De Gea

  • Analisi del video di presentazione dei guanti Adidas Ace Zones Pro

    Guanti portiere Adidas Ace Zones ProAdidas ha pubblicato un video in cui presenta i guanti da portiere Ace Zones Pro, modello indossato dai portieri professionisti a partire dalla prossima stagione, con il debutto tra le mani di ter Stegen in finale di Champions League.

    Un paio di guanti che si rinnova rispetto alla precedente versione e lo fa in diversi aspetti. Analizziamo il video, in inglese, per scoprire tutte le novità. Ovviamente non c'è bisogno di commentare la scelta cromatica, evidente e decisamente diversa alle ultime due versioni del Predator.

    Palmo bicolore dei guanti Adidas Ace Zones Pro

    Iniziamo con il focalizzarci sul palmo, in due colori, giallo e nero. Viene evidenziata la scelta di unire assieme le due colorazioni, abbandonando quanto visto sul Predator, dove le zone diversamente colorate erano cucite e sovrapposte su ogni singolo dito. Si accenna a presunti vantaggi in fase di presa e ammortizzazione, ma non immaginiamo a vantaggi così evidenti, limitandosi esclusivamente ad una scelta tecnica non impattante. Continua a leggere

  • Il walzer dei portieri spagnoli. Le ultime su Casillas, Reina e De Gea

    reina de gea casillasUn post in salsa spagnola quello che mi accingo a scrivere. Due i temi caldi: Reina e Casillas. Da loro si diramano tutta una serie di altre situazioni che riguardano altri portieri. Ma cerchiamo di approfondire ogni aspetto singolarmente.

    Reina viene da una stagione da vacanziero retribuito a Monaco. Strana scelta, quella del forte portiere spagnolo, rientrato a Liverpool dal prestito al Napoli. Inevitabile il ruolo di riserva di quel Neuer, sempre più riconosciuto come il miglior portiere del mondo. L'alto ingaggio e la volontà di De Laurentis di non investire troppo sul portiere, lo hanno allontanato dalla squadra partenopea. I problemi di Rafael però, uniti all'affetto mostrato continuamente dai tifosi napoletani, hanno ridestato il potenziale interesse del presidente, che, assieme al tentativo di continuare il rapporto con Benitez, potrebbe decidere di riaffidare la porta al portiere trentaduenne. Un importante indizio pare essere arrivato nelle ultime ore, perché pare che Reina abbia presentato un modulo di preiscrizione a scuola per il proprio figlio. Spesso, dietro queste operazioni burocratiche, si celano le scelte già prese.

    E Rafael Cabral ed Andujar? Su quest'ultimo ci sono pochissimi dubbi sulla sua permanenza a Napoli. Conquistatosi il posto da titolare, senza mai incorrere in errori grossolani come succedeva a Catania, a fine stagione diverrà interamente di proprietà napoletana. Per voce del suo procuratore, ha fatto intendere chiaramente di trovarsi benissimo e di non aver alcuna intenzione di muoversi, neppure con il ritorno di Reina. Diversa, invece, la situazione del suo compagno brasiliano, costretto con tutta probabilità a cambiare area per rigenerarsi e ritrovare la fiducia persa. Cessione definitiva o prestito? Difficile dirlo al momento.

    Passiamo a Casillas, monumento del Real e dell'intero calcio spagnolo. Un po' tutti sono concordi nell'ammettere il calo tecnico e fisico del portiere spagnolo. Non più ai livelli di qualche anno fa, resta comunque un giocatore di altissimo spessore ed enorme esperienza. Ancelotti lo ha sempre preferito a Keylor Navas, anche in campionato. Eppure, si rincorrono diverse voci sul suo addio al Real Madrid, più per volontà della dirigenza, che per scelta propria. Sono insistenti infatti, le notizie sull'interesse nei confronti di De Gea, consacratosi definitivamente a Manchester e fresco di rifiuto ad un ricchissimo contratto da 14 milioni all'anno. Il giovane portiere non vuole necessariamente lasciare lo United, ma gradirebbe una clausola di rescissione posta ad una cifra non esagerata, così da potersi far trovare pronto in caso di offerta dal Real. A quel punto, Casillas potrebbe anche scegliere di rescindere consensualmente il contratto e decidere liberamente del proprio futuro, che sia all'estero o lontano dal campo.

    Chiusura con un portiere che tanti interisti ancora rimpiangono. Julio Cesar, è vicinissimo al rinnovo con il Benfica sino al 2018. Non male per chi aveva difficoltà a trovare squadra dopo l'addio all'Inter.

  • I nuovi colori dei guanti Adidas Predator

    Guanti Adidas PredatorCome spesso accade per i lanci delle nuove collezioni di accessori per il calcio, noi portieri siamo sempre relegati, quando va bene, in un angolo. Nessuna promozione degna di tal nome o anche semplici riferimenti ai guanti da portiere legati alle nuove scarpe, loro sì, sempre al centro dell'attenzione mediatica. Siamo abituati e nel nostro piccolo, cerchiamo di dare dignità ai nostri 'strumenti del mestiere' preferiti. E così faremo anche per la nuova colorazione dei modelli Predator.

    Adidas ha lanciato ufficialmente i suoi ultimi prodotti con la campagna THERE WILL BE HATERS (ci saranno disprezzatori). Immagini, articoli dedicati ed il classico video promozionale. I testimonial sono Suarez, Benzema, Bale e James. Manca qualcosa? Tipo Neuer o quantomeno un'altro dei tanti portieri di spessore sponsorizzati dall'azienda tedesca? Fa nulla, tanto noi portieri siamo sempre quelli da abbattere grazie al potere salvifico delle scarpe. Ci pensiamo noi a colmare la lacuna :)

    Prima, però, una piccola premessa sulla mancanza di alcuni modelli dello Zones Pro nelle scorse settimane. Noi, come per tutti gli altri marchi, dipendiamo dalle sezioni distaccate o dai distributori italiani. Questi possono scegliere di scartare alcuni articoli e questo è avvenuto per gli Zones Pro verdi ed i modelli speciali riservati a Neuer, Casillas e Cech. I motivi? Loro scelte commerciali. Fatto anche questo chiarimento, posso finalmente presentare nel dettaglio tutta la nuova collezione a noi riservata.

    I modelli disponibili al lancio sono sette (arriverà anche la versione fingertip). Tre di questi sono steccati e quattro no. Il range di prezzo varia da tanto (159 euro) a poco (32 euro). Non abbiamo preso modelli più economici, perché facilmente reperibili nei normali negozi, ma soprattutto perché non all'altezza di quello che riteniamo lo standard minimo che dovrebbe garantire un paio di guanti da portiere. Continua a leggere

  • I nuovi guanti da portiere Nike per l'inizio della stagione 2014/2015

    Mancava ancora un importante brand a completare il quadro di inizio stagione. Nike, si è fatta attendere più del dovuto, dopo il lancio della nuova collezione di guanti ai mondiali. Ma con le competizioni per club già iniziate (la Serie A è il solito caso a parte), finalmente l'azienda americana ha rilasciato tutti i nuovi modelli disponibili per il mercato italiano.

    Prima di passarli in rassegna, una veloce considerazione sull'immagine del brand tra i portieri. L'ascesa mondiale di Thibaut Courtois, preferito al Chelsea a Cech, assieme allo stabile De Gea al Manchester United, ha dato rinnovata ed evidente visibilità ai loro guanti. Certo, ci sono altri portieri importanti, come Howard od Ochoa, ma essere indossati dai portieri di due club così importanti, contiene lo strapotere 'mediatico' dei portieri sponsorizzati Adidas. E in Italia? Piccoli segnali di rinnovata visibilità, con promettenti giovani che sono stati presi sotto l'ala protettiva del grande baffo. Solo per segnalarne alcuni, Cragno e Colombi a Cagliari, Leali a Cesena, più Carrizo e Berni all'Inter e Rosati a Napoli, senza contare altri interessantissimi giovani, come Lezzerini della Fiorentina, Pigliacelli al Frosinone e tanti altri promettenti ragazzi sparsi tra primavera e prime esperienze tra B e Lega Pro.

    Ora torniamo ai modelli, sostanzialmente sempre gli stessi, ma con nuovi colori e design leggermente rivisto. Ed una piccola novità, dato che tutti i guanti sono ora dotati di cinturino in lattice e non più di quello in nylon a cui Nike ci aveva abituato negli ultimi anni.

    -

    Andando in ordine di apparizione, torna il GK Confidence, del tutto identico alla precedente versione. Scelta per i più curiosi con la placca in plastica sul dorso ed un secondo cinturino, sempre sul dorso, per allacciare i guanti secondo i propri gusti. Il paio di guanti che ha subito più modifiche è sicuramente il GK Premier SGT, perché oltre al già citato cinturino in lattice, il dorso è stato rivisto, 'liberando' il pollice e dividendo in due parti la struttura che lo riveste. Immutato il palmo, sempre con il sistema SGT a ricoprire parzialmente il lattice. Si passa ai classici GK Vapor Grip 3, disponibili in due diverse colorazioni, bianchi o neri. In questo caso, nessun cambiamento strutturale, escludendo la nuova veste grafica. Chiude il GK Grip 3, versione replica del Vapor è perfetto per chi vuole un buon guanto, senza dover spendere troppo.

    Ai guanti da portiere, potete abbinare una delle tante maglie Nike a disposizione nell'apposita sezione del sito e uno degli ottimi pantaloni imbottiti, con vestibilità stretta e protezioni rivestite in materiale resistente.

4 oggetto(i)

Presenti su Google+