ter Stegen

  • Analisi del video di presentazione dei guanti Adidas Ace Zones Pro

    Guanti portiere Adidas Ace Zones ProAdidas ha pubblicato un video in cui presenta i guanti da portiere Ace Zones Pro, modello indossato dai portieri professionisti a partire dalla prossima stagione, con il debutto tra le mani di ter Stegen in finale di Champions League.

    Un paio di guanti che si rinnova rispetto alla precedente versione e lo fa in diversi aspetti. Analizziamo il video, in inglese, per scoprire tutte le novità. Ovviamente non c'è bisogno di commentare la scelta cromatica, evidente e decisamente diversa alle ultime due versioni del Predator.

    Palmo bicolore dei guanti Adidas Ace Zones Pro

    Iniziamo con il focalizzarci sul palmo, in due colori, giallo e nero. Viene evidenziata la scelta di unire assieme le due colorazioni, abbandonando quanto visto sul Predator, dove le zone diversamente colorate erano cucite e sovrapposte su ogni singolo dito. Si accenna a presunti vantaggi in fase di presa e ammortizzazione, ma non immaginiamo a vantaggi così evidenti, limitandosi esclusivamente ad una scelta tecnica non impattante. Continua a leggere

  • Barcellona e ter Stegen. Ufficialità e clausola da 80 milioni

    Con l'addio di Victor Valdes, già deciso la scorsa stagione, il Barcellona ha sondato il panorama dei portieri per trovare un valido sostituto. Tra portieri già affermati e giovani dall'enorme potenziale, gli occhi dei loro osservatori caddero quasi subito sul giovane portiere tedesco Marc André ter Stegen, classe 1992 e tra i migliori prospetti al mondo nel suo ruolo. Le voci sull'accordo tra lui e il club catalano, si sono fatte sempre più insistenti e divennero assordanti dopo la volontà del giocatore di non voler rinnovare il contratto con il Borussia Mönchengladbach, club in cui è cresciuto e diventato professionista. Durante l'inverno, intervenne Zubizarreta, storico portiere blaugrana ed ora direttore sportivo del club, che affermò di aver già scelto il nuovo portiere, ma non poterlo comunicare per motivi di opportunità. Ormai non era più un segreto che il prescelto fosse proprio ter Stegen e neanche il rischio di sospendere le operazioni di mercato del Barca, la cui sentenza è ora congelata, hanno messo in dubbio questa trattativa. Continua a leggere

2 oggetto(i)

Presenti su Google+