peruzzi

  • E' Buffon il miglior portiere dal 1987 al 2011. Fonte IFFHS

    Terzo post in tre settimane con protagonista l'IFFHS. Ancora una volta, non è la classifica del miglior portiere dell'ultima decade, l'argomento di cui scriviamo, ma una classifica complessiva che somma i punteggi ottenuti da tutti i portieri sin dalla istituzione del premio, avvenuta dal 1987.

    Con poca sorpresa (si tratta di semplice somma aritmetica), l'italianissimo Gigi Buffon risulta il più votato e quindi, per le statistiche, il miglior portiere  degli ultimi 24 anni, seguito a poca distanza da Iker Casillas. Soffermandoci solo sugli italiani, sono presenti tra i primi 30, Zenga (8°),Pagliaca (16°), Toldo (17°) e Peruzzi (30°).

    Tanti i nomi che hanno fatto la storia del ruolo e fa un certo effetto leggerli in mezzo a portieri ancora in piena attività. Certo, la classifica non soddisferà tutti, ma per molti aspetti rispecchia fedelmente quanto visto in tutti questi anni. E ancora una volta, vede l'Italia in vetta :)

    Portiere                                      Nazione                     Voti 
    
    1.   Gianluigi Buffon                        	   Italia                      226
    2.   Iker Casillas                                 Spagna                      213
    3.   Edwin van der Sar                             Olanda                      201
    4.   Peter Schmeichel                              Danimarca                   179
    5.   Oliver Kahn                                   Germania                    162
    6.   Petr Cech                                     Repubblica Ceca             154
    7.   José Luis Félix Chilavert                     Paraguay                    146
    8.   Walter Zenga                                  Italia                      132
         Andoni Zubizarreta                            Spagna                      132
    10.  Claudio André Mergen Taffarel                 Brasile                     130
    11.  Michel Preud’homme                            Belgio                      124
    12.  Fabien Barthez                                Francia                     115
    13.  David Seaman                                  Inghilterra                 114
    14.  Nélson de Jesus e Silva »Dida«                Brasile                     109
    15.  Vítor Manuel Martins Baía                     Portogallo                  94
    16.  Gianluca Pagliuca                             Italia                      90
    17.  Francesco Toldo                               Italia                      82
         Víctor Valdés                                 Spagna                      82
    19.  Jens Lehmann                                  Germania                    81
    20.  Júlio César Soãres Espíndola                  Brasile                     76 Continua a leggere 						
  • Peruzzi contro i metodi di allenamento dei giovani portieri

    Oggi su La Stampa, Marco Ansaldo ha pubblicato una bellissima intervista ad Angelo Peruzzi, indimenticato portiere della nazionale di Juventus, Lazio, Inter e Roma. L'introduzione iniziale non mi trova completamente d'accordo, per me troppo critica nei confronti di Amelia e De Sanctis, ma il tipo di domande poste l'ho davvero apprezzato. Il giornalista si concentra soprattutto sulle ragioni della crisi nel ruolo:

    Allora da dove si deve cominciare?
    «Dall’inizio. La crisi parte dai settori giovanili: ragazzini di 12 o 13 anni si bruciano in una domenica per un paio di errori. La volta successiva non giocano più. Se ai miei tempi si fosse ragionato così non avrei mai cominciato».

    E cosa è cambiato?
    «La pressione sugli allenatori che devono vincere per fare carriera. A noi, da bambinetti, chiedevano soltanto di crescere, divertirsi e imparare, a questi chiedono già il successo. Insieme ai tecnici ci metto i genitori».

    Cosa c’entrano?
    «Una volta in porta ci andava il più scarso in attacco o chi aveva la vocazione. Adesso molti spingono i figli a fare calcio perché un giorno diventino milionari e, nonostante il fascino di figure come Buffon, la speranza di avere in casa un Totti o Del Piero è più forte. Un portiere di solito guadagna meno».

    Qual è la prima regola da ripristinare?
    «Al centro del calcio c’è il pallone: più lavori con quello e più ti impratichisci nella presa, nel movimento dei piedi, eccetera. Invece mandano i giovani in palestra, per potenziare braccia e gambe, quando non sanno ancora tenere un pallone».

    Un’altra regola tradita?
    «Il divertimento. Sa quali sono le due paure inconsce che si affrontano cominciando in questo ruolo? Il timore per il pallone che ti arriva addosso e quello per la botta quando cadi a terra. Se ti restano dentro, avrai un difetto per sempre. Perciò è importante superarle da piccoli attraverso esercizi di gioco, non con le esercitazioni noiose. È come per i difensori».

     L'intera intervista è leggibile qui.

    Mi limito a condividere il pensiero di Peruzzi. Ho già detto che non bisogna massacrare un portiere dopo il primo errore, a maggior ragione se parliamo di bambini o ragazzini. Facciamoli divertire e crescere senza pressioni addosso. L'errore potrà sempre capitare, non rendiamolo un macigno irrecuperabile.

2 oggetto(i)

Presenti su Google+