Handanovic

  • Handanovic passa ai guanti Reusch

    Dopo moltissimi anni passati indossando guanti Uhlsport, Samir Handanovic, portiere dell'Inter, fresco di rinnovo sino al 2021, firma un importante accordo di sponsorizzazione con Reusch.

    L'azienda italiana è riuscita a prendere il portiere sloveno dopo una lunga corte, conclusasi a ridosso del lancio della nuova collezione guanti da portiere Reusch Prisma 2018.

    Tra le novità più importanti dei nuovi modelli, il lattice professionale G3 Ultra Soft, disponibile anche in una versione speciale, chiamata G3 Fusion e una nuova mescola per campi dure, il Mega Solid R3.

    I guanti che userà Handanovic, sono una versione personalizzata del Prisma Supreme G3 Fusion.

    Happy to be part of the @reusch_brand family!

    Un post condiviso da Samir Handanovic (@samir1handanovic) in data:

  • Il successo di Andujar, le aspettative di Scuffet e le ultime su Handanovic

    Andujar titolare nel Napoli

    Partiamo con la stesura di questo post, con il fresco sorteggio di Champion's ed Europa League. Tre squadre italiane su otto è un ottimo risultato che di fa rivalutare nel complesso la qualità media del nostro campionato. Restano problemi enormi, ma con il giusto impegno, i risultati sono ancora raggiungibili.

    Tra i portieri, senza considerare l'eterno Buffon, va fatta una riflessione sull'apporto di Andujar. Approfittando delle incertezze di Rafael Cabral (e della negatività dell'ambiente nei suoi confronti), ha sfruttato le apparizioni in Coppa Italia per sostituirlo anche in campionato ed Europa League. Nonostante qualche diffidenza (a Catania lo ricordano per grandi interventi e clamorose amnesie), ha saputo conquistare la tifoseria napoletana dopo la fiducia dello staff tecnico. I risultati sono evidenti, con un rapporto presenze/gol subiti inferiore ad uno a partita. Il futuro è solo in parte da scrivere, perché il portiere argentino ha firmato un contratto con scadenza 2017. Ignote le scelte che potranno essere fatte dalla società durante la prossima estate, ma ad oggi, l'investimento a zero su di lui sta dando ragione a chi ha voluto realizzarlo.

    Ah, dato che molti si chiededono che guanti da portiere indossi Andujar, ora usa guanti RG, marchio argentino. Continua a leggere

  • Il mercato dei portieri e il futuro di Handanovic, Perin e Mirante

    Handanovic in allenamento con protezioni e guanti Uhlsport arancio

    Più passano le settimane e più sono le notizie che si susseguono sul futuro di alcuni portieri della nostra Serie A. Ne abbiamo già scritto in altre occasioni, ma ci sembra il caso di tornarci sopra nuovamente.

    Partiamo da Handanovic, il cui futuro all'Inter resta sempre più incerto. Le parole pronunciate alla fine della partita contro il Verona hanno alimentato i dubbi sulla sua permanenza all'Inter, nonostante un'offerta di 2,5 milioni netti a stagione per il prolungamento. Più che l'ingaggio, conta la mancanza della Champions, competizione che il portiere sloveno vorrebbe giocare. La Roma resta in attesa, speranzosa di accedere alla massima competizione europea anche il prossimo anno e poter, se possibile, fare l'offerta vincente per acquistarlo.

    Se il numero uno sloveno andasse via, a chi potrebbe affidare la sua porta la società nerazzurra? I nomi che circolano sono già noti: Bardi, Cech, Perin, Reina e Romero. Tra questi, nessuno parrebbe il candidato perfetto. Perché?

    • - Bardi, di proprietà dell'Inter, viene da una stagione negativa al Chievo. Invece di continuare il processo di maturazione, lo ha, suo malgrado, interrotto. Resta l'Under 21 da titolare
    • - Cech è un portiere fortissimo, ma 32 anni sulle spalle e un ingaggio fuori portata di oltre 7 milioni di euro.
    • - Perin è il miglior giovane italiano dai tempi di Buffon. Un predestinato dalla carriera importante. L'Inter potrebbe essere la scelta giusta per consacrarsi, ma Preziosi se lo farà pagare caro. Almeno 12 milioni di euro, se non di più. Difficile che l'Inter sia disposta ad offrire così tanti soldi.
    • - Reina ha lo stesso problema di Cech. Età che avanza ed ingaggio importante. Ha già maturato esperienza in Italia, ma se non si vogliono offrire 3 milioni ad Handanovic...
    • - Romero verrebbe a costo zero. L'ingaggio rientrerebbe sicuramente nei parametri, ma ci sono dubbi sul poter garantire prestazioni all'altezza del portiere dell'Inter, storicamente sempre un punto di forza dei nerazzurri.

    Continua a leggere

  • Perin possibile uomo mercato, Neto verso la Samp via Juve e Boranga sempre stellare

    Perin illuminatoSiamo entranti a marzo, mese che ci conduce alla fine dell'inverno e porta anche le prime notizie di mercato, o presunto tale, che si ripeteranno periodicamente nel corso delle prossime settimane. Avevamo accennato la scorsa settimana a Perin e la possibilità che il suo nome potesse rientrare in un potenziale giro di mercato che vedesse coinvolto Handanovic, in direzione Roma e Skorupski al Genoa. Arrivano in questi giorni le parole del suo procuratore Roggi su Calciomercatoweb.it: "Credo sia presto per parlare di mercato, le voci su Mattia all’Inter sono solo supposizioni dei giornali legate al mancato rinnovo di Handanovic. Non ho ricevuto nessuna comunicazione da parte del Genoa, ma posso dire che se dovessero arrivare delle offerte saremo pronti a valutarle". Non una chiusura ad eventuali ipotesi di cessione. Perin sta bene al Genoa, ma le aspirazioni professionali potrebbero presto condurlo altrove. Un argomento su cui torneremo sicuramente in futuro.

    Prima di chiudere l'argomento Inter, segnalo la voce che vorrebbe Pepe Reina, ora al Bayern, interessato a tornare a giocare in Italia. Non riesco a capire in base a quale logica, la società milanese dovrebbe ingaggiare un portiere di 33 anni, con un ingaggio altissimo, quando l'attuale strategia di ringiovanimento della rosa va in direzione opposta.

    E proprio in riferimento ad operazioni di mercato meno onerose, Alfredo Pedullà ha spiegato come Neto, in scadenza con la Fiorentina e già accordatosi con la Juventus (nonostante le smentite di rito), potrebbe essere girato alla Sampdoria per giocare. La formula non potrebbe essere che il prestito, visto che i bianconeri confermeranno ancora una volta il duo Buffon-Storari ed il giovane portiere brasiliano sarebbe evidentemente sprecato, anche solo come secondo. Perché poi la Samp? Il riscatto di Viviano è impossibile (Ferrero e Zamparini non si amano) e Romero va in scadenza. L'operazione si farà? E' ancora presto per dirlo, ma sembra tutto abbastanza logico. Continua a leggere

  • La professionalità di Neto, il futuro di Handanovic e la rivincita di Marchetti

    Neto in uscita contro il TottenhamCon il successo delle squadre italiane in Europa League, si conclude la settimana sportiva dei club di Serie A, ma naturalmente, come un flusso senza fine, si è già pronti a ripartire. Come nuova nostra consuetudine, vediamo di riportare qualche notizia letta in questi giorni.

    Dicevamo Europa League, e allora come non citare Neto, sceso in campo dopo 'la messa in panca' voluta da società e staff per la decisione di lasciare la Fiorentina a fine stagione. L'attesa è stata ripagata con una grande prestazione, esaltata dalla chiusura nel due contro uno che avrebbe potuto chiudere anticipatamente il discorso qualificazione a favore del Tottenham. Ora, non credo che una partita possa cambiare la volontà di chi decide chi far scendere in campo, ma il portiere brasiliano ha dimostrato grande professionalità che il pubblico viola ha comunque apprezzato. E poco dopo il termine della partita, ha rilasciato queste parole a Globoesporte: "Su di me è stato detto tanto, ad esempio che non ho rinnovato perché non ero felice nel club ma non è così. Sono da circa cinque anni qui, sono contento del lavoro fatto ma ho scelto ciò che credo sia meglio per la mia vita. Alcuni tifosi non l’hanno presa bene, si sono arrabbiati ma il calcio è questo ed è normale che sia così. La partita contro il Tottenham rimarrà nella mia carriera, è stata molto importante: a Firenze ho passato momenti belli e altri difficili. Uno degli obiettivi della mia carriera è quello di diventare uno dei migliori portieri della nazionale brasiliana". Continua a leggere

  • Le medie voti dei portieri di Serie A. Svettano Avramov, Perin e Neto. Male Marchetti

    Il calcio non è sicuramente lo sport che fa più uso delle statistiche. Altre discipline, a partire da quelle americane, fanno sfoggio di numeri e dati, spesso utili a dare un'idea del valore e delle caratteristiche di un giocatore. Ciò non toglie che negli ultimi anni, grazie soprattutto al fantacalcio, voti e altri dati vengano presi in maggiore considerazione e diano informazioni sul rendimento in campo dei singoli.

    Inutile dire che il nostro focus si rivolga ai portieri e, sfruttando i 'misteri' della matematica, analizzeremo i voti medi avuti da chi è sceso in campo almeno cinque volte (voti della Gazzetta dello Sport Milano), in queste prime venti giornate del campionato di Serie A.

     

    Giocatore media voto giocate
    Avramov 6,43 7
    Perin 6,42 20
    Neto 6,28 20
    Reina 6,27 15
    Rafael 6,25 20
    Pegolo 6,25 16
    Mirante 6,24 19
    Consigli 6,19 18
    De Sanctis 6,17 20
    Buffon 6,16 19
    Handanovic 6,14 18
    Bardi 6,08 20
    Puggioni 6,08 20
    Kelava 6,6 10
    Da Costa 5,97 20
    Padelli 5,97 20
    Abbiati 5,96 14
    Frison 5,93 7
    Rafael Cabral 5,92 6
    Brkic 5,85 10
    Marchetti 5,82 17
    Agazzi 5,77 11
    Andujar 5,77 13
    Curci 5,72 20
    Gabriel 5,5 7

    Continua a leggere

  • Primo sguardo ai nuovi guanti Uhlsport 2014 Eliminator

    Aggiornamento 10 febbraio 2014: i guanti sono disponibili. Tutta la linea Eliminator Uhlsport è in vendita sul nostro sito.

    C'è attesa intorno alle nuove uscite per il 2014. Al momento in cui scriviamo, solo Reusch ha commercializzato i suoi nuovi prodotti che rimandano ai prossimi Mondiali (anche se il colore non è quello attuale). Gennaio, è abitualmente il mese scelto dalla Uhlsport per lanciare la prima parte delle sue nuove collezioni. Questa volta però (e diremmo anche finalmente), ci troviamo di fronte ad una nuova linea e non solo ai restyling grafici a cui eravamo abituati. I prossimi modelli prenderanno il nome di Eliminator e ci accompagneranno anche durante i campionati del mondo in Brasile. Siamo a ridosso con la messa in vendita, anche i portieri sponsorizzati iniziano ad indossarli (quindi anche Handanovic), variandone la versione, come sempre, in base alle proprie preferenze.

     

    Avremo modo di parlarne più approfonditamente, aggiungendo che, assieme a questi nuovi articoli, arriveranno altri classici, nuovamente rivisti, tra cui i Cerberus Soft Supportframe. Intanto beccatevi il nuovo video promozionale pubblicato dalla Uhlsport.

  • La linea di guanti Fangmaschine usata da Handanovic

    Torniamo a parlare di Uhlsport anche sul blog (lo facciamo sempre sui social e sul forum), dopo qualche tempo di assenza. L'occasione sono le festività natalizie e la presentazione, in vista di potenziali regali, di tutta la linea Fangmaschine con grafica e colori usati da Samir Handanovic, portiere dell'Inter e principale testimonial del brand tedesco.

    I tre modelli sono diversificati per qualità e fasce di prezzo, diventando un'ottima ipotesi di regalo per un portiere che apprezzi ottimi guanti, sia un tifoso interista o un appassionato Uhlsport (fortunatamente ce ne sono ancora tanti che cercano la qualità di un marchio specializzato, piuttosto che il nome alla moda).

    Partendo da sinistra, il primo è il Fangmaschine HN Pro, versione con il lattice migliore, l'Absolutgrip Plus e una costruzione elaborata con dorso imbottito e cuciture interne alle dita. Un modello di qualità ad un prezzo importante (72 euro al momento della pubblicazione di questo post). Al centro un modello venduto esclusivamente in Italia, il Fangmaschine Supersoft (con i colori usati da Handanovic), molto simile al modello personalizzato utilizzato dal portiere dell'Inter. La costruzione è particolarmente leggera e il lattice Supersoft Plus lo rendono senza dubbio, uno dei modelli più apprezzati dai portieri (è sostanzialmente lo storico Pro Comfort Textile, quello nero e granata per i più esperti). Prezzo interessante (54 euro al momento della pubblicazione di questo post). Chiude il Fangmaschine Soft HN, il più semplice ed economico dei tre, perfetto per chi gioca a livello amatoriale e vuole un paio di guanti da portiere di una marca prestigiosa e con materiali affidabili come il lattice Soft e il dorso in Soft EVA. Prezzo alla portata di tutti (27 euro al momento della pubblicazione di questo post).

    Ricordo, prima di chiudere, che per essere sicuri di ricevere un ordine prima di Natale, è altamente consigliabile non ridurvi agli ultimi giorni, altrimenti il rischio di ricevere i pacchi oltre il 24 dicembre, diventa concreto, nonostante la buona volontà di chi è predisposto a fare le consegne. Se avete bisogno di informazioni, vi rimando a questa breve guida sugli acquisti natalizi.

  • Chi sale e chi scende tra i portieri della Serie A. Punto alla settima giornata

    Siamo alla seconda sosta del campionato, con sette giornate già andate in archivio. La classifica inizia a prendere forma e diventa possibile iniziare a dare i primi parzialissimi giudizi sulle prestazioni dei portieri. Per le pagelle rimando al termine del girone di andata, ma ora possiamo fare già alcune riflessioni. Vediamo chi sale e chi scende sulla base delle aspettative di inizio stagione. Sotto il mio commento.

    Chi sale

    Handanovic si conferma su ottimi livelli, certamente con una difesa più quadrata rispetto alla precedente gestione. Deve intervenire di meno, ma quando lo deve fare, risponde sempre con il suo stile.

    Bardi era atteso all'approdo da titolare in massima serie. Escludendo l'evidente errore di Napoli, ha confermato l'enorme potenziale già fatto vedere in B e con l'under 21. Se dovesse continuare su questi livelli, non solo contribuirà alla salvezza del Livorno, ma farà pensare la dirigenza interista sui tempi di rientro alla società che ne detiene il cartellino.

    Reina è arrivato a Napoli dopo lo sfumato accordo (?) con Julio Cesar. Fedelissimo di Benitez, si è immediatamente integrato e si è distinto soprattutto per il rigore parato a Balotelli. Piccole incertezze, che rientrano nel bagaglio del portiere spagnolo, ma che non diminuiscono l'ottimo approccio avuto con il nuovo club.

    De Sanctis ha subito un solo gol in sette partite e questo basterebbe a giudicarlo positivamente. Aggiungiamo l'immediata integrazione nel gruppo giallorosso e le poche ma efficaci parate effettuate. Dopo anni di portieri poco affidabili o che hanno deluso le aspettative, non si poteva chiedere di meglio. Continua a leggere

  • Buffon non para i rigori? Sfatiamo un falso mito.

    L'eliminazione (ingiusta) dell'Italia nella Confederations Cup, ha sollevato le proteste di molti, per l'incapacità di Buffon di parare almeno un calcio di rigore. Secondo alcuni, il capitano della nazionale non sarebbe un grande para rigori.

    Sbollita la delusione, seppur minima, vuoi per il contesto della manifestazione, vuoi per la prestazione offerta dagli azzurri, ho intercettato su twitter un messaggio che linkava a una pagina di Transfermarkt e che riportava i dati storici dei rigori battuti contro di lui. Ora cercherò di analizzare più nel dettaglio quanto emerge dalle statistiche, con l'obiettivo di confermare o sfatare questo mito.

    Buffon ha parato 17 rigori su 93 (18,27% che sale a 20.40% dopo i tre rigori parati contro l'Uruguay). Di questi, l'ultimo parato in nazionale risale all'incontro di qualificazione ai mondiali contro Malta (26.03.2013), mentre l'ultimo con la maglia della Juventus è quello parato a Totti in campionato (12.12.2011). E se considerassimo solo i rigori tirati dopo la fine dei tempi supplementari? Nessuna novità, perché su 25 rigori complessivi, 6 ne sono stati neutralizzati (24%). Il dato, diverso dal solito, che però emerge, è unicamente riferito alla partita di Confederations contro la Spagna, perché questa è stata l'unica occasione nella quale Buffon ha sempre subito gol. Certo, c'è sempre chi potrà obiettare che in questa statistica vengono contati come parati, anche i tiri fuori o sui legni (rigore decisivo di Trezeguet ai mondiali, giusto per dirne uno), ma questo dato è considerato per tutti i portieri, quindi va generalizzato. Continua a leggere

Oggetti 1 a 10 di 14 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
Presenti su Google+