Diego Lopez

  • E' il momento giusto per l'esordio di Donnarumma nel Milan?

    donnarumma milan

    Ci sono ragazzi che sognano di giocare per le più importanti squadre di calcio del mondo. Altri che possono davvero realizzarlo. Uno di questi è Gianluigi Donnarumma, il giovanissimo portiere del Milan, classe 1999. A soli 16 anni potrebbe battere il record di esordio in Serie A per un portiere, ora appartenente a Buffon e Peruzzi, che fecero la loro prima apparizione ufficiale a 17 anni e 9 mesi.

    Donnarumma è solo l'ultimo di una nutrita schiera di giovani portieri italiani predestinati. L'elenco è lungo e molti di questi aspettano ancora la loro occasione o cercano di rilanciarsi e maturare altrove. Alcuni nomi? Sarebbero tanti, ma l'esempio di Scuffet è probabilmente quello più affine. Lanciato in campo due stagioni fa ad Udine, sembrava dovesse iniziare una rapidissima carriera in palcoscenici importantissimi. Ora gioca la sua prima vera stagione da titolare al Como. Vuol dire che ha fallito? Certamente no, considerata la giovanissima età del ragazzo e quanto di buono già fatto mostrare. Ma vale come monito a non farsi condizionare da qualche titolo sui giornali e in televisione.

    Giornali e canali televisivi, infatti, proprio in questi giorni stanno alimentando il fuoco. La partenza non straordinaria di Diego Lopez, assieme a presunte incomprensioni con Mihajlovic, spingerebbero per il cambio tra i pali anche in campionato. Ora, pur riscontrando il diverso rendimento dell'esperto portiere spagnolo, a me sembra francamente pericoloso fare questo tipo di scelta. Diego Lopez è un ottimo portiere e i problemi in difesa del Milan non dipendono solo da lui. Che lo scorso anno sia stato il migliore dei rossoneri non è certamente sufficiente a garantirgli il posto, ma sarebbe sufficiente a dargli ancora fiducia e non commettere il doppio errore di lanciare un ragazzo, che per quanto potenzialmente bravo, potrebbe soffrire in egual misura delle difficoltà del reparto arretrato milanista.

    Oggi non sappiamo se Donnarumma potrà diventare uno dei migliori portieri della nuova generazione. I campi da calcio sono pieni dei 'cadaveri sportivi' degli eredi di Buffon. Rischiare un prospetto del genere, in una squadra che non deve limitarsi a fare qualche risultato, ma raggiungere almeno il terzo posto, potrebbe essere controproducente. Vale davvero la pena correre questo rischio così presto? La scelta è nelle mani dell'allenatore e dello staff tecnico. Noi continueremo a seguire la situazione con curiosità e augurandoci che il giovane ragazzone di due metri, possa realizzare i propri sogni e diventare davvero quello per cui lavora ogni giorno.

  • Tutti i guanti da portiere Reusch Re:ceptor 2015

    Guanti portiere Reusch 2
    La presentazione e commercializzazione dei guanti da portiere Reusch, avviene abitualmente negli ultimi due mesi dell'anno. Ma è a febbraio che l'intera collezione viene distribuita ai rivenditori come noi e quindi, disponibile alla vendita. E dunque, è questa l'occasione per presentarvi l'intera gamma di modelli (nel momento in cui scriviamo questo pezzo) disponibili per l'acquisto sul nostro sito ecommerce.

    I modelli con stecche protettive alle dita sono quattro. Due con sistema Ortho Tec (solo il Deluxe con stecche estraibili) e due con sistema Finger Protection. Cosa cambia? Il secondo è una versione più leggera, o sarebbe meglio dire, più semplice, ed adatta a guanti con una costruzione meno elaborata. Ma proteggono meno? No, la protezione resta praticamente la stessa.

    I modelli che chiamiamo abitualmente professionali, sono quattro. Uno steccato, il Re:ceptor Deluxe G2 Ortho Tec, e tre classici e più precisamente il Re:ceptor Deluxe G2, il Re:ceptor Pro Duo G2 ed il Re:ceptor Pro G2. Tralasciando il primo, consigliato a chi voglia un guanto di altissima qualità, con un'ottima calzata e con protezioni affidabili, guardiamo nel dettaglio gli altri tre. Il Deluxe G2 è il più elaborato tra tutti i modelli. Calzata ottimale con una lavorazione davvero eccellente sotto tutti gli aspetti. Il lattice G2, costante di tutti e tre i guanti, è una sicurezza sull'asciutto ed affidabile sul bagnato. L'usura è nella norma dei lattici professionali (vuol dire che se ne avete cura, ma soprattutto applicate correttamente le tecniche di caduta, la mescola resiste tranquillamente per mesi, pur deteriorandosi). I Re:ceptor Pro Duo G2 e Pro G2 sono decisamente più tradizionali. Il palmo è piatto (non sagomato come il Deluxe) e le uniche differenze tra i due modelli, escludendo i colori, sono nella presenza del lattice interno (sistema DUO), nella prima versione. Cosa comporta? Il guanto diventa più massiccio, ma guadagna moltissimo in capacità di assorbire il pallone in fase di presa, ammortizzando con maggiore efficacia una volta arrivato a contatto con la sfera. Ed i professionisti cosa usano? Non c'è una preferenza assoluta. C'è chi usa il DUO e chi no (pur usando la colorazione della versione G2). Continua a leggere

  • Diego Lopez firma con Reusch. Indosserà i Re:ceptor

    Reusch_Diego_Lopez[1]Avevamo scritto poche settimane fa, di come Uhlsport fosse (involontariamente) riuscita a coprire dopo tanti anni con i propri guanti, entrambi i portieri titolari (o presunti, stante l'attuale situazione) delle squadre milanesi. Inaspettatamente, ma non troppo, Reusch sigla un accordo pluriennale con il portiere spagnolo Diego Lopez, coprendo tutti e tre i portieri della prima squadra. Il comunicato stampa della società tedesca, in italiano, ha data odierna (25 ottobre) e abbiamo aspettato a pubblicarlo per correttezza. Questo il testo completo (nella foto abbiamo oscurato i guanti Re:ceptor in attesa delle prime immagini ufficiali).

    Diego Lopez, 32 anni, è un portiere professionista spagnolo che prima di arrivare a Milano ha giocato nel Real Madrid, vincitore della Champions League lo scorso anno. Questa nuova collaborazione apre un nuovo capitolo nella lunga tradizione che unisce Reusch al Milan. Dopo Dida e Abbiati, portiere titolare del Milan per 15 anni, anche Lopez ora da fiducia ai guanti da portiere Reusch. Alla firma Diego ha affermato, “La prima volta che ho provato i guanti Reusch sono rimasto incredibilmente stupito! Come portiere ritengo che i prodotti e il marchio Reusch siano ai massimi livelli. Sono molto orgoglioso di avere l’opportunità di entrare a far parte del team Reusch. Sono fiducioso di poter celebrare tantissimi successi con questo team come hanno fatto i miei colleghi.”

    “Trovare il guanto che mi soddisfi al cento percento e tenga conto di tutte le mie esigenze è stato un processo arduo. Nelle ultime settimane l’intero team Reusch, dagli sviluppatori del prodotto alle persone incaricate delle logistica, hanno dimostrato di saper lavorare con grande velocità, in modo preciso e fidato. Un fattore che mi fa apprezzare ancora di più questa collaborazione! Per me Reusch è sicuramente il marchio con la vestibilità e i materiali per i palmi migliori. I miei guanti sono assolutamente perfetti” ha continuato.

    E non è solo Lopez a essere contento, anche Reusch è orgogliosa e fiduciosa. Ci aspettiamo una collaborazione entusiasta basata su un’interazione e uno scambio preziosi. Ci attendono bei momenti e ci auguriamo che Diego riesca a mettere in luce tutte le sue qualità e portare il Milan a vincere ancora molti trofei.

    L'attenzione che la sezione italiana Reusch mette nel coprire portieri con grande visibilità è assolutamente apprezzabile. Il merito è anche della qualità riconosciuta dei propri guanti. Se tutte agissero nella stessa maniera, riconoscendo l'importanza del (nostro) mercato dei portieri, sicuramente ne gioverebbe tutto il settore. Piccoli produttori cercano di fare il loro meglio con i mezzi a disposizione, mentre altri, anche di marchi storici o internazionali, potrebbero certamente fare di più. Nel frattempo, per quanto possibile, ci pensiamo noi.

3 oggetto(i)

Presenti su Google+