CONSIGLI PER I GUANTI DA BAMBINO

Ciao, quelli che stai per leggere sono dei brevi e pratici consigli per acquistare guanti adatti alla età del piccolo portiere. Comprendiamo quanto possa essere difficile destreggiarsi tra prodotti tecnici, solo apparentemente simili tra loro. Un semplice elenco ti sarà di estremo aiuto ;)

1. Partiamo dalla cosa più importante, la misura della mano. Solitamente un bambino oscilla tra la 5 e la 6 (la misura 4 è per veri e propri portierini in erba) . Per evitare dubbi, vi rimando ai nostri strumenti (non infallibili, ma sicuramente utili) per verificare di persona ==> Misurazione mano. Abbiamo già avuto esperienze di bambini con mani molto sviluppate, ma sono eccezioni. E' vero, c'è anche la misura 7 che va considerata, ma in questo caso va fatta una precisazione. Alcuni brand come Reusch, propongono versioni junior anche in misura 7. Cosa cambia rispetto alle misure 7 degli altri marchi? Assolutamente nulla! Per i guanti, come per le scarpe, la progressione delle taglie è continua, non esistendo alcuna differenza tra versioni junior e normali. Insomma, la 7 è sempre una 7, che sia junior o no. E' solo una convenzione, null'altro.

2. Scoperta la misura della mano, ti consiglio di aprire in un'altra scheda del browser, la pagina con i guanti da bambino attualmente disponibili. Se, invece, la misura parrebbe essere la 7, osserva quelli disponibili nella sezione bambini, ma vai anche nell'altra riservata a tutti gli altri guanti. Troverai altri modelli con la taglia 7 disponibile. Nella colonna 'Fai shopping per' ci sono una serie di filtri che ti aiuteranno nel fare la scelta migliore. Ok, ma come scegliere? Ti aiutiamo noi! Continua a leggere sotto...

3. Il bambino ha bisogno di guanti con stecche protettive? Non sai cosa sono? In pratica i guanti in commercio si dividono in classici e steccati. Questi ultimi sono dotati di un sistema (diverso per ogni produttore) che serve a proteggere le dita dai classici infornuti alle dita. Lo svantaggio? La sensibilità della mano diminuisce e la presa potrebbe non essere salda come se si stesse usando un modello normale. Se si frequenta una scuola calcio o qualche altra società organizzata, consigliamo di parlarne con il personale responsabile e sentirne cosa ne pensa. In alcuni casi, gli allenatori vietano l'uso di guanti con protezioni, perché preferiscono che i bambini imparino la tecnica di parata senza alcun aiuto.

4. Passiamo al terreno di gioco abituale. A grandi linee, si dividono in erba, terra e sintetico. Ognuno di questi terreni può essere in condizioni diverse (nuovo o consumato). Considerando anche che le aziende produttrici è raro che realizzino guanti da bambino con lattici professionali (spesso meno resistenti di quelli più economici), la scelta non è particolarmente complicata, quindi consiglio solo di evitare di usare lattici troppo duri se si gioca sull'erba o sul sintetico nuovo. Ricordo solo che l'usura del lattice, oltre che alla superficie del terreno, dipende anche dal modo in cui i guanti vengono tenuti e dal modo in cui questi vengono 'stressati' durante l'uso. Insomma, pur dovendovi rassegnare all'usura, con qualche accorgimento, se ne può allungare la vita.

5. Fatte tutte le valutazioni, se non hai ancora le idee chiare, puoi applicare i filtri per restringere il campo di ricerca ai modelli più adatti alle esigenze che ritieni più opportune. Ricorda, stecche, terreno di gioco e ovviamente il prezzo.

Ci tengo ad aggiungere che gran parte dei modelli sono simili tra loro, come qualità del lattice e materiali utilizzati. In certi casi entrano in gioco altri fattori, esclusivamente estetici e/o di tifo sportivo (volere il modello con la grafica dei guanti di Buffon, di Julio Cesar, di Abbiati o altri portieri). Non sottovalutate questo aspetto, perché spesso il bambino si sentirà rafforzato nell'indossare i guanti come quelli del proprio idolo!

Se hai ancora dei dubbi, non esitare a contattarci. Cercheremo di aiutarti nella scelta, consigliandoti il modello più adatto.

Portierecalcio.it

Presenti su Google+