portiere

  • Intervista a Max Pirotta - allenatore dei portieri

    intervista a max pirotta

    Abbiamo fatto una piacevole chiacchierata con Max Pirotta, parlando dei suoi progetti attuali e futuri e affrontando insieme alcuni suoi successi importanti e le sfide che ci attendono nel futuro. Buona lettura!

    Il tuo rapporto con Jacopo Viola

    Ciao Max. Prima di tutto parliamo di Jacopo Viola. Fenomeno sui social con i suoi interventi e i suoi allenamenti tra i pali, che ha trovato la sua strada e la sua dimensione negli Stati Uniti, firmando anche un contratto con Storelli.

    Cosa ci racconti di lui?

    Ciao, beh cosa dirvi se non spendere parole splendide per una persona cosi. Un atleta incredibile, nel vero senso della parola.

    Di Jacopo Viola, purtroppo si notano soltanto quei 10 secondi di Reel dove fa vedere una grande parata ma c’è molto altro. C’è dedizione, disciplina, allenamento in palestra, alimentazione sana e anche allenamento mentale.

    Non ha mollato un centimetro, ogni giorno e per tutto il tempo in cui siamo stati in contatto quando era qui ho potuto vedere un professionista molto determinato e con grande fame.

    Avrebbe meritato molto di più finora ma sono sicuro che il futuro gli riserverà grandissime opportunità.

    Infine la firma con Storelli non è una sorpresa, sono contento che un grande brand come quello italo americano si sia interessato a lui, soprattutto ora che è li è più facile creare anche contenuti per loro, ma non dimentichiamoci del bellissimo lavoro svolto insieme a Federico e a tutto il team IILEVEN.

    L'Eleven Football Academy

    Sei impegnato a tempo pieno con la Eleven Football Academy e state crescendo tantissimo. Ora c'è anche la gestione dei Camp. Come ti sei organizzato?

    Eleven Football Academy è una famiglia, la mia e la nostra seconda casa. E’ un’accademia di perfezionamento calcistico nata dall’unione di Federico Volonterio, Jacopo Marafante e me.

    Dopo una precedente esperienza insieme, abbiamo notato che il modo di vedere il calcio era molto simile e vista la stima reciproca, decidemmo di iniziare questo percorso.

    scuola portieri eleven football
    La nostra academy si occupa di portieri e non solo, oltre a questo reparto di cui sono responsabile, abbiamo una sezione dedicata ai giocatori di movimento, una alla preparazione atletica, una parte di calcio freestyle, una di Mental coaching (tendenzialmente per i più grandicelli) e varie possibilità di fare corsi online.

    Di recente abbiamo introdotto anche una parte che si chiama Eleven Kids, per i più piccini (4-6 anni), dove lavoreremo su schemi motori, capacità coordinative e cognitive con l’obiettivo di creare una solida base per affrontare il gioco del calcio.

    I camp di quest’anno, invece, avranno 2 date.

    La prima è a Varedo in provincia di Monza e Brianza dal 9 al 25 Giugno. La seconda invece è una settimana a Rimini, dal 4 al 10 Luglio. In entrambi i casi dovremo, come è normale che sia, rispettare in maniera rigida tutti i protocolli Covid.

    Mascherine, distanziamento e igiene sono un’arma fondamentale per uscirne il prima possibile. Attendiamo con ansia che i vaccini facciano effetto, per poter almeno all’aria aperta andare in giro spensierati.

    Fare Mental Coaching

    Ti stai occupando nell'ultimo periodo anche di Mental Coaching. Come affronti questo lavoro e cosa senti di dare a chi chiede il tuo aiuto?

    Lo affronto con rispetto e umiltà perché è un lavoro molto complicato che necessita di competenze e sensibilità.

    Durante la pandemia ho deciso di non voler rimanere fermo, non me ne sarei mai perdonato. E’ vero, fuori c’era una situazione terribile, ma ho voluto trovare il “bello” in una situazione devastante. Da tempo volevo fare un corso, serio, sul Mental Coaching e che soprattutto mi desse non un pezzo di carta qualsiasi.

    Mi sono imbattuto in un corso che si sarebbe dovuto tenere in presenza, a Pescara, ma che per ovvie ragioni non si è potuto fare, quindi si è optato per l’online allargandolo cosi a tutta Italia. Era il diploma nazionale per Mental coach Professionista riconosciuto dal Coni, 50 ore + esame finale.

    Vi garantisco, non è stato per nulla semplice, ma ho trovato un docente, il Dott. Roberto Ardizzi, che ha saputo spiegare tutto quel fantastico mondo rendendolo molto appassionante.

    Da li in avanti ho incominciato a lavorare con calciatori professionisti e dilettanti, portieri e non, con cui ho iniziato un bellissimo cammino. Non esistono regole fisse per un atleta vincente, ma sicuramente lavorare costantemente e con impegno, dandosi obiettivi a breve e a lungo termine, si possono ottenere grandi risultati.

    Il Post Covid-19 per i portieri

    A proposito di aiuto. Come si deve preparare mentalmente un portiere dopo tanti mesi di inattività a causa del Covid-19?

    Beh, tutto questo ci ha messo fortemente alla prova, è inevitabile. Mi è capitata una situazione del genere da gestire, riguardante proprio un portiere nel pieno periodo pandemico.

    Un atleta, in questo periodo storico, si sente completamente perso, senza punti di riferimento, ma soprattutto senza motivazione.

    Parto dal concetto che credo sia fondamentale non aver perso tempo nel periodo di lockdown, anzi, sarebbe stato giusto trarne benefici, proprio come ogni atleta con una mentalità vincente dovrebbe fare. Secondo me la mentalità vincente è alimentata dalla motivazione. Bisogna dare molta importanza alla quotidianità e valorizzare il tempo che si ha per organizzare le proprie giornate insieme al proprio Mental Coach, soprattutto in pandemia.

    Se un ragazzo ha un obiettivo ben definito in mente, questa cosa verrà in maniera naturale, sapendo già che cosi facendo, quando si tornerà alla normalità ci si farà trovare pronti. Non si può pensare essere rimasti mesi sul divano e poi rialzarsi pretendendo da se stessi di essere come prima.

    Il rapporto con i Social Network

    Sui social network sei seguitissimo e su Instagram e Tik Tok hai raggiunto enormi risultati. Come stai ottenendo questo? Quanto impegno dedichi alla comunicazione online?

    Per me è un divertimento, una cosa che è partita oramai 3/4 anni fa, quando iniziai a fare numeri abbastanza buoni su Facebook.

    Mi diverto ma studio davvero tanto, ho sempre pensato che il futuro fosse stato li e ho avuto ragione come tantissimi altri.

    In futuro mi piacerebbe fare anche delle mini classi online per il Marketing Online correlato allo Sport, esponendo le mie esperienze e dando dei consigli.

    Dopo Facebook, avevo intuito che la successiva piattaforma sarebbe stata Instagram quindi iniziai a pubblicare li, per poi passare a Tik Tok.

    Per un preparatore dei portieri sono ottimi numeri penso.

    Ad oggi sono a quasi 15.000 fan su Instagram e +55.000 su TikTok mentre la pagina Facebook è a circa 8000.

    Il video invece con più visualizzazioni ha raggiunto ad oggi 5 Milioni di persone e lo ritengo un risultato impensabile; esattamente come essere andato 3 o 4 volte su 433.

    C’è una cosa che mi rende più felice dei numeri e sono gli apprezzamenti.

    Il fatto che piaccia il mio modo di vedere il ruolo, delle proposte che faccio e di come alleno mi da veramente tantissimo e per questo ringrazio in primis voi di Portierecalcio.it visto che siete stati i primi a credere in ciò che facevo anni fa.

    novità guanti da portiere

  • Magma 2021. Scopri la nuova collezione di guanti da portiere di Portierecalcio.it!

    Guanti Magma 21

    Ci conosci come rivenditori, ma da molti anni siamo anche produttori di una nostra linea di guanti da portiere. La nuova collezione dei Magma 2021 è ora disponibile. Scoprila con noi!

    Un po' di storia

    Abbiamo cominciato con GPA (ormai scomparsa dai radar), proseguito con un'ottima collaborazione con Mast, facendo da soli, ideando i primi guanti totalmente curati da noi, per arrivare a lavorare con IIleven di Federico da Vià, con cui abbiamo sviluppato le ultime uscite.

    P1 e Magma sono il risultato di questo percorso con questi ultimi arrivati alla loro terza uscita.

    Il Magma è nato come un guanto da allenamento. Nelle nostre intenzioni doveva essere un guanto ultra resistente, che garantisse una buona presa, ma che durasse quanto più a lungo possibile, anche su campi in terra battuta e sui sintetici rovinati.

    Nella pratica si è rivelato anche un ottimo guanto da gara, tanto da venire usato in partite anche internazionali, grazie ai portieri della nazionale di San Marino Simone ed Elia Benedettini, nonché in serie C grazie a Nello Viscovo dell'Alma Juventus Fano.

    La collezione 2021 dei Magma

    Abbiamo deciso di migliorare ancora di più quanto realizzato, utilizzando materiali più morbidi (ma sempre resistenti!) sul dorso e correggendo alcuni piccoli difetti della versione precedente. Obiettivamente c'era poco da cambiare, ma siamo intervenuti dove necessario per avere un guanto che ci rendesse soddisfatti al cento per cento.

    Il palmo è sempre in Contact, ma stavolta di colore bianco. Studiando bene i materiali, abbiamo notato, che in questa colorazione la mescola ha una presa superiore, mantenendo comunque un'ottima resistenza all'usura. Per questo motivo abbiamo deciso di montarlo su tutti e tre i modelli.

    Se volete saperne ancora di più, c'è un apposito video su Youtube, dove in 44 minuti ti spieghiamo tutte le novità e facciamo un bel confronto tra i tre modelli!

     

    Andiamo quindi a presentare i tre nuovi Magma nel dettaglio.

    Magma Save Tech 2021

    Su questo modello abbiamo lavorato utilizzando anche quanto imparato dal P1 Save Tech, unendo quindi sia l'esperienza del modello 2020, sia del nostro guanto steccato top di gamma.

    Cinque stecche (anche sul pollice) estraibili, palmo piatto e comodità assoluta rendono il Magma Save Tech il guanto steccato più protettivo nella sua fascia di prezzo. Un vero e proprio affare, se volete evitare traumi da iperestensione delle dita, proteggendole anche da fastidiosi pestoni.

    Magma Pro Glove 2021


    Il guanto "tradizionale" per eccellenza. Palmo piatto, cinturino lungo comodo e protettivo per il polso, ampie zone in mesh per lasciare la mano asciutta e rinforzo sulla base del palmo, con il solito design che rende questo inserto comodo e per nulla fastidioso in fase di chiusura del pugno.

    Se siete abituati ai guanti Uhlsport, Puma o alla linea "Classic" di Adidas, il Magma Pro Glove 2021 vi piacerà tantissimo. Costa molto meno tra l'altro dei modelli di questi grandi marchi. Un altro motivo in più per acquistarlo e provarlo!

    Ecco il video di presentazione!

     

    Magma Negative Cut


    Attenzione! Questo modello non doveva esistere! So che sarete stupiti, ma è proprio così. Il Magma Negative Cut è stato realizzato per sostituire il progetto del nuovo P1, rimandato a fine 2021 causa Covid-19.

    Non volevamo però sprecare tutto il lavoro fatto e ne abbiamo "salvato" tutte le caratteristiche tecniche, dando un'identità grafica precisa (una colorazione azzurra e blu diversa da quella principale) e rendendolo di fatto una "limited edition", che non sarà riproposta nelle collezioni future.

    Il taglio del palmo è negativo su tutte le dita, tranne che sul pollice, che abbiamo preferito mantenere nella forma tradizionale. In questo modo la superficie di presa del dito resta ampia ed efficace. Ulteriore vantaggio gli inserti in silicone interno, non presenti nei due modelli precedenti, che rendono ancora più facile la presa sul pallone, grazie allo stesso materiale, che è stato inserito nei bellissimi VI Sense Air di IIleven.

    Questo Magma Negative Cut quindi oltre a essere un ottimo guanto, già utilizzato con grande soddisfazione da Nello Viscovo in serie C, sarà un pezzo da collezione per gli appassionati, visto che è stato prodotto in pochi pezzi.

    Ecco il video di presentazione!

     

    Tre guanti, tre identità

    Tre guanti con tre identità ben definite, che ti permetteranno di scegliere quello più adatto al tuo modo di parare e dureranno molto più di tanti altri prodotti simili, spendendo molto meno!

    Non ti resta che decidere quale usare e tornare in campo il più presto possibile!

    C'è anche lo sconto!

    Vuoi sapere come avere i nuovi Magma con uno sconto sul prezzo di acquisto (già basso)?

    Basta guardare il video dei mitici Sherlock Gloves per avere il codice. Buona visione!

     

    novità guanti da portiere

  • Come eliminare (quasi) completamente la puzza dai guanti da portiere

     

    "/

    I guanti da portiere puzzano, se li utilizzi spesso e anche se li conservi correttamente. Il sudore delle mani e la sporcizia raccolta in campo sono una combinazione micidiale per il lattice e in poco tempo i palmi cominciano a emettere un odore forte e nauseabondo.

    Perché i guanti puzzano

    Come abbiamo scritto nella premessa, i guanti emettono un cattivo odore che può arrivare a ricordare quello terribile delle scarpe da ginnastica vecchie, a causa dei batteri che colonizzano la mescola del lattice e gli altri tessuti usati per il dorso.

    L'ambiente umido in cui si trovano è per loro perfetto per prosperare e riprodursi, diventando anche visibili. Te ne accorgi, perché appaiono come dei puntini neri. Sono micro muffe, che non alterano in nessun modo la capacità di presa del palmo, ma a livello olfattivo risultano davvero fastidiose.

    Lavare i guanti in maniera classica

    Noi di Portierecalcio.it abbiamo scritto una guida completa sulla pulizia dei guanti da portiere, che in dieci semplici passi ti spiega come tenere quanto più puliti possibile i tuoi preziosi alleati.

    Aggiungo che, pur restando pratica molto sconsigliata, una volta nel ciclo di vita di un guanto si potrebbero lavare in lavatrice a massimo 30 gradi e 800 giri di centrifuga. È un'operazione da compiere solo se essi sono davvero sporchi e possibilmente quando i guanti sono praticamente da buttare.

    Con questa operazione ridurremmo il problema della puzza, ma come appena scritto, rischieremmo di ridurre drasticamente la capacità di presa dei palmi, cosa che non deve assolutamente accadere.

    Usare il bicarbonato per igienizzare i guanti da portiere

    L’idrogeno carbonato di sodio (NaHCO3), detto comunemente bicarbonato, è un sale estremamente solubile in acqua (96 g/l).

    La “puzza” del sudore è causata dalle molecole organiche maleodoranti, che, pur non essendo contenute direttamente nel sudore, possono essere prodotte in seguito al metabolismo dei batteri che vivono naturalmente sulla nostra pelle.

    Il bicarbonato sciolto in acqua (o nel sudore) dà una soluzione debolmente alcalina, pochissimo superiore al valore di neutralità (pH 7). L’azione batteriostatica e quindi da “deodorante” NON è dovuta alla sua estrema acidità o alcalinità ma semplicemente alla sua salinità.

    In questa maniera il bicarbonato elimina il cattivo odore quasi completamente dai nostri guanti, ma non altera in alcuna maniera le proprietà e le caratteristiche del lattice, lasciandoli perfettamente integri e pronti a essere usati.

    Come applicare il bicarbonato sui guanti da portiere

    Con le immagini qui sotto ti spiego come procedere per applicare correttamente il bicarbonato sui tuoi guanti da portiere, in modo da compiere l'operazione di "disinfestazione" dai cattivi odori nella maniera più sicura possibile.

    Prima di tutto spargi il bicarbonato puro sui palmi dei guanti e lascialo stare per dieci minuti. In questa maniera sarà in parte assorbito nella schiuma del lattice, penetrando in profondità.

    Ovviamente devi buttarne un po' anche all'interno, agitando per bene in modo che la polvere vada dappertutto.

    Fatto questo, riempi la bacinella d'acqua, strofinando leggermente in modo che non restino tracce. Come abbiamo scritto, il bicarbonato è facilmente solubile, quindi lo vedrai sparire quasi subito.

    Ora lascia i guanti a riposo nell'acqua anche per una notte intera, in modo che i batteri vengano del tutto eliminati e resi inoffensivi, lasciandoli poi asciugare lontani dalla luce diretta del sole, da quella artificiale e da fonti di calore. Ci vorrà come sempre un po' di tempo, ma l'operazione sarà avvenuta con successo.

    Missione compiuta!

    Sarà il tuo naso a farti notare subito la differenza. Niente più puzza, quasi del tutto eliminata. I guanti non saranno più una bomba chimica nel tuo borsone, e potrai indossarli senza stabilire record di apnea.

    Potrai ripetere questa operazione ogni volta che sarà necessario.

    novità guanti da portiere

  • Come attivare il lattice dei guanti da portiere nuovi

    Una delle domande più comuni che ci vengono rivolte dai nostri clienti, è quella relativa all'attivazione del lattice dei guanti da portiere appena comprati su www.portierecalcio.it.

    Con questo post, spiegheremo tutte le operazioni da fare per avere già dal primo uso la massima resa dal palmo dei propri "ferri del mestiere".

    Perché attivare il lattice dei guanti da portiere

    Il lattice per essere cucito nella maniera migliore possibile alla struttura del guanto da portiere viene trattato con saponi di lavorazione e conservanti, che ne preservano la struttura e ne evitano un precoce deterioramento nei magazzini.

    Questi materiali, creando di fatto una pellicola sulla superficie del palmo, ne riducono la presa tanto che in un primo momento si potrebbe pensare a un materiale difettoso o di poco valore. Non è così.

    Il prelavaggio dei guanti, risolverà questo problema, e voi avrete la giusta sicurezza di presa sul pallone già alla prima parata.

    Programmare l'operazione

    I guanti da portiere, sia che siano nuovi, sia che siano usati, hanno bisogno di molto tempo per asciugarsi, anche perché devono stare lontani da fonti di luce (anche artificiale) e di calore, che rovinerebbero il lattice, seccandolo irrimediabilmente e compromettendone la presa.

    Attivateli quindi almeno 48 ore prima del primo utilizzo.

    Armarsi di bacinella

    Prendete una bacinella, abbastanza grande per contenere entrambi i guanti e riempitela con uno, massimo due dita di acqua possibilmente tiepida ma non calda!

    La foto all'inizio dell'articolo vi spiega bene come e cosa fare!

    Appoggiate il vostro paio con i palmi in giù, in modo che si bagnino, senza "affogare" il resto della struttura e lasciateli "riposare" così almeno mezz'ora.

    Strofinare delicatamente

    Dopo 30 minuti prendete i guanti, e strizzateli con la massima delicatezza possibile, in modo che l'acqua accumulata nella mescola porti via tutti gli additivi chimici che devono essere espulsi.

    Fatto questo strofinateli, sempre con delicatezza perché non dovete stressare eccessivamente il materiale, in modo da fare uscire ciò che è rimasto dentro.

    Sciacquare i guanti sotto l'acqua corrente

    Un passaggio veloce sotto l'acqua corrente è necessario per assicurarci che il lattice sia ormai ben pulito e "spurgato". A differenza di quanto vedo suggerito da altre parti, non vi consiglio di fare la stessa operazione sul dorso.

    Non andando a contatto diretto con il pallone (tranne che sulle respinte di pugno), mantenere additivi e conservanti sui lattici del dorso, se presenti, conserveranno più a lungo l'estetica dei vostri guanti, non facendoli scolorire e resistendo anche allo sporco dei campi peggiori.

    Asciugare con pazienza

    So che state morendo dalla voglia di mettere i guanti e di lanciarvi sul primo pallone a portata di... mani, ma ora i guanti devono asciugarsi e per farlo devono stare lontani da fonti di calore e dalla luce non solo diretta del sole, ma anche da quella artificiale.

    Pare, anche se non ho ancora una conferma scientifica, che i neon facciano gli stessi danni dell'esposizione solare, quindi adottando un criterio di prudenza, meglio fare come spiego ora.

    Prendete un vecchio asciugamano e avvolgete i guanti, in modo che i palmi non si tocchino tra loro. Tamponate con attenzione e lasciateli a riposo per un'ora.

    Fatto questo scopriteli e lasciate che completino l'asciugatura all'aria in una stanza buia o all'aperto in una zona dove non arrivi luce diretta del sole.

    I guanti sono pronti!

    Se avete eseguito tutte le operazioni che ho scritto qui sopra, i vostri guanti saranno pronti all'uso e daranno il loro massimo. Non vi preoccupate se dovessero essere ancora leggermente umidi. Sarà un bene per il lattice che non avrà bisogno della classica veloce passata sotto la doccia, prima di andare a difendere i pali.

    novità guanti da portiere

  • Cinque ottimi guanti da portiere sotto i 60 euro!

    Trovare degli ottimi guanti da portiere sotto i 60 euro non è facile e con questo post vogliamo aiutare tutti i nostri clienti, indicando loro cinque ottimi modelli da acquistare e utilizzare in partita, senza doversi per forza spendere cifre vicine al centinaio di euro.

    Come trovare guanti da portiere a buon prezzo

    Su Portierecalcio.it è già possibile, attraverso la selezione del nostro menù interattivo selezionare i guanti in questa fascia di prezzo, cosa che potete fare automaticamente cliccando qui.

    Nonostante questo, in questo post punteremo l'attenzione su quelli che consideriamo al momento i cinque migliori guanti per i portieri in quella fascia di prezzo!

    Questa guida è rivolta anche a quelle persone che, volendo fare un regalo a un amico (o un'amica) portiere, non abbiano la minima idea sul come scegliere il prodotto giusto. Veniamo in vostro aiuto! Continua a leggere

  • Proteggere i gomiti spendendo meno di 30 euro. Le maglie da portiere Protec

    È iniziata la stagione calcistica e ti hanno dato una maglia di merda. Sì, è un termine pesante, ma rende perfettamente l'idea.

    Se ti è andata bene è almeno a manica lunga, altrimenti è la maglia più economica che il fornitore ha messo in catalogo, ha le mezze maniche ed è pure scomoda.

    Fortunatamente giochi in un campionato o in un torneo dove l'arbitro non sta a sindacare come ti vesti. Basta solo che il colore della tua maglia non sia identica a quella degli avversari.

    Perché allora ti devi fare male già al primo tuffo?

    Perché ti devi bruciare l'avambraccio sul lato "debole". Quello dove cadi male e dove dopo la sbucciatura avrai ancora più difficoltà a tuffarti per deviare il pallone? E se arriva proprio in quella direzione un tiro difficile, che può costare la vittoria a te e ai tuoi compagni?

    Tempo fa ho visto il braccio di un mio affezionato cliente, che mi è venuto a trovare per provare i P1. Ha giocato una partita sulla terra battuta e aveva a disposizione solo una maglietta a mezze maniche.

    Ti lascio immaginare in che condizione fosse.

    Per questo motivo NON mettere a rischio la tua salute e non ti condizionare in partita. Usa una maglia da portiere con le protezioni ai gomiti.

    Posso suggerirtene una che costa poco?

    La maglia da portiere Protec della Joma costa solo 25 euro.

    Ha una placca robusta e rivestita in materiale antiabrasivo.

    La trovi in tre colori leggermente fluorescenti (stile evidenziatore). Il turchese, il verde chiaro e il rosso corallo.

    Quest'ultimo colore è complementare al verde dell'erba, indipendentemente che sia naturale o sintetica, quindi diventi immediatamente visibile in campo e agli occhi dell'attaccante avversario.

    La "teoria Albertosi" prevede che in questo modo l'attaccante avversario tenderà inconsciamente a tirarti la palla addosso, avendoti immediatamente nel campo visivo. Un vantaggio interessante, vero?

    E allora, per soli 25 euro, perché non salvare le tue braccia, parando in sicurezza e guadagnando un vantaggio psicologico contro il tuo avversario?

    novità guanti da portiere

  • Il miglior portiere della Serie A 2018/19 per il nostro Gruppo Facebook

    A ridosso del termine del campionato, abbiamo voluto lanciare un sondaggio nel gruppo ufficiale di Portierecalcio.it, per stabilire il miglior portiere della Serie A 2018/2109.

    L'accesso al nostro gruppo FB è possibile per tutti i clienti e agli amici del nostro e-commerce per i portieri, liberi di discutere e parlare su temi e prodotti totalmente incentrati sul nostro ruolo.

    Tornando subito al sondaggio, centinaia di persone hanno espresso oltre 500 preferenze (la scelta poteva essere multipla).

    La classifica, con i voti ottenuti, è la seguente:

    1. Salvatore Sirigu (Torino) - 220 voti;
    2. Alessio Cragno (Cagliari) - 121 voti;
    3. Samir Handanovic (Inter) - 65 voti;
    4. Alex Meret (Napoli) - 53 voti;
    5. Wojciech Szczesny (Juventus) - 26 voti;
    6. Juan Musso (Udinese) - 9 voti;
    7. Gigio Donnarumma (Milan) - 8 voti;
    8. Ionut Radu (Genoa) - 6 voti;
    9. Emiliano Viviano (Spal) - 3 voti;
    10. Andrea Consigli (Sassuolo) - 2 voti.

    Salvatore Sirigu è il miglior portiere del campionato appena terminato, con un risultato che sfiora quasi la maggioranza assoluta dei voti espressi. Prestazioni solide, grande carisma e una forma fisica perfetta, che unita alla maturità hanno permesso al numero 1 granata di ottenere questo prestigioso successo. Continua a leggere

  • Portierecalcio wants you!

    wewantyouQuesto annuncio è per molti, ma non per tutti. Lo chiariamo da subito.

    Faremo una selezione specifica a monte, scegliendo i migliori profili che ci contatteranno e li faremo entrare nella nostra grande famiglia.

    Chi cerchiamo?

    Cerchiamo portieri professionisti e preparatori dei portieri che vogliano condividere con noi una parte del loro percorso sportivo.

    I portieri

    Prenderemo in considerazione le seguenti candidature di atleti che non siano già sponsorizzati:

    In rosa in serie A;
    Almeno in panchina in serie B;
    Titolari in Lega Pro;
    Titolari in Serie D con ottimo seguito sui social network a nostro insindacabile giudizio.

    Nota bene: non siamo interessati a candidature che non rientrino specificatamente in quando indicato sopra.

    I preparatori e gli allenatori dei portieri

    Cerchiamo preparatori motivati, presenti e attivi sui social network che abbiano a disposizione una scuola calcio o siano nei quadri di società professionistiche o dilettantistiche di ottimo livello.

    Cosa offriamo

    Portierecalcio.it sta lanciando la propria linea di prodotti di alta qualità. Abbiamo appena cominciato con i guanti da portiere P1.

    Siamo certi di mettere a disposizione guanti da portiere di altissimo livello per qualunque tipo di terreno. La nostra proposta permetterà di coprire l'intera stagione sportiva dalla prima all'ultima partita.

    Successivamente, come già accaduto con Andrea Paroni della Virtus Entella (ora sponsorizzato Rinat), offriremo un canale diretto e preferenziale con tutte le aziende presenti sul nostro ecommerce nel momento in cui dovessero cercare atleti da seguire e fare entrare nelle proprie scuderie.

    Per i preparatori sono previste offerte vantaggiose e forniture specifiche anche per i ragazzi seguiti.

    Cosa devi fare

    Se rientri esattamente in quanto scritto sopra (diversamente non prenderemo in considerazione il contatto ricevuto), contattaci immediatamente scrivendo sulla nostra pagina Facebook Ufficiale o attraverso il nostro modulo di contatto.

    Analizzato il tuo percorso sportivo, se lo troveremo interessante, ti contatteremo per farti la nostra proposta, che potrai valutare senza alcun impegno.

    Se l'accetterai, sarai sostenuto da una delle più grandi aziende del settore, che accenderà un faro sulla tua attività calcistica, valorizzandola e dandole l'importanza che merita.

  • Consigli pre-ritiro da parte del preparatore dei portieri Raffaele Zazzera

    zazzera

    Ci onora ospitare sul nostro blog il preparatore dei portieri Raffaele Zazzera, che per sua amichevole concessione ci presenta alcuni preziosi consigli per mantenere un minimo di allenamento durante le vacanze, prima che cominci il ritiro precampionato.

    Portierecalcio.it vi augura una buona lettura!


    Durante la pausa estiva a seconda della categoria ci sono almeno 2 o 3 mesi di inattività totale, senza (o quasi) allenamento da parte dei portieri.

    Quando finisce il campionato la domanda che sorge spontanea e che spesso assale ogni atleta è: Mi riposo e non faccio nulla o continuo ad allenarmi?

    Non vanno tralasciati i miglioramenti fatti nell'anno appena terminato! Ritengo che, svolgere delle sedute di mantenimento nei mesi estivi, possa essere di grande aiuto al momento della ripresa dell'attività fisica.

    Una attività programmata da un preparatore dei portieri o da un preparatore atletico mirata aiuta a tenere il tono muscolare efficiente e pronto all'attività fisica. Se non hai a disposizione un piano di lavoro già pronto, qui troverai alcuni consigli utili.

    Un obiettivo che non deve essere passato in secondo piano, è il ridurre al minimo i rischi di lesioni muscolari, che a causa dell'inattività possono più facilmente insorgere nella fase della preparazione dove i carichi di lavoro sono importanti.

    Come tutti sappiamo la qualità della forza se non allenata inizia a diminuire dopo 72 ore. Immaginiamoci come un portiere si possa presentare al ritiro di inizio stagione se è stato completamente fermo.

    Durante tutta estate e facile praticare diversi sport che possano aiutare al portiere per il mantenimento fisico in forma o parti del corpo in movimento come il tennis, il beach volley, il nuoto, il ping pong e tanto altro.

    In questa maniera potremo continuare a lavorare, divertendoci, sugli spostamenti brevi e repentini, sulla visione ottica, su forza ed esplosività, sul tono muscolare e il livello cardiaco.

    Ognuna di queste discipline ha una componente che ci aiuta a mantenere in forma il nostro fisico e la nostra testa, facendo quello che ci piace.

    Ciò ci permetterà di arrivare pronti sia nel corpo, che nella mente all'inizio del ritiro precampionato.


    Se non ne fai ancora parte, iscriviti subito al nostro sito! E' gratis e assieme all'iscrizione alla nostra newsletter, avrai sino a tre euro di sconto (150 punti) che potrai utilizzare durante il primo acquisto. Completandolo, accumulerai altri punti che daranno diritto a ulteriori sconti con la nostra campagna punti fedeltà.

    novità portierecalcio.it

  • Intervista a Elia Benedettini (San Marino e Novara)

    benedettini

    È davvero un piacere avere qui sul blog di Portierecalcio.it Elia Benedettini!

    Elia è il portiere della Nazionale della Repubblica di San Marino nonché uno dei portieri del Novara, che milita in Serie B.

    Ho avuto il piacere di conoscerlo grazie a un commento sulla nostra pagina ufficiale su Facebook, dove l'estremo difensore sammarinese mostrava il suo disappunto per l'assenza di Neuer (infortunato) nella sfida che lo avrebbe visto contrapporsi alla Germania.

    Da quel momento è nato uno scambio amichevole di messaggi dal quale è scaturita questa intervista, che oggi pubblichiamo qui. Buona lettura!


     

    Portierecalcio.it: Ciao Elia e grazie per il tempo che stai mettendo a nostra disposizione e dei lettori del blog. Partiamo prima di tutto dall'emozione di vestire la maglia della nazionale del tuo paese e del misurarti contro dei fuoriclasse che la stragrande maggioranza dei tuoi colleghi vedrà solo in televisione. Cosa si prova?

    Benedettini: È un emozione indescrivibile, per me è come indossare la maglia della nazionale italiana per qualsiasi altra persona che vive in Italia. Un onore e un privilegio. Giocare contro nazioni infinitamente più grandi di noi, con giocatori che spesso e volentieri vediamo giocare finali di Champions, sono esperienze che ti porti dentro finché campi, non conta il risultato. In campo mettiamo tutto noi stessi per onorare e far rispettare il Paese. Spesso riceviamo critiche da parte di molti, ma andiamo avanti a testa alta consapevoli di quanto sacrificio e lavoro c'è dietro ad ogni partita. Chiaramente per un paese in cui solo 100/150 persone giocano a calcio è difficile avere una qualità alta rispetto a chi seleziona tra milioni di giocatori.

    Portierecalcio.it: Qual è stato il momento più bello e quale il più brutto della tua carriera in nazionale?

    Benedettini: Il ricordo più bello senza alcun dubbio è la vittoria in Under 21 contro il Galles, la prima per la Nazionale. Eravamo un gruppo fantastico composto da amici cresciuti con te fin dai primi calci al pallone. È stato qualcosa di stupendo. Di momenti brutti purtroppo se ne vivono tanti in nazionale, speri sempre di far il meglio possibile ma spesso capita di prendere troppi gol. Forse però uno su tutti può essere contro la Lituania in casa loro, eravamo 1-1 al 92", ricordo che all'ultima azione prendemmo gol. Tutta la squadra fece una grande partita. Eravamo a 10 secondi da riscrivere la storia, crollai a terra in lacrime, meritavamo quel punto.

    Portierecalcio.it: A differenza dei tuoi compagni stai facendo una carriera da professionista e in questo momento sei uno dei portieri del Novara. Come è stato esordire in Serie B?

    Benedettini: Non penso servano aggettivi per descrivere un esordio in serie B, è qualcosa di unico. Tutti i sacrifici fatti da quando avevo 5 anni sono stati ripagati in 90 minuti. Purtroppo abbiamo perso 4-1 in casa dell Entella, ma dopo una settimana ho avuto un altra occasione che andò decisamente meglio (2-1 in casa contro il carpi). Spero sia solo l'inizio.

    Portierecalcio.it: Sogni di ripercorrere i successi di Massimo Bonini e Marco Macina, che hanno assaporato il calcio che conta?

    Benedettini: Non hai citato giocatori qualunque, sono giocatori, specialmente Massimo, che hanno fatto una grande carriera. Sicuramente l'obiettivo di ogni giovane è arrivare più in alto possibile senza mai porsi limiti, poi solo il tempo rivelerà se sarò all altezza o meno. Di sicuro bisogna lavorare duro ogni giorno e sputare sangue per arrivare a quei livelli.

    Portierecalcio.it: Parliamo dell'allenamento. Cosa ti piace curare di più durante la settimana?

    Benedettini: Quest'anno ho avuto l'onore di essere allenato da Massimo Cataldi, uno che ne sa e molto. Cura i portieri a 360°, e se c'è una cosa che ho imparato è che l'intensità negli allenamenti e la cattiveria non può mai mancare, in ogni singolo esercizio bisogna dare l'anima.

    Portierecalcio.it: Dove pensi che tu possa migliorare tecnicamente?

    Benedettini: Ogni portiere può migliorare in tutto, nessuno è mai completo veramente. Soprattutto a 22 anni.

    Portierecalcio.it Cosa vorresti dire ai ragazzi che ti stanno leggendo ora sul nostro blog?

    Benedettini: Se siete portieri, indipendentemente dalla categoria che si occupa, state facendo il ruolo più bello e importante. Sempre a testa alta. Non mollate mai. Un abbraccio a tutti i lettori.

    Portierecalcio.it: Grazie a Elia per la disponibilità! Speriamo che possa avere tantissime soddisfazioni sportive e siamo pronti a seguirlo e a supportarlo con il nostro tifo!


    Se non ne fai ancora parte, iscriviti subito al nostro sito! E' gratis e assieme all'iscrizione alla nostra newsletter, avrai sino a tre euro di sconto (150 punti) che potrai utilizzare durante il primo acquisto. Completandolo, accumulerai altri punti che daranno diritto a ulteriori sconti con la nostra campagna punti fedeltà.

Oggetti 1 a 10 di 225 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. ...
  7. 23