raiola

  • Donnarumma deve rinnovare con il Milan?

    Donnarumma bacia lo stemma del MilanGianluigi Donnarumma, a soli 18 anni, è già diventato uno dei pezzi pregiati del calciomercato. Una sola stagione è bastata per confermare le enormi potenzialità già espresse sul campo e gli ampi margini di crescita dovuti all'ancora giovane età, lo candidano all'elite mondiale nel suo ruolo nei prossimi anni.

    Milanista e portiere del Milan. Una storia che potrebbe già concludersi qui con il lieto fine. Eppure, le difficoltà societarie non ancora dissolte, rendono il rinnovo del contratto, in scadenza a giugno 2018, non semplice come sembrerebbe.

    E il suo procuratore? Ebbene sì, è proprio il peggior interlocutore che l'attuale o nuova dirigenza possano avere: Mino Raiola.

    In tempi non sospetti, Raiola, intervistato dal Corriere dello Sport, definì Donnarumma un Modigliani, spingendosi anche a spiegare la sua visione: «Gianluigi è come la tela bianca sulla quale un artista dà la prima pennellata, poi la seconda, la terza e così via. E dal nulla nasce un capolavoro. Ecco, Donnarumma è un capolavoro che diventa più bello giorno dopo giorno. Ha 17 anni, però, ha la maturità di un veterano, cerca di migliorarsi in ogni allenamento, è un ragazzo molto serio e molto bene educato. Si ricordi ciò che le dico oggi: Donnarumma può diventare il portiere più forte del mondo».

    Ora, nel momento in cui scrivo, la situazione non è ancora sbloccata. C'è un tacito accordo per tenere la situazione in sospeso sino all'agognato closing. Ci sarebbe un preaccordo sulla base di 50 milioni di euro lordi in cinque anni. Una cifra congrua per gli standard attuali a cui ci siamo abituati e che andrebbe certamente vista al rialzo nel corso degli anni, come ormai accade consuetudinariamente con i giocatori più richiesti dai top club. Continua a leggere

1 oggetto(i)

Presenti su Google+