Abbiati in scadenza a giugno, Amelia nel 2014 e il giovane Gabriel sino al 2017. Il titolare, dopo un periodo di appannamento tecnico e qualche problema fisico, è tornato ad essere Abbiati, scelta giustificata anche da buone prestazioni che stanno contribuendo all'ottimo periodo di forma della squadra rossonera. Amelia, preferitogli prima della sosta invernale, pur non demeritando, non ha mai convinto del tutto, mentre Gabriel, giovane brasiliano classe 1992, continua a fare esperienza a Milanello, imparando i meccanismi del calcio europeo in vista del prossimo futuro. Continua a leggere

  • Buffon al primo posto del gioco-sondaggio 'Vota il miglior portiere della Serie A 2011/2012'

    Concluso il campionato di Serie A e dati i voti (discussi, come è giusto in alcuni casi), era rimasto da chiudere il nostro 'gioco-sondaggio' settimanale 'Vota il miglior portiere della Serie A' arrivato alla quarta edizione (come passa il tempo...). Dopo 38 giornate di voti e per la prima volta su Facebook, dopo tre anni di blog, è Buffon il portiere che succede ad Abbiati, vincitore della passata stagione. Il portiere della Juventus ritorna ai vertici del campionato, suggellando una buonissima stagione che si concluderà con i prossimi Campionati Europei di Polonia e Ucraina.

    Questa la classifica finale della stagione 2011/2012 (risultato della somma dei punti ottenuti dopo ogni votazione settimanale):

    46 pt.Buffon
    33 pt. Benassi
    28 pt. Consigli
    27 pt. De Sanctis
    22 pt. Abbiati
    21 pt. Frey
    21 pt. Gillet
    20 pt. Marchetti
    19 pt. Handanovic
    19 pt. Julio Cesar
    14 pt. Agazzi
    13 pt. Antonioli
    13 pt. Bizzarri
    12 pt. Pegolo
    10 pt. Sorrentino
    8 pt. Boruc
    7 pt. Stekelenburg
    6 pt. Agliardi
    6 pt. Brkic
    4 pt. Mirante
    3 pt. Benussi
    3 pt. Castellazzi
    3 pt. Curci
    3 pt. Julio Sergio
    3 pt. Puggioni
    3 pt. Ravaglia
    2 pt. Avramov
    2 pt. Carrizo
    2 pt. Fontana
    2 pt. Tzorvas
    2 pt. Viviano
    1 pt. Amelia
    1 pt. Lobont
    1 pt. Pavarini
    1 pt. Storari
    1 pt. Terracciano
    1 pt. Ujkani

    Commenti su quello che avete votato? Ferma restando la NON valenza oggettiva dei risultati, va notata come la tendenza dei portieri che si sono distinti nel corso dell'anno sia stata confermata. Spicca il secondo posto di Benassi del Lecce, capace di sfruttare la partenza lenta e gli infortuni di Julio Sergio, un lontano ricordo del portiere che disputò una grande stagione a Roma solo due anni fa. Ottimo anche il risultato di Consigli, sempre più maturo e pronto per giocare in una squadra con ambizioni europee (non che non lo possa essere l'Atalanta, sia chiaro). De Sanctis paga un insufficiente girone di ritorno, mentre Abbiati incide di meno e qualche volta ha responsabilità sui gol (secondo a Torino su tutti). La 'delusione'? Probabilmente Stekelenburg, ma non tanto come prestazioni complessive, quanto per l'investimento fatto e le poche giornate in cui è stato davvero decisivo (in positivo) per il risultato della propria squadra. Ora l'Europei con una delle squadre favorite (Olanda), poi si vedrà.

  • Reusch leader in Serie A e sempre più italiana

    sirigu e consigli portieri reuschRipresi i campionati, i nostri occhi da appassionati (prima che venditori) hanno scrutato attentamente i guanti indossati da i portieri più conosciuti. Pur essendo a conoscenza di alcuni movimenti, la curiosità nel vedere questi cambiamenti era tanta. Difatti, chi non è rimasto sorpreso nel vedere Sirigu con i guanti Reusch (Magno)? Ancora libero da vincoli, il portiere del Palermo e della nazionale, ha deciso di utilizzare i guanti dell'azienda tedesca. Stessa scelta, seppure in B, è stata fatta da Consigli, non più con materiale Lotto.

    Con l'acquisizione di Sirigu, Reusch arriva a coprire ben otto portieri di A su venti (Abbiati, Agazzi, Andujar, Julio Cesar, Mirante, Muslera, Sirigu, Viviano), a tutti gli effetti un piccolo dominio che si ripercuote anche sulle nostre vendite. Altri marchi storici come Uhlsport, invece, non sfruttano la visibilità avuta con i Mondiali (De Sanctis e lo stesso Sirigu con i Fangmaschine Sud Africa, praticamente dei Pro Comfort Textile in altra colorazione) e rimangono con Storari e Julio Sergio (visti in estate provare materiale di altre aziende...), Gillet, Sereni e Handanovic. Sinceramente un pò poco per un marchio che in altri Paesi, soprattutto Francia e Germania, è ai vertici del mercato del settore.

    E gli altri marchi? Puma è momentaneamente sparita in attesa del ritorno di Buffon e Boruc in panchina a Firenze non dà tutta questa visibilità... Lotto mantiene De Sanctis, Sorrentino e poi ha Antonioli che ne sta facendo uso. Adidas mantiene Frey e Nike viene usata da Rosati. La novità è Ho Soccer, indossata da Eduardo e da Curci (scaduto il contratto con Puma, sta indossando un pò di tutto).

    Le novità sono sempre dietro l'angolo. Ricordiamo la scorsa stagione il passaggio di Marchetti a Tepa Sport (sicuramente non contenta della situazione del portiere cagliaritano). Ce ne saranno anche questa volta? Difficile dirlo, ma la situazione del mercato italiano lascia aperte tutte le possibilità.

Oggetti 1 a 10 di 11 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
Presenti su Google+