guanti

  • Come eliminare (quasi) completamente la puzza dai guanti da portiere

     

    "/

    I guanti da portiere puzzano, se li utilizzi spesso e anche se li conservi correttamente. Il sudore delle mani e la sporcizia raccolta in campo sono una combinazione micidiale per il lattice e in poco tempo i palmi cominciano a emettere un odore forte e nauseabondo.

    Perché i guanti puzzano

    Come abbiamo scritto nella premessa, i guanti emettono un cattivo odore che può arrivare a ricordare quello terribile delle scarpe da ginnastica vecchie, a causa dei batteri che colonizzano la mescola del lattice e gli altri tessuti usati per il dorso.

    L'ambiente umido in cui si trovano è per loro perfetto per prosperare e riprodursi, diventando anche visibili. Te ne accorgi, perché appaiono come dei puntini neri. Sono micro muffe, che non alterano in nessun modo la capacità di presa del palmo, ma a livello olfattivo risultano davvero fastidiose.

    Lavare i guanti in maniera classica

    Noi di Portierecalcio.it abbiamo scritto una guida completa sulla pulizia dei guanti da portiere, che in dieci semplici passi ti spiega come tenere quanto più puliti possibile i tuoi preziosi alleati.

    Aggiungo che, pur restando pratica molto sconsigliata, una volta nel ciclo di vita di un guanto si potrebbero lavare in lavatrice a massimo 30 gradi e 800 giri di centrifuga. È un'operazione da compiere solo se essi sono davvero sporchi e possibilmente quando i guanti sono praticamente da buttare.

    Con questa operazione ridurremmo il problema della puzza, ma come appena scritto, rischieremmo di ridurre drasticamente la capacità di presa dei palmi, cosa che non deve assolutamente accadere.

    Usare il bicarbonato per igienizzare i guanti da portiere

    L’idrogeno carbonato di sodio (NaHCO3), detto comunemente bicarbonato, è un sale estremamente solubile in acqua (96 g/l).

    La “puzza” del sudore è causata dalle molecole organiche maleodoranti, che, pur non essendo contenute direttamente nel sudore, possono essere prodotte in seguito al metabolismo dei batteri che vivono naturalmente sulla nostra pelle.

    Il bicarbonato sciolto in acqua (o nel sudore) dà una soluzione debolmente alcalina, pochissimo superiore al valore di neutralità (pH 7). L’azione batteriostatica e quindi da “deodorante” NON è dovuta alla sua estrema acidità o alcalinità ma semplicemente alla sua salinità.

    In questa maniera il bicarbonato elimina il cattivo odore quasi completamente dai nostri guanti, ma non altera in alcuna maniera le proprietà e le caratteristiche del lattice, lasciandoli perfettamente integri e pronti a essere usati.

    Come applicare il bicarbonato sui guanti da portiere

    Con le immagini qui sotto ti spiego come procedere per applicare correttamente il bicarbonato sui tuoi guanti da portiere, in modo da compiere l'operazione di "disinfestazione" dai cattivi odori nella maniera più sicura possibile.

    Prima di tutto spargi il bicarbonato puro sui palmi dei guanti e lascialo stare per dieci minuti. In questa maniera sarà in parte assorbito nella schiuma del lattice, penetrando in profondità.

    Ovviamente devi buttarne un po' anche all'interno, agitando per bene in modo che la polvere vada dappertutto.

    Fatto questo, riempi la bacinella d'acqua, strofinando leggermente in modo che non restino tracce. Come abbiamo scritto, il bicarbonato è facilmente solubile, quindi lo vedrai sparire quasi subito.

    Ora lascia i guanti a riposo nell'acqua anche per una notte intera, in modo che i batteri vengano del tutto eliminati e resi inoffensivi, lasciandoli poi asciugare lontani dalla luce diretta del sole, da quella artificiale e da fonti di calore. Ci vorrà come sempre un po' di tempo, ma l'operazione sarà avvenuta con successo.

    Missione compiuta!

    Sarà il tuo naso a farti notare subito la differenza. Niente più puzza, quasi del tutto eliminata. I guanti non saranno più una bomba chimica nel tuo borsone, e potrai indossarli senza stabilire record di apnea.

    Potrai ripetere questa operazione ogni volta che sarà necessario.

    novità guanti da portiere

  • Come attivare il lattice dei guanti da portiere nuovi

    Una delle domande più comuni che ci vengono rivolte dai nostri clienti, è quella relativa all'attivazione del lattice dei guanti da portiere appena comprati su www.portierecalcio.it.

    Con questo post, spiegheremo tutte le operazioni da fare per avere già dal primo uso la massima resa dal palmo dei propri "ferri del mestiere".

    Perché attivare il lattice dei guanti da portiere

    Il lattice per essere cucito nella maniera migliore possibile alla struttura del guanto da portiere viene trattato con saponi di lavorazione e conservanti, che ne preservano la struttura e ne evitano un precoce deterioramento nei magazzini.

    Questi materiali, creando di fatto una pellicola sulla superficie del palmo, ne riducono la presa tanto che in un primo momento si potrebbe pensare a un materiale difettoso o di poco valore. Non è così.

    Il prelavaggio dei guanti, risolverà questo problema, e voi avrete la giusta sicurezza di presa sul pallone già alla prima parata.

    Programmare l'operazione

    I guanti da portiere, sia che siano nuovi, sia che siano usati, hanno bisogno di molto tempo per asciugarsi, anche perché devono stare lontani da fonti di luce (anche artificiale) e di calore, che rovinerebbero il lattice, seccandolo irrimediabilmente e compromettendone la presa.

    Attivateli quindi almeno 48 ore prima del primo utilizzo.

    Armarsi di bacinella

    Prendete una bacinella, abbastanza grande per contenere entrambi i guanti e riempitela con uno, massimo due dita di acqua possibilmente tiepida ma non calda!

    La foto all'inizio dell'articolo vi spiega bene come e cosa fare!

    Appoggiate il vostro paio con i palmi in giù, in modo che si bagnino, senza "affogare" il resto della struttura e lasciateli "riposare" così almeno mezz'ora.

    Strofinare delicatamente

    Dopo 30 minuti prendete i guanti, e strizzateli con la massima delicatezza possibile, in modo che l'acqua accumulata nella mescola porti via tutti gli additivi chimici che devono essere espulsi.

    Fatto questo strofinateli, sempre con delicatezza perché non dovete stressare eccessivamente il materiale, in modo da fare uscire ciò che è rimasto dentro.

    Sciacquare i guanti sotto l'acqua corrente

    Un passaggio veloce sotto l'acqua corrente è necessario per assicurarci che il lattice sia ormai ben pulito e "spurgato". A differenza di quanto vedo suggerito da altre parti, non vi consiglio di fare la stessa operazione sul dorso.

    Non andando a contatto diretto con il pallone (tranne che sulle respinte di pugno), mantenere additivi e conservanti sui lattici del dorso, se presenti, conserveranno più a lungo l'estetica dei vostri guanti, non facendoli scolorire e resistendo anche allo sporco dei campi peggiori.

    Asciugare con pazienza

    So che state morendo dalla voglia di mettere i guanti e di lanciarvi sul primo pallone a portata di... mani, ma ora i guanti devono asciugarsi e per farlo devono stare lontani da fonti di calore e dalla luce non solo diretta del sole, ma anche da quella artificiale.

    Pare, anche se non ho ancora una conferma scientifica, che i neon facciano gli stessi danni dell'esposizione solare, quindi adottando un criterio di prudenza, meglio fare come spiego ora.

    Prendete un vecchio asciugamano e avvolgete i guanti, in modo che i palmi non si tocchino tra loro. Tamponate con attenzione e lasciateli a riposo per un'ora.

    Fatto questo scopriteli e lasciate che completino l'asciugatura all'aria in una stanza buia o all'aperto in una zona dove non arrivi luce diretta del sole.

    I guanti sono pronti!

    Se avete eseguito tutte le operazioni che ho scritto qui sopra, i vostri guanti saranno pronti all'uso e daranno il loro massimo. Non vi preoccupate se dovessero essere ancora leggermente umidi. Sarà un bene per il lattice che non avrà bisogno della classica veloce passata sotto la doccia, prima di andare a difendere i pali.

    novità guanti da portiere

  • Cinque ottimi guanti da portiere sotto i 60 euro!

    Trovare degli ottimi guanti da portiere sotto i 60 euro non è facile e con questo post vogliamo aiutare tutti i nostri clienti, indicando loro cinque ottimi modelli da acquistare e utilizzare in partita, senza doversi per forza spendere cifre vicine al centinaio di euro.

    Come trovare guanti da portiere a buon prezzo

    Su Portierecalcio.it è già possibile, attraverso la selezione del nostro menù interattivo selezionare i guanti in questa fascia di prezzo, cosa che potete fare automaticamente cliccando qui.

    Nonostante questo, in questo post punteremo l'attenzione su quelli che consideriamo al momento i cinque migliori guanti per i portieri in quella fascia di prezzo!

    Questa guida è rivolta anche a quelle persone che, volendo fare un regalo a un amico (o un'amica) portiere, non abbiano la minima idea sul come scegliere il prodotto giusto. Veniamo in vostro aiuto! Continua a leggere

  • Il portiere della Juventus Szczesny firma con Reusch!

    “Volevo semplicemente i migliori guanti del pianeta

    L’azienda italiana dà il benvenuto al portiere titolare della Juventus.

    Reusch è contentissima di annunciare la collaborazione a lungo termine con il portiere titolare della Juventus, nonché numero uno della Nazionale Polacca, Wojciech Szczesny. Dopo un’intensa fase di prove, il portiere ventottenne è stato convinto dall’eccellente qualità dei prodotti e dalla professionalità offerta da Reusch.

    Reusch, azienda italiana con sede a Bolzano in Alto Adige, è estremamente orgogliosa di questa importante collaborazione con uno dei migliori portieri in Europa, nonché giocatore della Juventus, la squadra di calcio italiana più vincente di sempre.

    Le dichiarazioni ufficiali di Szczesny

    “Il giorno dopo la scadenza del mio contratto con il precedente produttore di guanti, ho iniziato a testare tutti i guanti da portiere in circolazione, semplicemente perché volevo trovare il miglior prodotto disponibile sul mercato. Quando finalmente per la prima volta ho provato Reusch, ho capito immediatamente che quella sarebbe stata la mia scelta! La vestibilità è perfettamente aderente, ma comunque molto confortevole, le protezioni sono estremamente affidabili e la presa garantita dal G3 Fusion è semplicemente la migliore che io abbia mai provato.” Continua a leggere

  • I guanti da portiere per l'estate - il portiere amatoriale

    consigli guanti portiere per l'estate

    Aggiornato l'1 luglio 2017!

    Dopo il nostro post sulle maglie da portiere per l'estate, abbiamo pensato fosse utile scrivere un altro articolo focalizzato sui guanti da indossare nello stesso periodo. Tra un bagno al mare, un'escursione in montagna o un ozioso e afoso pomeriggio in città, c'è sempre la voglia e il tempo per giocare una partita.

    Le giornate più lunghe e calde, aumentano le possibilità di organizzare incontri e partecipare ai tantissimi tornei amatoriali che si disputano in giro per l'Italia. Sappiamo bene che, sia che tu sia uno studente o un lavoratore, in queste occasioni ogni partita è giocata con spirito e impegno, degni della finale dei campionati europei.  E i consigli che stiamo per darti, sono indicati proprio per te, portiere amatoriale che ci tiene sempre a fare bella figura e venire apostrofato dagli avversari con il classico "E che sei Buffon?!?" (che va letta con il dialetto locale di chi la pronuncia).

    Devo fare una premessa importante: lascia perdere i guanti da pochi euro che trovi appesi sugli espositori di molti negozi di articoli sportivi. NON proteggeranno le mani, NON vi aiuteranno nella presa e soprattutto, dureranno tanto quanto costano. Poco! Considerateli come giocattoli, adatti per essere usati da chi si approccia al ruolo per la prima volta e non è ancora sicuro di voler fare il portiere. E non credo che questo sia il tuo caso. Continua a leggere

  • Il classico torna di moda grazie ad Adidas

    Jpeg

    Tradizione verso innovazione. Linee classiche verso linee moderne. Con la sua nuova linea di guanti da portiere Ace Adidas vuole accontentare tutti i portieri.

    Della linea Trans pro abbiamo parlato in questo post, così se lo vuoi rileggere è a tua disposizione. Qui ci concentreremo sull'Ace Classic Pro.

    Il Revival

    Per me che gioco da più di venticinque anni a calcio, il design dei nuovi Ace Classic Pro ha richiamato subito in mente la seconda metà degli anni Novanta.

    Adidas cominciava di nuovo a vestire le mani dei portieri professionisti e presentava una collezione di guanti spartana, ma comunque valida.

    Il modello preso come riferimento è il "Clima", che possiamo vedere in un'immagine qui sotto tratta dal sito "Falksiemering.de", in catalogo dal 1996 al 2000. Per gli appassionati il lattice era il sempre attuale Supersoft.

    adidas clima goalkeeper gloves

    La versione attuale riprende quasi completamente quello stile. Struttura, lattice e costruzione del guanto sono di ultimissima generazione, ma il design vintage non può non piacere a chi ama linee pulite e sobrie.

    Guanti da portiere Adidas Ace Classic Pro

    Il dorso

    A differenza delle versioni Trans Pro, abbiamo a che fare con un dorso interamente in lattice, cosa che piacerà ancora di più ai tradizionalisti.

    Così come per la versione precedente, tutta la mano ne è completamente rivestita, permettendo anche a chi voglia un guanto massiccio di poter utilizzare quelli della casa tedesca.

    Il Palmo

    Il lattice è l'ormai conosciuto e affidabile Nova. Le dita sono cucite con il classico taglio negativo ampio, che trasmette sensibilità e controllo in fase di presa. Manca qui la zona rinforzata sulla base del palmo, presente invece sugli Ace Trans Pro sia tradizionali, che nella colorazione riservata a Manuel Neuer.

    L'offerta sul modello precedente

    Per chi volesse risparmiare, ricordiamo che il modello 2016/2017 è disponibile su Portierecalcio.it in offerta con un ampia scelta di misure.


    Il mio giudizio personale è assolutamente positivo. Per la sua costruzione è tranquillamente utilizzabile anche nel calcio a 5 agonistico, trasmettendo la dovuta sensibilità sul pallone a rimbalzo controllato e ovviamente raccomandatissimo per l'uso professionale nel calcio a 11.


    Se non ne fai ancora parte, iscriviti subito al nostro sito! E' gratis e assieme all'iscrizione alla nostra newsletter, avrai sino a tre euro di sconto (150 punti) che potrai utilizzare durante il primo acquisto. Completandolo, accumulerai altri punti che daranno diritto a ulteriori sconti con la nostra campagna punti fedeltà.

  • Reusch è diventata italiana

    reusch italiaReusch non è più tedesca, ma è diventata italiana al 100%. Ciò è motivo di orgoglio per noi, che riportiamo qui il comunicato stampa ufficiale, che ci è pervenuto.

    "REUSCH SI TRASFERISCE IN ALTO ADIGE"

    "Reusch, produttore di guanti di successo con una lunga tradizione alle spalle e un’impronta internazionale, muove un passo avveniristico: col trasferimento della sede principale da Reutlingen in Germania a via Innsbruck a Bolzano e la fondazione della Reusch International S.p.A., a partire dal 1 giugno 2017 le attività di Reusch verranno pilotate direttamente da Bolzano. Il marchio Reusch, che già dal 2009 si è trasferito presso il Kampill Center di Bolzano con gli uffici di sviluppo del prodotto, diventerà a tutti gli effetti un’azienda altoatesina.

    Reusch produce da oltre 80 anni pregiati guanti da sci e da portiere e si è affermata nel corso degli anni come leader internazionale in questo settore. Molti atleti di successo a livello mondiale si affidano a Reusch, fra questi stelle dello sci come Lindsey Vonn, Marcel Hirscher, Mikaela Shiffrin e Lara Gut e portieri di fama internazionale della serie A, della Bundesliga e di altri campionati esteri della massima serie.

    Oltre agli uffici di sviluppo del prodotto e design, già a Bolzano da 8 anni, con questa riorganizzazione aziendale verranno trasferiti a Bolzano anche l’amministrazione e la coordinazione dei distributori internazionali sparsi in oltre 50 Paesi sui 5 continenti. La nuova Reusch International S.p.A., una società della Erich Weitzmann S.r.l., dirigerà due magazzini rispettivamente a Milano e Reutlingen, dai quali i clienti di tutta Europa verranno forniti direttamente.

    Un team giovane e internazionale si occuperà in futuro direttamente dalla sede di Bolzano di tutti gli aspetti creativi e imprenditoriali della nuova azienda, coordinando e supportando circa 60 dipendenti, 50 agenti di commercio e 55 distributori. Grazie alla sua posizione strategica, vicina agli importanti mercati di Italia, Francia, Svizzera, Austria e Germania e alle più importanti aree sciistiche d’Europa, Reusch trova a Bolzano la sua sede ideale. Il trasferimento della nuova società gioverà a tutto l’Alto Adige. Non è prevista una vendita al dettaglio presso la sede di Bolzano poiché i prodotti Reusch sono già commercializzati in tutto il Paese attraverso una fitta rete di partner commerciali."

    Portierecalcio.it si augura che dopo questo passaggio Reusch possa riconquistare la leadership e la visibilità che merita sul mercato italiano dei guanti da portiere e dell'abbigliamento, valorizzando e sponsorizzando i migliori portieri della Serie A.


     

    Se non ne fai ancora parte, iscriviti subito al nostro sito! E' gratis e assieme all'iscrizione alla nostra newsletter, avrai sino a tre euro di sconto (150 punti) che potrai utilizzare durante il primo acquisto. Completandolo, accumulerai altri punti che daranno diritto a ulteriori sconti con la nostra campagna punti fedeltà.

  • I sette guanti professionali Rinat per la stagione 2017

    img_20160716_170134Abbiamo analizzato in un precedente post su questo blog tutti i guanti Rinat sotto i 40 euro, e sappiamo che la cosa è stata molto apprezzata.

    Per questo motivo ti presenterò i sette guanti Rinat "da gara" della collezione 2017.

    Prima di partire: perché comprare Rinat? Perché ti offre tanti guanti diversi, ognuno con un suo stile e una sua vestibilità che farà felice più di un estremo difensore.

    Se hai una preferenza particolare, l'azienda messicana potrà tranquillamente soddisfarla.

    Se hai problemi al polso, Rinat offre la chiusura (sempre in lattice) più ampia sul mercato, aumentando così sia la superficie di presa, sia la protezione sull'articolazione.

    Non sottovalutiamo inoltre il prezzo!

    Rispetto alla concorrenza i guanti da portiere Rinat costano fino al 30% in meno della concorrenza, ma ti posso garantire che la qualità è uguale e in certi casi superiore!

    Per ogni guanto ti ho preparato un breve riassunto. Se vuoi saperne di più, clicca sull'anteprima della foto sopra ogni descrizione. In questa maniera ti apparirà immediatamente la scheda approfondita!

    kraken blogKraken Pro: un vero e proprio capolavoro di ergonomia e vestibilità. A questo guanto abbiamo dedicato un apposito post sempre su questo blog per permetterti di approfondire ogni sua caratteristica e particolarità. E' sicuramente la soluzione più avanzata di tutta la collezione e la tua prima scelta, se sei un numero 1 molto esigente. Anche in versione verde!

    egokito-pro-blogEgotiko 2.0 Pro: lo riconosci per la grafica molto aggressiva con il suo argento scuro e il palmo verde acido in versione Hybrid con il medio e l'anulare con cucitura negativa. Perché sceglierlo? Perché predispone da subito la mano alla corretta posizione per la parata e facilita la presa, rinforzando indice e mignolo (le dita più sollecitate) e lasciando più libere le dita interne.

    supreme-pro-blogSupreme 2.0 Pro: cucitura interamente negativa e palmo largo. Se hai le mani grosse e tozze hai trovato finalmente un guanto che le veste alla perfezione. Lo ha scelto anche Andrea Paroni della Virtus Entella nella nostra serie B italiana.

    uno-clasico-blogUno Clasico 2.0 Pro: se ami il Duo e sei orfano di Reusch, ho buone notizie per te. Questo modello ce l'ha e ti garantisce tutta l'ammortizzazione e la sensibilità di presa del lattice interno ondulato a cui ormai ti sei abituato. Gli inserti sulle dita e la protezione sul lato esterno del guanto, ne aumentano la resistenza all'usura.

    rolotek-blogRolotek 2.0 Pro: il taglio finger surround! Introdotto da Uhlsport, ma sparito sul mercato italiano, qui è esattamente come lo cerchi. In più uno speciale cinturino che avvolge tutta la mano e ti permette una totale stabilità, trasformando il guanto in una vera e propria seconda pelle. Lo consigliamo anche per il calcio a 5.

    fenix-pro-blogFenix 2.0 Pro: il più leggero del roster con un dorso ridotto all'essenziale e il passaggio dal lattice XP all'Omega Grip che ne aumenta rispetto alla versione precedente sia la presa, che la resistenza. Se non vuoi un guanto massiccio, anzi non li sopporti proprio, questo fa davvero al caso tuo.

    asimetrik-pro-blogAsimetrik 2.0 pro: riprogettato interamente rispetto alla versione precedente, il portabandiera della collezione (a cui abbiamo dedicato la copertina di questo post) si presenta ancora più massiccio del solito e con una grafica aggressiva, che se ami molto i colori accesi non potrai non amare. Taglio rollfinger sulle dita curato in maniera maniacale per garantire una maggiore flessibilità e la protezione del mignolo.

    Come hai letto, a parte il Kraken, che è un guanto totalmente nuovo, tutti gli altri modelli hanno "2.0" nel nome. Vuol dire quindi che Rinat ha migliorato tutti i modelli precedenti, rendendoli ancora più performanti ed efficaci sia a contatto col pallone, sia per comodità e sicurezza delle mani.

    Se non ne fai ancora parte, iscriviti subito al nostro sito! E' gratis e assieme all'iscrizione alla nostra newsletter, avrai sino a tre euro di sconto (150 punti) che potrai utilizzare durante il primo acquisto. Completandolo, accumulerai altri punti che daranno diritto a ulteriori sconti con la nostra campagna punti fedeltà.

  • Il Kraken Rinat ai raggi X. Scopriamone tutti i segreti

    img_20160716_170416Se c'è un marchio che attira sempre di più l'attenzione dei nostri clienti, e di te che ci stai leggendo, sicuramente questo è Rinat.

    L'azienda messicana, che non smettiamo di premiare con tanta visibilità grazie all'altissima qualità dei suoi guanti e delle sue maglie, migliora di stagione in stagione, con prodotti sempre più performanti e fatti per soddisfare i professionisti più esigenti.

    In questo post leggerai un focus sui guanti da portiere Kraken, che sul nostro sito puoi trovare in un'aggressiva versione rossa e in una più classica versione nera e verde acido, colore che in questo periodo va molto di moda tra i numeri 1.

    Tieniti pronto quindi a leggere tutte le caratteristiche!

    dita-krakenLe dita: taglio avvolgente "Ergo Roll" sulle punte per garantire un totale contatto del lattice ("Omega Grip" - il top Rinat) sul pallone. Scelta che farà contente le persone che cercano sia la presa, sia la protezione da torsioni indesiderate. Il pollice è interamente rivestito grazie al sistema "Wrapped Thumb", che lo protegge, senza limitarne i movimenti. Continua a leggere

  • I CINQUE guanti da portiere consigliati per l'autunno

    campo-autunnale

    Siamo a Ottobre, la stagione calcistica è iniziata (in bocca al lupo a tutti!), ma non tutti i "numeri 1" hanno deciso con quali guanti da portiere disputare la prima parte della stagione.

    Come sai, noi di Portierecalcio.it in questo blog e sui social, siamo sempre disponibili a fornire consigli, per farti scendere in campo tranquillo e consapevole di avere scelto il guanto giusto per difendere i tuoi pali.

    In questo post, ti presenterò un breve elenco con cinque tra i migliori guanti per la stagione autunnale.

    supergrip-blogEliminator Supergrip HN: Il mio preferito (se non vuoi le stecche!). Lattice Supergrip con ottime prestazioni sia sull'asciutto, che sul bagnato e GRANDISSIMA resistenza all'usura. Calzata comoda e rapida.

    Il top di gamma della Uhlsport (utilizzato da Handanovic) è la prima scelta. Se non ti piace la cucitura negativa, c'è la versione 360 cut, usata da Lloris, che fa per te!

    repulse-g2-blogRe:pulse Deluxe G2 Ortho Tec: un altro paio di guanti da portiere incredibile, che ha le stecche (estraibili e singole per ogni dito) e quindi diventa la prima scelta, se preferisci questo tipo di protezione.

    Il lattice G2 è utilizzato da tutti i professionisti sponsorizzati Reusch, e ti garantirà una presa eccellente sull'asciutto e più che buona sul bagnato.

    repulse-a2-blogRe:pulse Pro A2: l'autunno è sempre piovoso ed è molto facile trovarsi a giocare in campi decisamente umidi e in condizioni proibitive. Se scegli questi guanti, ti garantisci la massima sicurezza di presa anche in queste condizioni estreme.

    Se gradisci usare protezioni, c'è anche la versione con stecche "Ortho Tec"! Continua a leggere

Oggetti 1 a 10 di 15 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
Presenti su Google+