Storelli

  • L'abbigliamento protettivo per il calcio femminile

    Il calcio femminile sta crescendo. Chiunque lo segua, non potrà negare che negli ultimi cinque anni, tutto il movimento si stia sviluppando e acquistando importanza.

    Se ci soffermiamo sull'Italia, qualche passo in avanti si sta facendo, pur rimanendo tra i paesi calcisticamente più evoluti, quelli che hanno sempre visto il calcio femminile come qualcosa di anacronistico. Sbagliando.

    All'estero ci sono stadi pieni durante le competizioni internazionali e le coppe europee godono di salute e visibilità.

    In Italia non è così, anche se c'è qualche tentativo della FIGC di stimolare l'interesse. Lo scorso anno, a Reggio Emilia si è disputata la finale di Champions League femminile con un ottimo riscontro di pubblico.

    Questo non nasconde però, che i problemi siano ancora enormi, tra disinteresse degli sponsor e uno sport che legato a limiti culturali ancora molto diffusi sul nostro territorio.

    Resta il fatto che il calcio femminile esiste, prospera e dà la possibilità a tantissime ragazze e donne, di praticare a più livelli e ambire a palcoscenici di un certo livello.

    Ma come affrontano le ragazze gli allenamenti? Nell'attuale offerta di abbigliamento sportivo, quello del calcio è uno di quelli meno differenziati.

    Vestiario e accessori sono unisex, ma le necessità sono diverse. E in questo vuoto ha deciso di inserirsi Storelli.

    Il marchio statunitense, ma con anima italiana, conosce bene quanto sia diffuso il calcio negli USA. Le ragazze lo praticano diffusamente nelle scuole e la nazionale a stelle e strisce è una delle più forti al mondo. Continua a leggere

  • I portieri del West Ham United scelgono Storelli

    west ham

    La protezione per il portiere è fondamentale. Obbligatoria in allenamento, raccomandata in partita, se il campo e le condizioni fisiche la rendono necessaria.

    Anche i professionisti, che avevano abbandonato le imbottiture in nome di una sempre più presunta libertà di movimento, stanno tornando a utilizzarle, scegliendo i materiali migliori per prevenire gli infortuni di gioco.

    Fa piacere quindi scoprire che i portieri del West Ham United Adrián San Miguel Del Castillo, Darren Randolph e Raphael Spiegel hanno scelto la sottomaglia e lo slider Storelli per proteggersi durante gli allenamenti e, se sarà necessario, durante le partite.

    Ecco qui sotto le prime immagini direttamente dagli spogliatoi.

    Thank you @storellisports ⚽️#YourSecretWeapon #Goalkeeper #Goalkeeping #RaphaSpiegel #DarrenRandolph #Adrián #tikitaka

    Un post condiviso da Adrián San Miguel Del Castillo (@adr13nsanmiguel) in data:

    Il nostro invito è di seguire il loro esempio per parare in assoluta sicurezza e ridurre al minimo il rischio di traumi e fastidiose sbucciature.


     

    Se non ne fai ancora parte, iscriviti subito al nostro sito! E' gratis e assieme all'iscrizione alla nostra newsletter, avrai sino a tre euro di sconto (150 punti) che potrai utilizzare durante il primo acquisto. Completandolo, accumulerai altri punti che daranno diritto a ulteriori sconti con la nostra campagna punti fedeltà.

  • Storelli è la nuova arma segreta di Casillas

    Storelli Casillas

    Quando su Portierecalcio.it parliamo di abbigliamento protettivo, il nome che ci viene subito in mente è Storelli. Sono ormai tanti i loro prodotti disponibili sul nostro sito. E' diventato quasi automatico consigliarli, quando ci viene chiesto cosa indossare in allenamento e in partita. Con il passare degli anni, sempre più portieri, anche professionisti, hanno iniziato a farne uso con grande soddisfazione e sollievo per i loro arti.

    I numerosi feedback entusiasti sono importanti, ma per aumentare la notorietà del brand oltre la cerchia degli appassionati che si informano e scelgono con attenzione, bisogna necessariamente lavorare con atleti di caratura internazionale, capaci di catalizzare in poco tempo, tantissima attenzione dai propri fan.

    Alcuni ricorderanno sicuramente l'enorme pubblicità gratuita ottenuta con Rooney, quando infortunatosi alla testa, riuscì a tornare in campo rapidamente grazie alla fascia protettiva per la testa. Stessa cosa accadde in Italia con Chiellini. Continua a leggere

  • Alcuni consigli per le maglie da portiere estive

    Maglie portiere estate

    Siamo in piena primavera e le temperature salgono inesorabilmente. Si tolgono le maglie termiche invernali e si ripone l'abbigliamento più pesante negli armadi. Per i portieri, parlare di indumenti più leggeri è sempre relativo, a meno che non si opti per cose che poco hanno a che fare con la protezione. Scelte accettabili, che però sono lontane dalla nostra idea di sicurezza e prevenzione dai soliti e fastidiosi traumi di gioco.

    Non dobbiamo comunque preoccuparci. I progressi fatti dai tessuti per uso sportivo hanno notevolmente migliorato le condizioni di gioco con il caldo. Sono lontani gli allenamenti e le partite estive con maglie pesanti e sudorazione ai limiti della disidratazione anche da fermo.

    Oggi ci sono tante soluzioni che permettono di giocare con protezioni adeguate, ma senza rischiare un collasso. Nell'elenco che seguirà, indicheremo alcune proposte interessanti e che ti consentiranno di scendere in campo protetto e senza soffrire troppo le alte temperature.

    Le maglie da portiere Storelli

    La ExoShield Gladiator è disponibile in due versioni. La prima in colorazione nera e gialla e la seconda con i colori invertiti, gialla e nera. Il tessuto è davvero molto leggero e i numerosi inserti in mesh aiutano una veloce traspirazione dell'umidità corporea. Le protezioni sui gomiti sono le migliori che possa trovare su una maglia da portiere. Progettate per posizionarsi correttamente e proteggere anche la zona interna ed esterna del gomito. Non correrai il rischio di avere una imbottitura troppo rigida, perché le qualità del Poron assicurano tantissimo assorbimento all'impatto con il suolo e totale mobilità dell'articolazione. Continua a leggere

  • Storelli parla delle sue fantastiche protezioni su Sport Illustrated

    Se ci seguite da tempo, conoscerete bene la nostra opinione sui prodotti Storelli, eccellenti ed ideali per i portieri che ritengono la propria protezione un aspetto fondamentale della propria attività sul campo. La scorsa settimana, sul famosissimo Sport Illustrated, Claudio ha rilasciato un'interessante intervista, che abbiamo deciso di tradurre e renderla fruibile anche a chi (mannaggia a voi) non mastica ancora bene la lingua inglese. Buona lettura.

    I giocatori di calcio sono sempre stati orgogliosi del loro abbigliamento minimalista. Molti giocatori erano d'accordo che un completo doveva essere composto da maglia, pantaloncino, calzettoni e scarpe. Prima che i parastinchi diventassero obbligatori nel 1990, molti di loro evitavano di indossarli.

    Ma Claudio Storelli, italiano e portiere ai tempi del college, nonché cofondatore della Storelli Sports, ritiene che il machismo della vecchie generazioni sia ormai fuori moda, e i giocatori più giovani ora cerchino accessori che proteggano i loro corpi dagli infortuni da contatto.

    "Un interessante parallelo lo si può fare con il basket" dice Storelli. "Quindici anni fa, gli accessori imbottiti erano decisamente inusuali ed i tradizionalisti avrebbero visto  protezioni per le costole e gomitiere come un'eresia. Ma date un'occhiata ora ai giocatori di NBA o NCAA - molti di loro sono protetti dalla testa ai piedi. Perché? Nessuno li sta obbligando. Vogliono giocare in modo più fisico. Noi stiamo portando lo stesso concetto nel calcio ed i calciatori lo apprezzano."

    L'ispirazione per questo equipaggiamento, viene da direttamente dai dolori e infortuni che ha subito. Tuffandosi ripetutamente su campi duri, durante gli allenamenti da ragazzo, dice, ha riportato contusioni e cicatrici che può indicare ancora oggi. Dopo il college, quando ha trovato lavoro nell'industria finanziaria, ha continuato a giocare in alcune leghe. Lui ed i suoi compagni guerrieri del fine settimana, iniziarono a meravigliarsi di come ci si rovinasse ogni volta e se ne valesse davvero la pena. Continua a leggere

  • Conosciamo la fascia per la testa Storelli, indossata anche da Rooney

    Se c'è un marchio presente sul nostro sito, a cui possiamo sentirci particolarmente legati, questo è sicuramente Storelli. La società di abbigliamento tecnico protettivo, di origine chiaramente italiana (uno dei titolari fa di cognome proprio Storelli) ha iniziato ad avere rapporti con noi, sin da prima che iniziasse a commercializzare i primi prodotti. Questo ha portato a rafforzare la nostra partnership, forti della qualità degli articoli proposti e del consenso ricevuto dai clienti.

    Questa premessa serve a raccontare meglio quanto accaduto lo scorso settembre, quando nel primo pomeriggio di un sabato, il mio occhio è caduto sulla figura di Wayne Rooney, fresco di infortunio alla fronte, eppure già in campo. Sulla testa una specie di fascia nera che, conoscendo già l'accessorio, non ho fatto fatica a riconoscere nell'HeadGuard Storelli. La sorpresa, non lo nego, fu molta, perché per quanto a conoscenza dell'eccellenza del prodotto, non avrei mai immaginato di vederlo indossare da un giocatore di livello mondiale, anche per gli stringenti vincoli legati alle sponsorizzazioni. Entusiasti della cosa, non abbiamo non potuto comunicare la nostra sorpresa proprio a Claudio (il grande capo), anche lui felicissimo per quello che stava vedendo. Poi, siamo venuti a sapere che tutto è nato all'improvviso, immediatamente dopo l'infortunio del giocatore inglese, con l'idea di spedire al Manchester United alcune fasce per fargliele provare. Da qui ad immaginare che potesse indossarla in partita, la strada era lunghissima, ed invece, tra la sorpresa generale le cose sono andate diversamente e la fascia protettiva per la testa Storelli ha inaspettatamente avuto una visibilità mondiale che mai si sarebbe immaginata. Rooney ha segnato e proseguito ad usarla per circa un mese, lasciandola solo quando la ferita era completamente guarita e rimarginata. Segnalo anche Pasqual, capitano della Fiorentina, ne ha fatto uso con la Fiorentina, successivamente alla brutta lacerazione in cui è incorso durante la partita con la nazionale italiana.

    Ma cosa ha di speciale la ExoShield Headguard Storelli? Innanzitutto la costruzione, perché abituati ai classici caschetti da rugby e indossati anche da calciatori famosi come Cech e Chivu, vedere una fascia che lascia libera la parte alta del cranio, è certamente una novità. Il vantaggio nel non dover indossare una protezione che ricopre tutta la testa è duplice, perché oltre a non appesantire eccessivamente la zona, protegge in maniera specifica le parti più esposte a contatti durante l'attività sportiva. Inoltre, usare una protezione del genere può avvantaggiare chi teme infortuni al capo, dandogli quella sicurezza che altrimenti non avrebbe.

    Per altri dettagli, compresa una tabella delle misure, vi rimando alla scheda prodotto dove è possibile acquistarla.

  • Consigli per l'abbigliamento protettivo dei portieri nel ritiro precampionato

    Siamo in piena estate e stiamo ancora metabolizzando i campionati e i tornei disputati nel corso dell'ultima stagione. Tra chi è andato in vacanza o per i tanti rimasti a casa, è il caso di fare il punto della situazione sull'attrezzatura a propria disposizione, perché manca poco per la ripartenza dell'attività ed è meglio farsi trovare pronti al momento del ritiro o della preparazione in vista della prossima stagione calcistica.

    Se siete tra i pochi fortunati ad avere alle spalle una società seria che vi fornisca l'abbigliamento dalla a alla z, il problema è relativo, visto che troverete già tutto pronto nello spogliatoio, ma noi ci rivolgiamo a tutti quelli sono costretti a fare da soli (in molti casi è decisamente meglio...) e vorrebbero terminare l'allenamento senza abrasioni, lividi, contusioni o persino borsiti (il vero terrore di ogni portiere che si rispetti). Purtroppo, ci capita sempre di parlare con ragazzi (di tutte le età, anche oltre gli 'anta') che non si rendono conto di quanto sia importante proteggersi almeno durante gli esercizi più stressanti per il corpo di un portiere.

    Come spendere allora? Tralasciando i guanti, vi proponiamo quattro budget diversi con le relative proposte, cercando di soddisfare tutti con i propri limiti di spesa e badando a fianchi e gomiti, permettendovi di giocare con adeguate protezioni e liberi dal blocco mentale di farvi male stupidamente.

    Budget intorno ai 50 euro: se avete limitata disponibilità economica, non possiamo che consigliarvi le ultime proposte Joma con la Shirt Goalkeeper Protection manica lunga e lo Short Goalkeeper Protection. Semplici, leggeri e sufficientemente protettivi. Ottimi anche come soluzione da usare in partita, soprattutto se non siete amanti delle protezioni ingombranti.

    Budget intorno ai 70 euro: partiamo dal sottopantalone, suggerendo il Suspenso Short della Reusch, con ottime piastre in EVA sui fianchi e una conchiglia rigida (estraibile) pronta a proteggere i genitali. Da non sottovalutare, per chi volesse imbottiture più tradizionali il Guardian Short sempre della Reusch con protezioni in spugna. Entrambi i prodotti hanno costi inferiori ai 50 euro e con la differenza possiamo puntare su delle gomitiere, sempre utili a proteggere i gomiti. Non da ultimo, anzi... la soluzione tutta Reusch composta da Undershirt e Underpant per un totale di 71 euro che vi darà protezione completa su tutto il corpo.

    Budget intorno ai 100 euro: proponiamo ancora un set completo della Reusch, composto da sottomaglia e sottopantalone, entrambi ben imbottiti con protezioni ampie in eva. La CS shirt presenta ampie imbottiture su gomito e avambraccio, mentre il CS Femur short una doppia protezione sui fianchi, studiata per non disturbare il movimento della gamba. L'ammortizzazione è assolutamente garantita anche sui terreni più duri.

    Budget senza limite di spesa: potremmo scrivere "Storelli" e avremmo già fatto e finito, anche perché il marchio italo - americano ha prodotto l'optimum nel settore della protezione per il portiere. Per chi ancora non la conoscesse, parliamo di un'azienda che ha puntato sul Poron, un materiale molto più assorbente di qualunque altro a parità di spessore, presentando una linea composta da sottomaglia, sottopantalone e pantalone a 3/4 con quest'ultimo perfetto per chi non si trovasse a suo agio con capi attillati.

    Un ultima nota. Ricordiamo che sottopantaloni e sottomaglie (come dicono le parole utilizzate) vanno sempre indossati sotto altri capi, per preservarli e allungarne la durata! E' un accorgimento per alcuni scontato, ma

  • Provato il pantalone 3/4 protettivo in Poron Storelli. Caratteristiche e dettagli

    Chi ci conosce e ci segue, perché cliente o comunque appassionato e portiere, avrà letto di Storelli e dei suoi interessantissimi indumenti protettivi. Lanciati lo scorso anno, e sin da subito proposti sul nostro e-commerce, con talmente tanta fiducia sulla qualità dei prodotti, da decidere addirittura di abbinare il nostro marchio al loro, hanno avuto consensi da tantissime persone, realmente stupite dalla qualità generale e dall'efficacia delle protezioni in Poron, vera peculiarità dell'abbigliamento Storelli.

    Della sottomaglia e del sottopantaloncino abbiamo scritto anche sul blog (su forum e facebook ci sono fiumi e fiumi di parole spese a loro favore). Se poi volete farvi un'idea ancora più imparziale, vi rimando alle recensioni pubblicate da chi li ha acquistati e utilizzati con soddisfazione (recensione maglia e recensione short).

    Ma il vero protagonista di questo pezzo è l'ultimo arrivato, il pantalone 3/4, primo pezzo non underwear (non intimo) realizzato. La prima impressione può essere quella di un classico pantalone che termina sotto le ginocchia, ma la realtà va ben oltre, perché il livello protettivo raggiunto, lo pone assolutamente come indumento unico, più protettivo attualmente in vendita su Portierecalcio.it. Le protezioni sui fianchi sono le stesse dell'Ultimate Protection Short, quindi imbottitura spessa in EVA, abbinata ad uno strato aggiuntivo in Poron di 3 mm e infine rivestita in tessuto antiabrasivo. Quelle sulle ginocchia, invece, stupiscono per comodità e leggerezza, realizzate unicamente in Poron spesso 5 mm e sagomate per un'ottimale posizionamento e mobilità del ginocchio. A completare il lavoro, il tessuto elastico su cui sono montate e un ulteriore appendice in tessuto (mobile e antiabrasivo) che le nasconde e protegge al contatto con il suolo.

    Elencate le caratteristiche, provo a commentare la mia prima esperienza sul campo, avvenuta ieri sera su un terreno in erba sintetica molto consumata e ormai abrasiva (tornato a casa con una sbucciatura su un gomito e qualche livido sull'altra). Partiamo dal presupposto che non sono un amante dell'intimo eccessivamente fasciante (non uso sottomaglie imbottite).

    Ho provato una XL e una L. Sono 180 cm con cosce e sedere abbondanti e la XL la sentivo un pò troppo larga, con le protezioni potenzialmente sottoposte a fastidiosi movimenti. Indossata la L, invece, ho subito sentito di essere a mio completo agio, con le imbottiture sui fianchi ben piazzati e quelle sulle ginocchia al punto giusto (comunque riposizionabili, grazie alla struttura elastica). Il cordoncino in vita consente di stringere come si vuole il pantalone e torna molto utile se si volesse abbinare un altro indumento protettivo (chi ha detto doppia protezione Storelli?). Resta un'opzione percorribile per chi non si fa problemi a sembrare un cyborg corazzato, piuttosto che un portiere.

    pantalone 3/4 Storelli con spesse protezioni

    Passando alla resa durante l'uso, consiglio un pantalone termico (corto, lungo, fate voi) se fa freddo, perché il tessuto non ripara sufficientemente. E dunque, queste ginocchiere, come si comportano? Straordinarie! Non c'è bisogno di girarci troppo intorno, perché la sensazione di protezione è totale, senza che questo comporti alcuna limitazione ai movimenti. Ve lo dice uno che non sopporta per più di 10 secondi una ginocchiera. I 5 mm di Poron sono davvero ben implementati e danno quella sicurezza che non dà mai fastidio quando ci si tuffa su terreni pessimi. Sulle protezioni ai fianchi poco da aggiungere che già non si sappia (spettacolari). Semmai, posso dire che indossare un pantalone 'normale' è una soluzione per chi, come me, non va pazzo per l'abbinamento di intimo con protezioni spesse e ulteriore abbigliamento standard con imbottiture.

    Spero di essere stato esaustivo e di aver ben 'raccontato' le sensazioni avute indossando e provando questo ottimo capo di abbigliamento per portieri. E' indubbio che il prezzo di 75 euro non è alla portata di tutti e che, soluzioni alternative a metà prezzo come il 360 Protection Reusch sono comunque valide, ma se volete tutto in un unico pezzo, il BodyShield Ultimate Protection 3/4 GK Short è davvero la soluzione definitiva.

  • Storelli is more than protection. L'innovazione arriva su Portierecalcio.it

    Erano, se ricordo bene, le scorse festività natalizie e una di quelle mattine, Gaspare mi disse di aver bannato dal nostro forum un utente che aveva spammato un sondaggio su dei loro prodotti. Non ci feci molto caso, se non fosse che questa persona chiese lumi e scusandosi per l'accaduto, ci spiegò quali fossero le sue intenzioni e la natura del progetto che stava realizzando. Il questionario fu ripostato e diede inizio a una lunga conversazione informatica che avrebbe portato molto molto lontano.

    La volontà della neonata Storelli Sports era quella di introdurre sul mercato tecnico del calcio, indumenti a compressione con protezioni di ultimissima generazione, realizzate con imbottiture in Poron. E cosa sarebbe tal Poron? E' un poliuretano già diffuso nell'industria meccanica e aerospaziale, leggero, flessibile, traspirante, resistente all'usura e con capacità di ridurre gli impatti sino al 90%, grazie alle peculiari capacità deformanti che assorbono l'urto e evitano il rimbalzo del corpo arrivato al contatto. Vi serve un esempio pratico?

    Credo che ora vi siate resi conto delle proprietà pratiche del Poron... e insomma, il nostro rapporto con la Storelli è andato sempre più sviluppandosi, sino a diventare quasi sinergico, dando consigli e suggerimenti su come migliorare i prototipi, certi della qualità del risultato finale. Ne è la dimostrazione, la possibilità offertaci di poter inserire il nostro marchio nei prodotti messi in vendita nel nostro shop online, quasi come a ripagarci della fiducia datagli sin dai primi contatti (ban escluso :p )

    Dunque, i prodotti, nello specifico due indumenti protettivi (i guanti arriveranno prossimamente), una maglia e un pantaloncino, da usare preferibilmente sotto un altro capo d'abbigliamento. Il primo è la BodyShield GK 3/4 Shirt, maglia elasticizzata con protezioni sulle spalle, i gomiti, i fianchi e sul petto, mentre il secondo è la BodyShield Ultimate Protection GK Short, short ad altissima protettività con imbottiture distribuite su tutta la coscia. Per ulteriori dettagli vi rimando alle schede prodotto sullo shop ;)

9 oggetto(i)

Presenti su Google+